Zerfaliu

comune italiano
Zerfaliu
comune
(IT) Zerfalìu
(SC) Tzorfolìu
Zerfaliu – Stemma Zerfaliu – Bandiera
Zerfaliu – Veduta
La chiesa romanica di San Giovanni
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaProvincia di Oristano-Stemma.svg Oristano
Amministrazione
SindacoPinuccio Lino Chelo (lista civica) dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate39°57′36″N 8°42′36″E / 39.96°N 8.71°E39.96; 8.71Coordinate: 39°57′36″N 8°42′36″E / 39.96°N 8.71°E39.96; 8.71
Altitudine15 m s.l.m.
Superficie15,56 km²
Abitanti1 092[1] (31-12-2016)
Densità70,18 ab./km²
Comuni confinantiOllastra, Paulilatino, Simaxis, Solarussa, Villanova Truschedu
Altre informazioni
Cod. postale09070
Prefisso0783
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT095075
Cod. catastaleM168
TargaOR
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantizerfaliesi
PatronoSantissima Trasfigurazione (Santu Domini)
Giorno festivo6 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Zerfaliu
Zerfaliu
Zerfaliu – Mappa
Posizione del comune di Zerfaliu all'interno della provincia di Oristano
Sito istituzionale

Zerfaliu (Tzorfolìu in sardo[2]) è un comune italiano di 1 092 abitanti[1] della provincia di Oristano in Sardegna, nella regione del Campidano di Oristano. Il paese è un importante centro di produzione di di agrumi e vini di qualità (vernaccia).

Indice

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Nel territorio del paese sono presenti alcuni luoghi di interesse tra i quali:

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[3]

 

Lingue e dialettiModifica

La variante del sardo parlata a Zerfaliu è il campidanese oristanese.

CulturaModifica

La festa principale di Zerfaliu è Gesù Trasfigurato (il patrono), organizzata dal Comitato dei cinquantenni, seguito dalla festa di San Pio, organizzata dal Comitato dei quarantenni. La festa di Gesù Trasfigurato si tiene il 6 agosto ma si festeggia anche la sera del 5 agosto. Sempre la sera del 5 agosto il parroco del paese celebra la messa in onore dei defunti del comitato. La vigilia del 6 agosto viene chiamata "S'Arrassignu". La processione dopo la messa è accompagnata da un canto in sardo chiamato "Coggius". La seconda festa del paese è dedicata a san Pio e si festeggia il 22 e il 23 settembre. È la seconda festa più importante del paese e la Santa Messa viene celebrata dal parroco del paese nella piazza dedicata al santo. La terza festa è la "Sagra degli agrumi": si tiene ogni anno tra febbraio e marzo per valorizzare il prodotto tipico del territorio.

NoteModifica

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2016.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Torino, UTET, 1990, p. 718.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sardegna