Trattato di San Pietroburgo (1723)

Il Trattato di San Pietroburgo del 23 settembre [corrispondente al 12 settembre del calendario giuliano] 1723[1][2] concluse la guerra russo-persiana del 1722-1723 tra la Russia imperiale e l'Iran safavide. L'accordo ratificò la cessione forzata da parte dell'Iran dei suoi territori nel Caucaso settentrionale, nel Caucaso meridionale e nell'odierno Iran settentrionale continentale, comprendente Derbent (odierno Dagestan), Baku, le rispettive aree circostanti di Shirvan, nonché le province di Gilan, Mazandaran e Astarabad.[1] Il trattato specificava inoltre che il re iraniano avrebbe ricevuto le truppe russe per il mantenimento della pace interna.[3]

Trattato di San Pietroburgo
Tipotrattato bilaterale
ContestoGuerra russo-persiana (1722-1723)
Firma23 settembre 1723
[12 settembre 1723
del calendario giuliano]
LuogoSan Pietroburgo, Russia
Effetti
  • Cessione dell'Iran del Caucaso settentrionale, del Caucaso meridionale, Derbent, Baku e le aree circostanti di Shirvan, Gilan, Mazandaran e Astarabad.
  • Forze russe di mantenimento della pace sul suolo iraniano.
PartiFlag of Russia.svg Impero russo
Flag of Shah Tahmasp I.svg Iran safavide
voci di trattati presenti su Wikipedia

Come afferma la Cambridge History of Iran;[4]

«Il 23 settembre 1723, il suo ambasciatore a San Pietroburgo, Ismail Beg, firmò un umiliante trattato che stabiliva che lo zar avrebbe accordato allo scià amicizia e aiuto contro i ribelli e avrebbe mantenuto lo scià "nel tranquillo possesso" del suo trono. In cambio lo scià promise di cedere definitivamente alla Russia: "... le città di Darband (Derbent), Baku, con tutti i loro territori, nonché le province: Gilan, Mazandaran e Astarabad, in modo che possano sostenere le forze che Sua Maestà Imperiale [lo Zar] invierà per aiutare Sua Maestà Shahian contro i ribelli, senza chiedere denaro per questo".»

Il firmatario dalla parte safavide era l'inviato Ismail Beg,[4] che era stato inviato dallo stesso re Tahmasp II. Quando il testo del trattato fu portato nella temporanea capitale di Qazvin nell'aprile 1724 dal principe Boris Meshcherskii (un sottotenente del reggimento della Guardia Preobrazhensky), la popolazione era ben consapevole delle azioni della Russia.[5] La folla indisciplinata ricevette Meshcherskii e il suo entourage con violente minacce.[5] Fu ricevuto con la consueta cerimonia da Tahmasp II, ma quest'ultimo si rifiutò di ratificare il trattato.[5][6][7] Tale decisione fu presa in quanto era chiaro che i russi, pur avendo occupato i territori iraniani, erano troppo esigui per rappresentare una grave minaccia,[5][6] anche se l'Iran era stato gravemente indebolito a causa dei frenetici eventi della primi anni 1720. Inoltre, Tahmasp II sapeva che i russi non sarebbero stati in grado di aiutarlo a espellere i ribelli afghani.[5] C'è anche la possibilità che Tahmasp II fosse a conoscenza dei negoziati segreti della Russia con l'Impero ottomano (vedi Trattato di Costantinopoli del 1724). Ismail Beg fu costretto a fuggire dalla punizione al ritorno e morì in esilio ad Astrakhan una ventina di anni dopo.[2]

Risvolti dopo il trattatoModifica

Tutti i territori conquistati furono restituiti all'Iran che sarebbe stato governato dall'emergente Nader Qoli Beg (in seguito noto come Nader Shah) rispettivamente nel 1732 e nel 1735, secondo i termini del Trattato di Resht e del Trattato di Ganja,[8] sottoscritti durante il regno dell'imperatrice Anna Ioannovna.

NoteModifica

  1. ^ a b THE CAUCASUS IN THE SYSTEM OF INTERNATIONAL RELATIONS: THE TURKMANCHAY TREATY WAS SIGNED 180 YEARS AGO Научная библиотека КиберЛенинка p 142
  2. ^ a b William Bayne Fisher, P. Avery, G. R. G. Hambly, C. Melville. The Cambridge History of Iran, Volume 7 Cambridge University Press, 10 okt. 1991 ISBN 0521200954 p 21
  3. ^ Alexander Mikaberidze. "Conflict and Conquest in the Islamic World: A Historical Encyclopedia: A Historical Encyclopedia" ABC-CLIO 2011. p 726
  4. ^ a b William Bayne Fisher, P. Avery, G. R. G. Hambly, C. Melville. The Cambridge History of Iran, Volume 7 Cambridge University Press, 10 okt. 1991 ISBN 0521200954 p 319
  5. ^ a b c d e William Bayne Fisher,P. Avery,G. R. G. Hambly,C. Melville. The Cambridge History of Iran, Volume 7 Cambridge University Press, 10 okt. 1991 ISBN 0521200954 p. 319
  6. ^ a b Alexander Mikaberidze. "Conflict and Conquest in the Islamic World: A Historical Encyclopedia: A Historical Encyclopedia" ABC-CLIO 2011. p 726
  7. ^ Abraham (Erewantsʻi), George A. Bournoutian. History of the wars: (1721-1736) Mazda Publishers, 1999 (originally released by the Indiana University) ISBN 1568590857 p 1
  8. ^ THE CAUCASUS IN THE SYSTEM OF INTERNATIONAL RELATIONS: THE TURKMANCHAY TREATY WAS SIGNED 180 YEARS AGO Научная библиотека КиберЛенинка p 142

Voci correlateModifica

  Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra