Susanna Horenbout

Miniatrice fiamminga naturalizzata inglese

Susanna Horenbout, o Hornebolt[N 1] (Fiandre, circa 1503Inghilterra, circa 1554[1]), è stata una miniatrice fiamminga naturalizzata inglese. È nota per essere la prima artista donna di cui si ha notizia in Inghilterra,[2] e la prima assunta dalla dinastia Tudor.[1] Assieme a Lucas Horenbout e Levina Teerlinc è considerata l'iniziatrice della tradizione dei ritratti miniati in Inghilterra.[3]

Hans Holbein il Giovane, probabile ritratto di Susanna Horenbout.

BiografiaModifica

Susanna Horenbout è nata probabilmente nel 1503. Suo padre era Gerard Horenbout, un pittore e miniatore che lavorò per la corte di Margherita d'Asburgo, mentre sua madre si chiamava Margaret Svanders. Il fratello Lucas fu anch'egli un artista di una certa rilevanza.[4][5]

Susanna, come il fratello, venne probabilmente formata dal padre nella sua bottega,[6][7] e dimostrò di avere delle notevoli capacità.[8] Nel 1520 Albrecht Dürer fece visita a Gerard Horenbout e comprò una miniatura di Susanna raffigurante il Salvatore[9] pagandola un fiorino, ed elogiò le qualità dell'artista.[10][11][12] Anche Guicciardini nella sua Descrittione elogiò le qualità di Susanna,[13] e viene anche citata dal Vasari nelle sue Vite dei pittori.[14]

Non è chiaro come Susanna sia stata scelta dalla corte inglese, ma è probabile che sia stato il cardinale Wolsey, che aveva un forte interesse per l'arte, a fare da tramite[15] in un momento in cui Enrico VIII era intenzionato a finanziare l'arte della miniatura per «rappresentare l'approvazione dei Tudor da parte di Dio come famiglia sovrana dell'Inghilterra».[1] Nel 1521 il cardinale fece visita alla regina Margherita, ed è probabile che in quell'occasione sia entrato in contatto con l'arte della famiglia Horenbout.[7]

Susanna arrivò in Inghilterra probabilmente già nella primavera del 1522, e venne subito assunta come gendildonna di corte per la regina Jane Seymour.[7]

Intorno al 1525 si sposò con John Parker, un custode del Palazzo di Westminster, yeoman prima delle King's Crossbows e poi delle King's Robes.[16] Aveva due case, una a Kings Langley nell'Hertfordshire e l'altra a Fulham (Londra).[16] La coppia ricevette regali per il nuovo anno da parte di Enrico VIII in un paio di occasioni.[1][16] Nel 1534 vennero forse ritratti da Hans Holbein il Giovane in due miniature[17] oggi conservate al Kunsthistorisches Museum di Vienna.[18]

La coppia non ebbe figli e Parker morì nel 1537[16] lasciando il grosso della sua eredità al fratello di Susanna, la quale, con la morte della regina Jane Seymour lo stesso anno, perse i suoi mezzi di sostegno finanziario, e nel 1538 si ritrovò in «serie difficoltà economiche».[19]

Il 22 settembre 1539 sposò John Gilman (o Gylmyn), un freeman di una compagnia vinicola, vedovo e con una figlia,[19] che stava per diventare sergente della riserva del re.[20] La coppia ebbe due figli;[2] Erico VIII fu padrino del maschio, Henry.[20]

Due settimane dopo il matrimonio,[19] accompagnò in Inghilterra la futura regina Anna di Clèves,[20] per quale divenne gentildonna di corte (153940)[7] e fu responsabile di quattro servitori.[21] Venne descritta dalla regine come «la prima delle sue gentildonne»,[1] anche se non rimase per molto al suo servizio.[20] In seguito servì anche sotto Caterina Parr (dal 1543 al 1547).[7][20]

Susanna Hornebolt morì probabilmente nel 1544, sicuramente prima del 7 luglio, giorno in cui John Gilman si sposò per la terza volta.[20]

Artista in InghilterraModifica

Si sa poco dell'attività artistica di Susanna Horenbout in Inghilterra, e non esistono attribuzioni certe delle sue opere. Secondo James Lees-Milne, che ha lavorato decenni per il National Trust, Susanna Horenbout fu una «perspicace miniatrice».[22] J.D. Mackie, autore di The Earlier Tudors, 1485-1558, ipotizza che ritratti e miniature del re fossero probabilmente realizzati dagli Horenbout,[23] mentre secondo Kathy Lee Emerson, autrice di of Wives and Daughters: The Women of Sixteenth Century England, la sua reputazione di artista era confinata al continente europeo.[19] La Society of Antiquaries ha scritto che «si è affermato che Susanna Hornbaud abbia praticato la pittura in miniatura in Inghilterra con il più grane successo, essendo protetta da Enrico VIII e da tutta la corte».[24] Secondo Lorne Campbell e Susan Foister era «un'eccellente pittrice ed miniatrice che trovò il più alto favore alla corte di Enrico VIII»

Nella letteraturaModifica

Susanna Horenbout e John Parker sono i protagonisti dei romanzi storici di Michelle Diener, pubblicati a partire dal 2011. Susanna è dipinta inizialmente come «una parte di pittrice di talento e due parti di damigella in angoscia»,[25] per poi diventare «un'eroina più attiva».[26]

NoteModifica

EsplicativeModifica

  1. ^ Anche Susannah Hornebaud, Horenbout, Hoorenbault, e Horebout, vedi Emerson (2008), p. 113 . Hornebolt è la versione anglicizzata del suo cognome dopo la denizzazione nel 1534, vedi Mackie, 599.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Frye (2011), pp. 78–79.
  2. ^ a b Levin, Bertoler e Eldridge (2017), pp. 3-4.
  3. ^ Kren e McKendrick (2003), p. 412, 434.
  4. ^ AA.VV., Dictionary of National Biography, vol. 27, 1885-1901, pp. 365-366.
  5. ^ James Thorne. Handbook to the Environs of London: Alphabetically Arranged, Containing an Account of Every Town and Village, and of All Places of Interest, Within a Circle of Twenty Miles Round London. John Murray; 1876. p. 220.
  6. ^ Kren (2003), pp. 427, 431.
  7. ^ a b c d e James (2016), p. 245.
  8. ^ James (2016), pp. 243–244.
  9. ^ Kren (2003), p. 427.
  10. ^ Kren (2003), p. 431.
  11. ^ Campbell e Foister (1986), p. 725.
  12. ^ Horenbout, Susanna, su getty.edu, ULAN. URL consultato il 2 agosto 2017.
    «Master Gerard, the illuminator, has a daughter of 18 named Susanna who has illuminated a small sheet, a Salvator, for which I gave her 1 guilder. It is a great marvel that a woman should do so much.»
  13. ^ Guicciardini, p. 99:

    «Sufanna forella di Luca Hutembout prenominto: la quale fu eccellente nella pittura, massime nel fare opere minutissime oltrea ogni credere, & eccellentissima nell'alluminare, in tanto che il gran' Re Henrico ottauo congran'doni & gran'prouuisione, la tirò in Inghilterra, doue visse molti anni in gran'fauore, & gratia di tutta la Corte, & iui finalmente si mori ricca, & honorata.»

  14. ^ Giorgio Vasari, Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori (1568), su it.wikisource.org, 1568. URL consultato il 2 agosto 2017.
    «Susanna sorella del detto Luca, che fu chiamata perciò ai servigii d’Enrico Ottavo re d’Inghilterra e vi stette onoratamente tutto il tempo di sua vita»
  15. ^ James (2016), pp. 244–254.
  16. ^ a b c d Campbell e Foister (1986), p. 425.
  17. ^ The Mentor. Mentor Association, Incorporated; 1921. p. 37.
  18. ^ Ein Hofbediensteter König Heinrichs VIII e Die Frau eines Hofbediensteten König Heinrichs VIII.
  19. ^ a b c d Emerson (2008), p. 113.
  20. ^ a b c d e f Campbell e Foister, p. 726.
  21. ^ Retha M. Warnicke. The Marrying of Anne of Cleves: Royal Protocol in Early Modern England. Cambridge University Press; 13 April 2000. ISBN 978-0-521-77037-8. p. 111, 116, 124.
  22. ^ Lees-Milne (1951), p. 67.
  23. ^ J. D. Mackie, The Earlier Tudors, 1485-1558. Oxford: Clarendon Press, 1952. p. 599.
  24. ^ Society of Antiquaries of London. Archaeologia, or, Miscellaneous tracts relating to antiquity. The Society; 1863. p. 29.
  25. ^ In a Treacherous Court, in Publishers Weekly, 27 giugno 2011. URL consultato il 2 dicembre 2013.
  26. ^ Keeper of the King’s Secrets, in Publishers Weekly, 6 febbraio 2012. URL consultato il 2 dicembre 2013.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52600439 · CERL cnp00576437 · Europeana agent/base/129990 · ULAN (EN500099479 · GND (DE123587891 · WorldCat Identities (ENviaf-52600439