Gol

segnatura di uno o più punti a proprio favore con la palla
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi GOL.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Goal" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Goal (disambigua).

Il gol (italianizzazione linguistica dell'inglese «goal», cioè «obiettivo») è il punto realizzato a favore della propria squadra in varie discipline di gruppo. È chiamato in italiano anche rete.[1]

Un gol in una partita di calcio

DefinizioneModifica

Un gol è realizzato quando la palla viene inviata all'interno della rete avversaria, a patto che la formazione andata a segno non abbia commesso falli nell'azione che la porta a finalizzare.[1] È invece definito autogol il punto realizzato nella propria rete e, pertanto, in favore dell'avversario.[1]

Nei vari sportModifica

CalcioModifica

A livello calcistico il gol (detto anche «rete») rappresenta l'unico modo per marcare punti, venendo assegnato quando il pallone varca interamente la linea di porta nello spazio compreso tra i pali e sotto la traversa.[1] È disciplinato dal punto 10 del Regolamento, relativo all'esito della gara.[2] Stante la normativa al riguardo, per dirimere i casi di gol fantasma — ovvero situazioni in cui non è possibile determinare con certezza il superamento della linea da parte della sfera —[1] si è fatto ricorso alla tecnologia di porta, nonché al supporto digitale per l'arbitro.[3] L'autogol (o «autorete») è invece il punto marcato nella propria porta,[4] assegnato qualora il tocco del calciatore difendente risulti decisivo per spedire il pallone in rete:[5][6] un'autorete non può venire realizzata su calcio piazzato dalla squadra che beneficia dello stesso, circostanza che determina la ripresa del gioco con un calcio d'angolo in favore degli avversari.[1]

Oltre che su azione, un gol può essere segnato tramite calcio piazzato (punizione o angolo): la marcatura su calcio di rigore, al pari dell'autorete, viene indicata con specifica notazione nel tabellino.[1] Alla realizzazione del gol può concorrere l'assist, ovvero un passaggio decisivo nel favorire la segnatura.[1] Dopo un gol, il gioco riprende con un calcio d'inizio battuto dalla formazione che ha incassato la rete.[1] Marcature multiple da parte di un calciatore nel corso della stessa gara sono definite «doppietta» (due reti[7]), «tripletta» (tre), «quaterna» o «poker» (quattro) e «cinquina» (cinque).[7] È tradizione diffusa, specialmente nel calcio inglese, che un calciatore andato a segno per almeno tre volte riceva come premio il pallone della gara con le firme degli altri atleti in campo.[8]

In aggiunta al costituire l'unico metodo di realizzare punti, il gol può fungere da discriminante per situazioni di parità:[1] i relativi criteri sono definiti «gol in trasferta» (premiando la squadra che, nell'ambito dell'eliminazione diretta, realizza più reti in campo avverso), «differenza reti» (differenza aritmetica tra il numero di gol segnati e subiti) e «quoziente reti» (consistente nel quoziente matematico, benché caduto in disuso e rimpiazzato dalla differenza-reti).[9]

Dal punto di vista regolamentare, fino al 2019 era considerato valido anche un gol segnato dall'arbitro — a condizione che ciò fosse avvenuto involontariamente, per esempio tramite un tocco fortuito —,[10] mentre una rete non è convalidata se realizzata in fuorigioco o favorita da un fallo commesso dalla squadra andata a segno.[1]

Altre disciplineModifica

Tra gli altri sport il cui punteggio viene assegnato tramite gol vi sono il calcio a 5, l'hockey, la pallamano, la pallanuoto e il polo:[1] anche in tali discipline è presente l'autogol.[1]

Il gol è inoltre regolamentato nel rugby, costituendo un'ulteriore possibilità di realizzazione tramite la trasformazione di un calcio piazzato dopo la segnatura di una meta.[1]

Nella cultura di massaModifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Goal (poesia).

Al gol è dedicata un'omonima poesia di Umberto Saba, nella quale l'autore descrive le sensazioni del pubblico e degli atleti in occasione della marcatura di una rete.[11]

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n Garzanti.
  2. ^ Comunicato ufficiale n. 9/A (PDF), su figc.it, 11 luglio 2019.
  3. ^ Var, istruzioni per l'uso sulla "moviola in campo", su gazzetta.it, 18 agosto 2017.
  4. ^ Fabio Bianchi, La batosta fai da te, in SportWeek, La Gazzetta dello Sport, 28 aprile 2001.
  5. ^ (EN) FIFA Magazine: when an own goal is not an own goal, su fifa.com, 16 aprile 1997. URL consultato il 1º luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 3 luglio 2020).
  6. ^ Linee guida per l'assegnazione dei gol dubbi (PDF), su legaseriea.it.
  7. ^ a b N.O., Chi detiene il record di doppiette in Serie A?, in SportWeek, La Gazzetta dello Sport, 20 ottobre 2001.
  8. ^ Francesco Velluzzi, Chi segna 3 gol si porta a casa il pallone, in La Gazzetta dello Sport, 11 settembre 2011.
  9. ^ In caso di parità al termine del girone vale la differenza reti nelle sfide dirette, in La Gazzetta dello Sport, 10 giugno 2012.
  10. ^ Cade l'ultimo tabù, l'arbitro segna un gol, su repubblica.it, 15 gennaio 2002.
  11. ^ Saba gioca in contropiede, su quasirete.gazzetta.it, 25 ottobre 2007. URL consultato il 1º luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2020).

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 67304 · BNF (FRcb17803208j (data) · J9U (ENHE987007585892705171
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio