Apri il menu principale
Sirio (P 409)
MM Sirio (P 409).jpg
Nave Sirio
Descrizione generale
Naval Ensign of Italy.svg
Tipopattugliatore d'altura
ClasseCostellazioni 2ª serie
Caratteristiche generali
Dislocamento(a pieno carico) 1 518
Lunghezza88,6 m
Larghezza12,2 m
Pescaggio3,84 m
PropulsioneDiesel: Potenza: 2 × 4 320 kW
Velocità22 nodi (41 km/h)
Autonomia3 300 miglia a 17 nodi
Equipaggio70
Armamento
Armamentoartiglieria:
voci di navi presenti su Wikipedia

Il Sirio è un pattugliatore d'altura italiano per la vigilanza della pesca (ViPe), la sorveglianza e la difesa costiera e il controllo del traffico mercantile marittimo; assieme al gemello Orione fa parte della classe Costellazioni 2ª serie del progetto denominato: Nuove Unità Pattugliamento d'Altura, unità gestite operativamente dalla Marina Militare e finanziate dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione.

ServizioModifica

Il pattugliatore, costruito negli stabilimenti di Muggiano è stato varato l'11 maggio 2002 e consegnato alla Marina Militare il 30 maggio 2003. La Bandiera di Combattimento è stata consegnata il 12 marzo 2005 a La Spezia dal Gruppo ANMI "Vanni Folco" di Savona.

L'unità porta il nome di una torpediniera della seconda guerra mondiale della Regia Marina che dopo il conflitto ha prestato servizio come unità di scorta nella Marina Militare: Sirio.

È inquadrato nel COMSQUAPAT2 del COMFORPAT, il Comando delle forze da pattugliamento per la sorveglianza e la difesa costiera con base operativa ad Augusta ed è impiegato nel pattugliamento costiero ed in particolare nel controllo del traffico mercantile e la sorveglianza nel controllo dell'immigrazione nel canale di Sicilia. Oltre alle missioni ViPe (vigilanza pesca) e a quelle sopra citate, svolge occasionalmente attività di formazione ospitando ad esempio sessioni della Scuola del Comando Navale[1]

Nell'ambito della sua attività di vigilanza, ha effettuato vari salvataggi di migranti in difficoltà nel tentativo di attraversare il Canale di Sicilia verso le coste italiane[2].

Nel 2010 il pattugliatore ha effettuato anche attività di esercitazione antinquinamento, precisamente la Naxos 2010 che simulava lo sversamento di greggio nel mare antistante Giardini Naxos e conseguente inquinamento anche della spiaggia[3].

NoteModifica

  1. ^ http://www.lecceprima.it/articolo.asp?articolo=20475[collegamento interrotto] Urania, Sirio e Vega “pattugliano” il porto gallipolino - accesso 7 marzo 2011
  2. ^ http://www.comunicalo.it/index.php?option=com_content&view=article&id=2426:immigrazione-136-immigrati-salvati-dalla-marina-militare-al-largo-di-lampedusa-&catid=58:attualit&Itemid=26 IMMIGRAZIONE. 136 immigrati salvati dalla marina militare al largo di Lampedusa - accesso 7 marzo 2011
  3. ^ http://www.commilitoni.com/it/news/2010-06-22-17-52-12/711-sicilia-lesercitazione-antinquinamento-naxos-2010.html[collegamento interrotto] SICILIA - L'ESERCITAZIONE ANTINQUINAMENTO NAXOS 2010 - accesso 7 marzo 2011

Collegamenti esterniModifica

  Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina