Sofia di Baviera (1376-1428)

Sofia di Baviera
ZofieBav2.jpg
Ritratto di Sofia di Baviera, miniatura della Bibbia di Venceslao.
Regina consorte di Germania
Stemma
In carica 2 maggio 1389 –
20 agosto 1400
Predecessore Giovanna di Baviera
Successore Elisabetta di Norimberga
Regina consorte di Boemia
In carica 2 maggio 1389 –
16 agosto 1419
Predecessore Giovanna di Baviera
Successore Barbara di Cilli
Nascita 1376 circa
Morte Bratislava, 4 novembre 1428
Casa reale Wittelsbach
Padre Giovanni II di Baviera
Madre Caterina di Gorizia
Consorte di Venceslao di Lussemburgo
Figli nessuno
Religione Cattolicesimo

Sofia di Baviera (1376Bratislava, 4 novembre 1428[1]) è stata regina consorte di Germania dal 1389 al 1400 e regina consorte di Boemia dal 1389 al 1419, come sposa di Venceslao di Lussemburgo. Ebbe anche brevemente l'incarico di reggente della Boemia dopo la morte del marito nel 1419.

BiografiaModifica

Famiglia e giovinezzaModifica

Sofia apparteneva al Casato di Wittelsbach ed era la più giovane dei figli di Giovanni II di Baviera e di sua moglie Caterina di Gorizia. I suoi fratelli maggiori erano Ernesto e Guglielmo III di Baviera. I suoi nonni paterni erano Stefano II di Baviera ed Isabella di Sicilia, figlia di Federico III di Sicilia ed Eleonora d'Angiò. Sofia era quindi cugina di Isabella di Baviera, regina di Francia. I suoi nonni materni erano invece Mainardo VI di Gorizia e Caterina di Pfannberg.

Sofia passò la sua giovinezza a Landshut, sotto la tutela di suo zio Federico di Baviera. Tra le sue attività preferite vi era la caccia, cosa che la accomunava al suo futuro sposo. Nel 1388 Federico di Baviera portò Sofia con sé a Praga, con l'intento di trovarle un valido contratto matrimoniale. Le negoziazioni andarono a buon fine e fu stabilito che Sofia sposasse il re dei Romani e re di Boemia, Venceslao di Lussemburgo, ventisettenne e vedovo della prima moglie Giovanna di Baviera. Nonostante avesse appena dodici anni, Sofia ebbe una buona impressione del suo futuro marito.

ReginaModifica

Il matrimonio tra Sofia e Venceslao fu celebrato a Praga il 2 maggio 1389. A causa di una disputa tra il re e l'arcivescovo di Praga, il rito fu probabilmente officiato dal cancelliere di Venceslao, il vescovo Giovanni. L'assenza dell'arcivescovo impedì alla nuova regina di essere incoronata.

In occasione delle nozze, il re commissionò numerosi manoscritti, tra cui la Bibbia di Venceslao e un codice sulla fedeltà coniugale. La relazione tra gli sposi fu definita felice, ma non produsse discendenza.

Le cronache dell'epoca descrivono Venceslao come un sovrano inetto, mentre di Sofia sottolineano il talento per gli affari economici. Nel marzo 1393, Giovanni Nepomuceno, confessore della regina, morì dopo essere stato torturato. La tradizione vuole che fu ucciso perché non cedette a rivelare al re la confessione di Sofia, ma all'epoca era anche coinvolto in un conflitto con Giovanni di Jenštejn, arcivescovo di Praga.

Tra il 1401 e il 1403, in seguito alla ribellione che spodestò e imprigionò re Venceslao, Sofia visse a Hradec Králové.

Inizialmente, la regina fu seguace di Jan Hus e, come suo marito, ascoltò i suoi sermoni e gli offrì protezione. Tuttavia, dopo che Hus fu scomunicato dal papa nel 1410, ritirò il suo supporto.

Regina vedova e reggenteModifica

Venceslao morì il 16 agosto 1419. Come regina vedova, Sofia chiese protezione a suo cognato, Sigismondo di Lussemburgo, re d'Ungheria, e supportò la sua successione al trono di Boemia. Prima dell'insediamento effettivo di Sigismondo, Sofia ricoprì il ruolo di reggente del Regno di Boemia. Nell'ottobre del 1419 la regina vedova firmò un trattato con i nobili boemi, con il quale si prometteva di mantenere a tutti i costi l'ordine pubblico. Terminata la reggenza, Sofia si occupò, assieme a Sigismondo, della gestione di una proprietà a Bratislava. Si diffuse così il pettegolezzo che i due avessero una relazione segreta. Il re promise che la regina vedova si sarebbe presto risposata, possibilmente con il re di Polonia Ladislao II Jagellone, ma ciò non si avverò.

Sofia morì a Bratislava il 4 novembre 1428, all'età di circa cinquantadue anni.

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Ludovico il Bavaro Ludovico II del Palatinato  
 
Matilde d'Asburgo  
Stefano II di Baviera  
Beatrice di Slesia-Glogau Bolko I di Świdnica  
 
Beatrice di Brandeburgo  
Giovanni II di Baviera  
Federico III di Sicilia Pietro III d'Aragona  
 
Costanza II di Sicilia  
Isabella di Sicilia  
Eleonora d'Angiò Carlo II di Napoli  
 
Maria d'Ungheria  
Sofia di Baviera  
Alberto II di Gorizia Alberto I di Gorizia  
 
Eufemia di Slesia  
Mainardo VI di Gorizia  
Eufemia di Mätsch Ulrico II di Mätsch  
 
Margherita di Vaz  
Caterina di Gorizia  
Ulrico V di Pfannberg Ulrico IV di Pfannberg  
 
Margherita di Heunburg  
Caterina di Pfannberg  
Margherita di Werdenberg Ugo II di Werdenberg  
 
Eufemia di Ortenburg  
 

NoteModifica

  1. ^ (CS) Božena Kopičková, Mediaevalia Historica Bohemica, n. 8, Praga, Historický ústav, 2001, pp. 121-138.

BibliografiaModifica

  • (CS) Jan Bauer, Podivné konce českých panovnic, 1ª ed., Třebíč, Akcent, 2002.
  • (CS) Jaroslav Čechura, Ženy a milenky českých králů, 1ª ed., Praga, Akropolis, 1994.
  • (CS) Jaroslav Čechura, České země v letech 1378–1437. Lucemburkové na českém trůně II, Praga, Libri, 2000, p. 438, ISBN 80-85983-98-2.
  • (CS) Božena Kopičková, Mediaevalia Historica Bohemica, n. 8, Praga, Historický ústav, 2001, pp. 121-138.
  • (CS) Jiří Spěváček, Václav IV. 1361–1419. K předpokladům husitské revoluce, Praga, Nakladatelství Svoboda, 1986, p. 773.
  • (CS) František Šmahel e Lenka Bobková, Lucemburkové. Česká koruna uprostřed Evropy, Praga, Nakladatelství Lidové noviny, 2012, pp. 758-762.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN84100840 · ISNI (EN0000 0000 5828 0093 · CERL cnp01172845 · LCCN (ENno2018125754 · GND (DE137989024 · WorldCat Identities (ENlccn-no2018125754