Apri il menu principale

La tiara era un copricapo diffuso presso armeni, persiani e altri popoli dell'Asia centrale. Era costituito di pelle o di tessuto, di norma aveva forma di un cono con la punta ripiegata in avanti. Veniva impiegato come simbolo di distinzione. Nel mondo greco era nota anche con il nome di mitra.

La tiara di smeraldi e diamanti della Duchessa d'Angoulême[1], fatta nel 1820 e oggi al Louvre

StoriaModifica

 
Questo ritratto mostra una donna che indossa una tiara d'oro, 100-110 d.C.

Oggi, la parola "tiara" è spesso usata come sinonimo della parola "diadema"[manca la parola di cui è sinonimo!].[2] Entrambe le parole provengono da ornamenti del capo indossati da uomini e donne antichi per denotare uno status elevato. Come Geoffrey Munn nota, "La parola 'tiara' è in realtà di origine persiana - il nome in primo luogo indicava i copricapi dei re persiani, che erano circondati da 'diademi' (fasce di decorazione viola e bianca). Ora, è usato per descrivere quasi ogni forma di ornamento decorativo della testa. "[3] Gli antichi greci e romani usavano l'oro per realizzare accessori a forma di ghirlanda. L'uso di diademi diminuì insieme al declino dell'Impero Romano e all'ascesa del Cristianesimo. [3]

Presente alla fine del XVIII secoloModifica

 
Tiara con perle e diamanti di Stéphanie de Beauharnais, Granduchessa di Baden, realizzata intorno al 1830 e attualmente conservata nel museo Palazzo di Mannheim

Verso la fine del XVIII secolo, il Neoclassicismo diede nuova vita ai diademi, ma questa volta era un ornamento esclusivamente femminile. I gioiellieri che si ispirano all'Antica Grecia e Roma hanno creato nuove corone fatte con gemme preziose. Napoleone e sua moglie Giuseppina di Beauharnais hanno il merito di aver reso famosi i diademi insieme al nuovo stile Impero. Napoleone voleva che la corte francese fosse la più grande d'Europa e aveva dato alla moglie molte favolosi parure che includevano i diademi.

 
La regina Elisabetta II del Regno Unito mentre indossa una tiara (o diadema)

La regina Elisabetta II del Regno Unito si dice che abbia nel mondo la più grande e preziosa collezione di gioielli, molti dei quali sono cimeli della famiglia reale britannica. È spesso vista indossarle in occasioni statali. La regina ha ereditato molti di loro, specialmente da Sua Maestà la regina consorte Alessandra. Regina Maria acquistò la tiara della Granduchessa Vladimir negli anni '20. Consiste in numerosi cerchi ad incastro di diamante o smeraldo. Le perle possono essere attaccate all'interno dei cerchi. La regina Maria aveva un diadema fatto per Delhi Durbar tenuto nel 1911 in India. È ora in prestito per essere indossato dalla Duchessa di Cornovaglia, moglie di Carlo, Principe di Galles. La regina Elisabetta II commissionò una tiara di diamanti e una di rubino. Un dono di acquamarina che ha ricevuto in dono dalle persone di Brasile è stato aggiunto ai diamanti per creare una nuova tiara.

Altre regine, imperatrici e principesse indossano regolarmente diademi nelle occasioni formali della sera. La famiglia reale svedese ha una magnifica collezione così come la Danimarca, Paesi Bassi, e Spagna. Molti Gioielli della danese originariamente entrarono nella collezione quando la Princessa Luisa di Svezia sposò il futuro Re Federico VIII di Danimarca. I Romanov ebbero una superba collezione fino alla rivoluzione del 1917. Anche la famiglia reale iraniana aveva una grande collezione di diademi. Dalla rivoluzione iraniana, sono alloggiati al National Jewelry Museum di Teheran.

Sebbene abitualmente associati a donne di famiglie nobili e regnanti, le tiare sono state indossate anche dai cittadini comuni, in particolare da ricchi americani come Barbara Hutton. I diademi sono generalmente una fascia semicircolare o circolare, solitamente in metallo prezioso, decorata con gioielli e indossata come una forma di ornamento. (In rare occasioni, di solito quando il diadema reale è eccezionalmente vecchio e prezioso a causa della sua storia, pietre preziose e proprietà precedente, copie realistiche possono essere fatte e indossate al posto dell'originale a causa del valore.) I diademi sono indossati dalle donne intorno a loro testa o sulla fronte come cerchietto in occasioni molto formali o alte. I diademi sono spesso usati per "incoronare" i vincitori di concorsi di bellezza.

«"A Parigi le grandi sfere di aigrette furono organizzate da famiglie aristocratiche che erano orgogliose del loro nome e del loro passato, come la Duchessa di Gramount con il suo" Crinoline Ball "e la principessa Jacques de Broglie con la sua" Gemstone Ball "del 1914. Dall'altra parte, a New York, a Filadelfia e Newport, la signora William Astor, la signora George J. Gould, la signora WK Vanderbilt e Eva (Mrs. Edward) Stotesbury si divertirono con un grado di magnificenza che fece apparire le palle europee quasi insignificanti. Le classi monetarie degli Stati Uniti, che in origine avevano sollevato se stesse al di sopra delle loro origini borghesi attraverso il loro duro lavoro, si proponevano di rivaleggiare con l'aristocrazia storica dell'Europa. In una competizione amichevole con i suoi rivali, le donne americane benestanti si rifiutarono di rinunciare ad alcuni degli attributi sanciti dalla società. Questi accessori includevano case di campagna importate dall'Europa complete di ritratti e arredi ancestrali, così come ordini di tiare da Cartier a Parigi e in seguito New York. "- Cartier di Hans Nadelhoffer»

Negli anni '20, il diadema e fasce per diademi simili divennero popolari negli Stati Uniti. Erano indossati non solo con abiti da ballo formali, ma sono diventati popolari con i flappers e le loro feste.

Nel cinemaModifica

I diademi sono spesso indossati dalle attrici nei film, nei giochi e in televisione. Nel 2013, Cartier ha creato una replica della tiara di rubini e diamanti creata nel 1956 per la Principessa Grace di Monaco per il film Grace di Monaco con Nicole Kidman.[4]

NoteModifica

  1. ^ Eldest and only surviving daughter of Luigi XVI di Francia and Maria Antonietta d'Asburgo-Lorena
  2. ^ Royal Splendor 101: Tiara Terminology, su The Royal Order of Sartorial Splendor, 5 dicembre 2011 (archiviato il 23 settembre 2015).
  3. ^ a b Geoffrey Munn, Tiaras: Past and Present, 160 Brompton Road, London, V&A Publications, 2002, ISBN 0-8109-6594-1.
  4. ^ Bibby Sowray, Cartier recreate Grace Kelly’s jewels for Nicole Kidman film Grace of Monaco, su Telegraph, 16 maggio 2013. URL consultato il 21 settembre 2015.[collegamento interrotto]

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica