Apri il menu principale

Simaxis

comune italiano
Simaxis
comune
(IT) Simàxis
(SC) Simàghis
Simaxis – Stemma Simaxis – Bandiera
Simaxis – Veduta
Chiesa di San Simaco papa
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoGiacomo Obinu (lista civica) dal 31-5-2015
Territorio
Coordinate39°43′15.07″N 8°49′41.22″E / 39.720854°N 8.828116°E39.720854; 8.828116Coordinate: 39°43′15.07″N 8°49′41.22″E / 39.720854°N 8.828116°E39.720854; 8.828116
Altitudinem s.l.m.
Superficie27,82 km²
Abitanti2 200[1] (30-6-2019)
Densità79,08 ab./km²
FrazioniSan Vero Congius
Comuni confinantiOllastra, Oristano, Siamanna, Siapiccia, Solarussa, Zerfaliu
Altre informazioni
Cod. postale09088
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095059
Cod. catastaleI743
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona C, 1 069 GG[2]
Nome abitanti(IT) simaxesi, simaghesi
(SC) simaghesus
Patronosan Simmaco
Giorno festivo19 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Simaxis
Simaxis
Simaxis – Mappa
Posizione del comune di Simaxis all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Simaxis (Simàghis in sardo[3]) è un comune italiano di 2 200 abitanti della provincia di Oristano in Sardegna, facente parte dell'Unione dei Comuni della Bassa Valle del Tirso e del Grighine.

StoriaModifica

L'area fu abitata già in epoca nuragica per la presenza sul territorio di alcune testimonianze archeologiche, tra cui un nuraghe.

Nel medioevo appartenne al Giudicato di Arborea e fece parte della curatoria di Simaxis, di cui era il capoluogo. Alla caduta del giudicato (1410) entrò a far parte del Marchesato di Oristano. Alla sconfitta del marchesato durante la conquista aragonese della Sardegna, passò sotto il dominio aragonese e cadde in possesso della famiglia dei Carroz. Intorno al 1767 fu incorporato nel Marchesato d'Arcais, feudo della famiglia dei Nurra, ai quali fu riscattato nel 1839 con la soppressione del sistema feudale.

Nel 1928 fu aggiunta la frazione di San Vero Congius, fino ad allora comune autonomo.

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[4]

 

Lingue e dialettiModifica

La variante del sardo parlata a Simaxis è il campidanese oristanese.

CulturaModifica

EventiModifica

Il paese è molto conosciuto per la Giornata del Riso che si tiene solitamente nel mese di novembre. Oltre ciò il paese è noto anche per il carnevale organizzato in chiave rétro. La festa in questione si festeggia solitamente il sabato della settimana del martedì grasso. La festa è nota sotto il nome di "Sa Coja de tziu Damus" (il matrimonio di Signor Damus) che prevede un matrimonio di una coppia di sposi (lei alta e robusta, lui basso e molto magro). Il matrimonio è celebrato da un attore che impersona il Sindaco, e tutta la popolazione partecipa indossando così come gli sposi, abiti della tradizione agro-pastorale. Il corteo nuziale sfila poi per tutto il paese. La festa si conclude con la cena di nozze, la cui peculiarità è che tutti gli "invitati" devono portarsi da casa propria le sedie e il cibo. Entrambe le manifestazioni sono organizzate e realizzate dall'Associazione Turistica Pro Loco di Simaxis.

Un'altra importante manifestazione che si svolge nel comune di Simaxis è il "Mraxani rumor fest", un festival che nel 2010 è giunto alla sua quarta edizione organizzato, con l'aiuto del comune e delle attività locali, da una sessantina di giovani del paese i quali son riusciti a portare nel piccolo paese artisti come Caparezza, Motel Connection, The Wailers, 99 posse e tanti altri.

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2019.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Toponimo ufficiale in lingua sarda ai sensi dell'articolo 10 della Legge n. 482 del 15.12.1999, adottato con Delibera di Consiglio Comunale n. 40 del 25.08.2010 [1][collegamento interrotto]
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
 
Costume tradizionale

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN242350764 · GND (DE7702768-1 · WorldCat Identities (EN242350764
  Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna