Apri il menu principale

Step Back in Time: The Definitive Collection

Album di Kylie Minogue del 2019
Step Back in Time: The Definitive Collection
ArtistaKylie Minogue
Tipo albumRaccolta
Pubblicazione28 giugno 2019
Durata2:29:12
Dischi2
Tracce42
GenerePop
EtichettaBMG, Parlophone
ProduttoreSky Adams, Babydaddy, David Ball, Brothers in Rhythm, Dan Carey, Guy Chambers, Tony Cohen, Ian Curnow, Cutfather, Daniel Davidsen, Rob Davis, Cathy Dennis, DJ Fresh, DNA, Johnny Douglas, Jim Eliot, Freemasons, Julian Gallagher, Phil Harding, Calvin Harris, Paul Harris, Jimmy Harry, Kish Mauve, Greg Kurstin, Kylie Minogue, Steve Power, Stuart Price, Matt Schwartz, Lucas Secon, Damon Sharpe, Jake Shears, Mike Spencer, Graham Stack, Stock Aitken, Waterman, Richard Stannard, Sunnyroads, Mark Taylor, Emilíana Torrini, Victor Van Vugt, Ingo Vauk, Peter Wallevik
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 60 000+)
Kylie Minogue - cronologia
Album precedente
(2018)
Album successivo
Singoli
  1. New York City
    Pubblicato: 3 maggio 2019

Step Back in Time: The Definitive Collection è il quarto greatest hits della cantante australiana Kylie Minogue, pubblicato il 28 giugno 2019.

Indice

AntefattiModifica

Step Back in Time: The Definitive Collection è il quarto greatest hits di Kylie Minogue, dopo Greatest Hits del 1992, Ultimate Kylie del 2004 e The Best of Kylie Minogue del 2012. Prende il nome dalla sua canzone del 1990 Step Back in Time ed è la prima del suo contratto con la BMG.[2]

La cantante ha iniziato ad anticipare la compilation ad aprile 2018, postando foto sui social media di foto tratte dal video musicale di Step Back in Time, insieme ad un countdown sul suo sito ufficiale che sarebbe dovuto terminare il 3 maggio, ma è stato poi anticipato al 2 maggio.[3] Il countdown ha mostrato lo slogan dell’album “Pop Precision Since 1987”.[4]

PromozioneModifica

Per promuovere la compilation, Minogue è apparsa sia al The Zoe Ball Breakfast Show su BBC Radio 2 che al The Graham Norton Show il 3 maggio.[5] Il 3 giugno è stata intervistata da The One Show.[6]

SingoliModifica

New York City è stato pubblicato come singolo dalla compilation il 3 maggio 2019, debuttando in anteprima su BBC Radio 2 lo stesso giorno.[7] La canzone era una demo registrata per il quattordicesimo album in studio di Minogue, Golden. A causa delle forti richieste dei fan e dell’acclamo dei critici, la canzone è stata successivamente completata e pubblicata l'anno seguente.[8]

TourModifica

Minogue ha intrapreso il suo tour Summer 2019 per promuovere l'album, e consiste di 15 spettacoli in tutta Europa. Il tour include la sua esibizione al Glastonbury Festival 2019.[9]

TracceModifica

Successo commercialeModifica

La compilation ha debuttato in vetta alla classifica australiana, diventando la sua sesta numero uno.[10] Ha esordito in cima anche nella classifica del paese riguardante gli artisti e i vinili, facendo diventare l’artista la prima ad essere al primo posto in tutte e tre le classifiche.[11]

Anche nella classifica britannica, la compilation ha debuttato in prima posizione con 31,980 unità,[12] di cui 25,992 copie digitali, incluse 5,682 vendite ricavate dai vinili.[13] È diventata la settima numero uno della cantante, facendola diventare la seconda con più album in vetta a questa classifica.[14] Ha inoltre debuttato alla prima posizione della classifica dei vinili ed è stata la cassetta più venduta della settimana.[15] Nella classifica irlandese ha debuttato al quarto posto, diventando la più alta nuova entrata quella settimana.[16]

NoteModifica

  1. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 16 agosto 2019.
  2. ^ Minogue, Kylie, singer. Williams, Robbie, performer. Donovan, Jason, performer., Step back in time : the definitive collection. URL consultato l'11 luglio 2019.
  3. ^ (EN) Kylie Minogue is announcing something new next week, su The Line of Best Fit. URL consultato l'11 luglio 2019.
  4. ^ Sinewave Design- http://www.sinewavedesign.com, Kylie, su Kylie. URL consultato l'11 luglio 2019.
  5. ^ (EN) BBC One - The Graham Norton Show, Series 25, Episode 5, su BBC. URL consultato l'11 luglio 2019.
  6. ^ (EN) Nick Reilly, Kylie Minogue announces outdoor UK tour for summer 2019 – and it's in time for Glastonbury, su NME, 12 novembre 2018. URL consultato l'11 luglio 2019.
  7. ^ (EN) Kylie Minogue announces new greatest hits album, su www.officialcharts.com. URL consultato l'11 luglio 2019.
  8. ^ Kylie Minogue Performs Unreleased Dance Jam 'New York City,' Covers 'Islands In the Stream' at Stunning Gig, su Billboard. URL consultato l'11 luglio 2019.
  9. ^ (EN) Pretty Good Digital, Glastonbury Festival - Kylie to play Sunday teatime slot, su Glastonbury Festival - 21st-25th June, 2017. URL consultato l'11 luglio 2019.
  10. ^ ariacharts.com.au, http://www.ariacharts.com.au/charts/albums-chart.
  11. ^ (EN) ARIA Charts Breakdown: Kylie Minogue’s record-breaking week, su The Industry Observer, 6 luglio 2019. URL consultato l'11 luglio 2019.
  12. ^ Charts analysis: Kylie scores seventh No.1 album | Analysis | Music Week, su www.musicweek.com. URL consultato l'11 luglio 2019.
  13. ^ (EN) Pyramid scheme: Glastonbury delivers big sales boost for headliners, su www.musicweek.com. URL consultato l'11 luglio 2019.
  14. ^ (EN) Will Richards, Watch Kylie Minogue react to scoring seventh UK Number One album for 'Step Back in Time: The Definitive Collection', su NME, 5 luglio 2019. URL consultato l'11 luglio 2019.
  15. ^ (EN) Kylie Minogue is the queen of this week's Official Albums Chart, su www.officialcharts.com. URL consultato l'11 luglio 2019.
  16. ^ (EN) Kylie Minogue scores the highest new entry on the Official Irish Albums Chart, su www.officialcharts.com. URL consultato l'11 luglio 2019.
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica