Apri il menu principale
Radio Télévision Suisse
Logo
StatoSvizzera Svizzera
Forma societariaazienda pubblica
Fondazione1931 a Berna
Sede principaleGinevra
GruppoSRG SSR
Filiali
Persone chiaveAlexandre Burger
SettoreMedia
ProdottiTelevisioni
Radio
Internet
Fatturato337,7 mln di CHF
Dipendenti1 200
Slogan«Lasciate parlare le vostre voglie»
Sito web

La RTS (sigla di Radio Télévision Suisse) è la filiale in lingua francese della SRG SSR, l'azienda radiotelevisiva pubblica svizzera. Fino al 19 marzo 2009 si chiamava RTSR ed era suddivisa in TSR (Télévision suisse romande – «Televisione svizzera romanda») e RSR (Radio suisse romande – «Radio svizzera romanda»).

Indice

StoriaModifica

Radio Suisse RomandeModifica

  • 1922: inaugurazione della stazione del telegrafo senza fili di Champ-de-l'Air a Losanna: il banchetto inaugurale dà luogo alla prima trasmissione.
  • 1923: all'Aeroporto di Ginevra-Cointrin entra in servizio un'emittente, e permette di fare i primi saggi di trasmissioni pubbliche.
  • 1925: prima trasmissione a Ginevra mandata in onda dall'Hôtel Métropole.
  • 1931: inaugurazione del trasmettitore nazionale svizzero di Sottens.
  • 1931: l’Agenzia telegrafica svizzera (ATS) diviene la fornitrice esclusiva delle notizie diffuse dalla radio svizzera.
  • 1935: inaugurazione della Maison de la Radio a La Sallaz, nella parte alta di Losanna.
  • 1935: Angèle Golay lancia il programma « Le Disque préféré de l’auditeur » ("Il disco preferito dell'ascoltatore").
  • 1936: « Micro-Magazine », in onda da Radio Ginevra, è la prima trasmissione di attualità.
  • 1939: fondazione della compagnia del Radio-Teatro.
  • 1940: inaugurazione della Maison de la Radio di boulevard Carl-Vogt a Ginevra.
  • 1941: le cronache di René Payot su Radio Sottens sono seguite da migliaia di francesi e belgi durante l'occupazione nazista dei loro paesi.
  • 1956: nascita del secondo programma della Radio suisse romande, in modulazione di frequenza: Espace 2.
  • 1979: inizio delle trasmissioni in stereofonia.
  • 1982: varo del terzo canale della Radio suisse romande, dedicato ai giovani: Couleur 3.
  • 1994: la Radio suisse romande lancia un quarto programma, a onde medie: Option Musique.
  • 2010: la RSR si fonde con la Télévision suisse romande per dare vita alla Radio télévision suisse (RTS).

Télévision suisse romandeModifica

  • 1952: inizio delle trasmissioni sperimentali.
  • 1954: inizio delle trasmissioni regolari.
  • 1965: fine delle pause del martedì e introduzione della pubblicità.
  • 1968: introduzione del colore.
  • 1972: trasferimento nella nuova torre di Ginevra.
  • 1982: spostamento del telegiornale a Ginevra.
 
Marchio utilizzato dal 2006 al 2012

TelevisioneModifica

La televisione dispone di due canali televisivi e di un canale virtuale diffuso via internet:

Inoltre i due canali televisivi RTS Un e RTS Deux forniscono anche dei contenuti per TV5MONDE.

RadioModifica

 
Sede centrale della RTS, Ginevra

La radio dispone di cinque reti:

PalinsestoModifica

  • À bon entendeur – programma rivolto ai consumatori
  • Temps présent – programma di fatti recenti'
  • Passe-moi les jumelles
  • Telegiornale – alle 12:45, alle 19:30 e alle 22:30
  • Nouvo – programma che tratta nuove tecnologie e notizie
  • Infrarouge – programma di dibattiti

RicezioneModifica

Le stazioni possono essere ricevute in digitale terrestre, oltre che nella Svizzera francese, anche nelle regioni francesi vicino al confine svizzero. Nel resto della Svizzera, come pure in alcune aree del Nord Italia, si può ricevere RTS Un all'interno del MUX I, ed in Valle d'Aosta è ricevibile anche attraverso il Mux 1 della Rai.

Le emittenti sono ricevibili anche tramire il satellite Hot Bird in tutta Europa (il segnale però è codificato, e decrittabile solo tramite la smartcard fornita dalla SRG SSR ai soli cittadini elvetici).

NoteModifica

  1. ^ Qu'est-ce que HD suisse ? Archiviato il 28 settembre 2013 in Internet Archive. sul sito SRG SSR Broadcast.ch

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN123385152 · ISNI (EN0000 0001 1456 4999 · LCCN (ENn80118216