Difensore (calcio)

calciatore che costituisce l'ultima linea della propria squadra
(Reindirizzamento da Terzino)

Il difensore è il calciatore con l'obiettivo principale di proteggere la propria squadra dall'offensiva avversaria.

Lo schema del 4-4-2, con i difensori evidenziati in blu.

Ruolo e caratteristicheModifica

Tra i compiti affidati agli elementi del pacchetto arretrato — schierati a ridosso dell'area di rigore costituendo pertanto l'ultima linea prima del portiere — rientrano la marcatura e contrasto degli avversari[1], l'attuazione del pressing e il recupero di palloni volto a favorire la ripartenza in contropiede[2]; in base alla tattica adottata — ovvero il controllo di un singolo avversario o la copertura di una specifica porzione di campo[3] il sistema difensivo è rispettivamente chiamato «a uomo» e «a zona».[3] Comune è il ricorso ad uno schieramento volto a far scattare il fuorigioco, vanificando in tal modo l'azione d'attacco avversaria.[3]

Le caratteristiche del difensore includono la prestanza fisica e tecnica, l'abilità nel gioco aereo e in fase d'interdizione, la «pulizia» nei contrasti per non incappare nel fallo.[1]

Evoluzione e posizioniModifica

L'evoluzione del gioco ha inciso in maniera significativa sul ruolo della retroguardia, scardinandone una tradizionale composizione di «baluardi» — spesso associata al "catenaccio" con terzini e stopper rispettivamente incaricati della marcatura di ali e centravanti avversario —[4][1] in favore di elementi capaci di un maggior contributo alla manovra (accorgimento passato alla storia col nome di «costruzione dal basso»[5]) e nel supporto all'azione offensiva tramite per esempio la spinta operata dai difensori lungo le fasce ("sovrapposizione"[6][7]), l'avanzamento di questi nell'area avversaria per tentare la via del gol sugli sviluppi di calci piazzati e traversoni compiuti al fine di servire le punte.[7]

TerzinoModifica

Definito anche difensore laterale[8], agisce in corrispondenza della fascia esterna.[8][7] In aggiunta all'applicazione della diagonale[9], l'apporto dei laterali difensivi è inoltre richiesto in fase di spinta tramite l'avanzamento lungo l'out e compiendo cross nella trequarti.[6]

Col laterale destro inizialmente relegato al contrasto delle punte avversarie — e denominato, in ragione di ciò, «terzino marcatore» —[8] al difensore sinistro erano concesse maggiori libertà offensive[7], fatto che ne comportò la rinomina in «fluidificante».[8]

StopperModifica

Altresì chiamato difensore centrale[10], è schierato nel mezzo della retroguardia[10]; originariamente incaricato di marcare il centravanti della formazione opposta[1], assurse in seguito a punto di riferimento dell'impianto difensivo col suo contributo richiesto anche in termini d'impostazione e costruzione del gioco.[10][5]

Talora definito "regista arretrato" presentando un profilo e bagaglio tecnico maggiormente affine al centrocampista[10], può inoltre posizionarsi alle spalle dei compagni di reparto ricalcando le mansioni tradizionalmente affidate al libero.[11]

LiberoModifica

Conosciuto anche come "battitore libero", è un difensore sollevato dai canonici compiti di contrasto per orchestrare invece i movimenti della retroguardia e intervenire in seconda battuta su eventuali avversari sfuggiti alla guardia dei compagni.[11] Ad un crescente ricorso alla «zona» — in particolare nel XXI secolo[3] è corrisposto il progressivo decadimento del ruolo[11], fatto ascrivibile dal punto di vista tattico alla posizione arretrata che costituisce un ostacolo all'applicazione del fuorigioco.[3][11]

Sia pur con modalità differenti, il tradizionale stile di gioco del libero — comprendente tra l'altro l'organizzazione del reparto arretrato e l'avvio della ripartenza —[11] è successivamente confluito nell'azione del centrale difensivo e financo del portiere.[11]

NoteModifica

  1. ^ a b c d Maurizio Crosetti e Licia Granello, Il centravanti e lo stopper, avanti con lo show, in la Repubblica, 9 febbraio 1992, p. 36.
  2. ^ Maurizio Crosetti, Contropiede e ripartenza duello passato-presente, in la Repubblica, 21 giugno 2006, p. 50.
  3. ^ a b c d e Fabio Barcellona, Difendere a uomo o a zona, su ultimouomo.com, 4 novembre 2016.
  4. ^ Federico Aqué, Breve storia del catenaccio, su ultimouomo.com, 25 marzo 2020.
  5. ^ a b Fabio Barcellona, Di cosa parliamo quando parliamo di costruzione dal basso, su ultimouomo.com, 12 febbraio 2021.
  6. ^ a b Francesco Lisanti, Come si attacca con i terzini in Serie A, su ultimouomo.com, 30 novembre 2017.
  7. ^ a b c d Andrea Schianchi, Gli esterni di centrocampo sono terzini, in La Gazzetta dello Sport, 16 giugno 2011.
  8. ^ a b c d Sebastiano Vernazza, Che fine ha fatto la razza dei terzini?, in La Gazzetta dello Sport, 2 settembre 2010.
  9. ^ Alex Belinger, La diagonalità, su ultimouomo.com, 14 settembre 2017.
  10. ^ a b c d Daniele Adani, Teoria e tecnica del difensore centrale, su rivistaundici.com, 20 dicembre 2016.
  11. ^ a b c d e f Flavio Fusi, Tornerà mai il libero ?, su ultimouomo.com, 15 luglio 2017.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Calcio