Apri il menu principale
Soul bianco
Origini stilistiche Soul classico
Smooth soul
Pop soul
Origini culturali Stati Uniti e Gran Bretagna, anni sessanta
Strumenti tipici voce, pianoforte, ottoni, archi, basso, batteria, chitarra, organo, sintetizzatore, Fender Rhodes
Popolarità Stati Uniti Stati Uniti, Regno Unito Regno Unito
Generi correlati
jazz, rhythm and blues, country, rock
Categorie correlate

Gruppi musicali soul bianco · Musicisti soul bianco · Album soul bianco · EP soul bianco · Singoli soul bianco · Album video soul bianco

Soul bianco (in inglese blue-eyed soul) è un termine generico usato per indicare la musica soul interpretata dai bianchi[1]. D'altra parte non si tratta di uno stile specifico di musica, dato che questo termine è stato utilizzato, a partire dagli anni sessanta, per riferirsi a differenti artisti e gruppi musicali, quali:

Indice

StoriaModifica

Tuttavia il soul bianco, come veniva chiamato negli anni sessanta e nei primi anni settanta, alludeva ai cantanti di etnia bianca il cui stile veniva fortemente influenzato dal R&B dell'epoca. All'inizio si riferiva ad artisti come Eric Burdon, Dusty Springfield e Van Morrison, per evolvere in seguito verso The Box Tops, David Bowie e Joe Cocker. In alcuni casi, tra cui si distinsero The Flaming Ember e The Rascals, alla radio venivano presentati come artisti di colore (molte volte di proposito, per non perdere gli ascolti della comunità nera, che rifiutava spesso questo genere di artisti)[senza fonte].

È a George Woods, noto presentatore radiofonico della importante stazione radio WDAS di Philadelphia specializzata nel genere, che viene attribuita la coniazione del termine blue-eyed soul[2], con cui descriveva la musica del duo bianco Righteous Brothers[3], assai apprezzata nel palinsesto delle radio rhythm and blues e che, da queste stazioni radio, aprì la strada ad altri cantanti bianchi dotati di una analoga vena soul[4]. Quando, nel 1999, cominciò a girare in radio la voce di Anastacia, le venne attribuita l'immagine di una grassa donna nera[5]. Quando uscì il videoclip della sua hit I'm Outta Love, il mondo rimase esterrefatto, in quanto "avevano davanti ai loro occhi una piccola donna bianca e bionda"[6]. In misura minore, questo termine si può applicare ad altri generi musicali derivati dal vero soul (come il dirty pop, l'urban soul o l'hip hop soul) così come ad artisti che si rifanno al soul e le cui composizioni hanno molto in comune con questo genere, come Justin Timberlake, Kelly Clarkson, JoJo ed altri.

NoteModifica

  1. ^ (EN) Blue-eyed soul su Allmusic, su allmusic.com. URL consultato il 3 novembre 2009.
  2. ^ (EN) La nascita del blue-eyed soul, su righteousbrothers.com. URL consultato il 3 novembre 2009.
  3. ^ (EN) The righteous Brothers, su pophistorydig.com. URL consultato il 3 novembre 2009.
  4. ^ (EN) Claude Hall, R&B stations open airplay gates to "Blue-eyed soulists", in Billboard, 9 ottobre 1965. URL consultato il 6 novembre 2009.
  5. ^ (EN) Mike Zwerin, A Few Good Sounds for Summer, in The New York Times, 5 luglio 2000.
  6. ^ (EN) Lindsey Zahuranec, Anastacia's got style and a voice to back it, in The Daily Collegian, 11 novembre 2004.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica