Apri il menu principale
Turner Broadcasting System, Inc.
Logo
Atlanta-cnn-center-aerial.jpg
StatoStati Uniti Stati Uniti
Fondazione1965 a Atlanta (Georgia, Stati Uniti)
Fondata daTed Turner
Sede principaleAtlanta (Georgia, Stati Uniti)
GruppoWarnerMedia
Persone chiavePhilip I. Kent (chairman e CEO)
Settoremedia
Prodottitelevisioni

Turner Broadcasting System, Inc., (spesso abbreviata Turner Broadcasting o semplicemente Turner), è stata una società statunitense appartenente al gruppo WarnerMedia attiva nel settore dei media.

Indice

StoriaModifica

Primi anniModifica

La Turner Broadcasting System affonda le sue radici in un'azienda di cartelloni pubblicitari del Savannah acquistata da Robert Edward Turner II alla fine degli anni '40.[1] Turner ha fatto crescere gli affari e in seguito l'azienda divenne nota come Turner Advertising Company.[1] Il figlio di Robert Edward Turner, Ted Turner, ereditò la compagnia quando suo padre morì nel 1963.[1] Dopo aver rilevato la società, Ted Turner ha esteso l'attività alla radio e alla televisione.[1]

Come entità formale, la Turner Broadcasting System è stata accolta in Georgia nel maggio 1965.[2]

1970Modifica

Nel 1970, Ted Turner acquistò la WJRJ-Atlanta di Channel 17, una piccola stazione Ultra high frequency che ribattezzò WTCG, per la casa madre Turner Communications Group. Mediante un'accurata programmazione delle acquisizioni, Turner ha guidato la stazione verso il successo. Nel dicembre 1976, WTCG ha dato origine al concetto di "superstazione", trasmettendo via satellite ai sistemi via cavo.

Il 17 dicembre 1976 alle 13:00, il segnale di WTCG di Channel 17 fu trasmesso via satellite ai suoi quattro sistemi via cavo di Grand Island nel Nebraska, di Newport News in Virginia, di Troy in Alabama e di Newton in Kansas. Tutti e quattro i sistemi via cavo hanno iniziato a ricevere il film Il figlio della tempesta del 1948. La WTCG passò dall'essere una piccola stazione televisiva ad una grande rete televisiva che 24.000 famiglie al di fuori delle 675.000 di Atlanta stavano ricevendo da costa a costa. WTCG divenne una cosiddetta Superstation e creò un precedente dell'attuale televisione via cavo di base.

Nel 1975, la HBO mandava le trasmissioni satellitari per distribuire il suo segnale a livello nazionale; tuttavia era un servizio a pagamento per gli abbonati via cavo. L'innovazione di Ted Turner ha segnato l'inizio della rivoluzione della televisione via cavo.

Nel 1979, la società cambiò il nome in Turner Broadcasting System, Inc. (TBS, Inc.) e l'identità del suo principale canale di intrattenimento in WTBS.

CanaliModifica

Stati UnitiModifica

All-newsModifica

IntrattenimentoModifica

AnimazioneModifica

WebModifica

  • AdultSwim.com
  • CartoonNetwork.com
  • CNN.com
  • HLNtv.com
  • TBS.com
  • TCM.com
  • TNTDrama.com
  • truTV.com
  • TeamCoco.com
  • VeryFunnyAds.com
  • TheSmokingGun.com
  • BleacherReport.com
  • NBA.com
  • PGA.com

SportModifica

EuropaModifica

IntrattenimentoModifica

  • TCM
  • TNT

AnimazioneModifica

  • Cartoon Network
  • Cartoon Network Too
  • Boomerang
  • Boing
  • Cartoonito

ItaliaModifica

Canali a pagamento editi tramite Turner Broadcasting System Italia S.r.l

Logo Nome Data Inizio Trasmissioni Data Fine Trasmissioni Sky
Disponibilità LCN
  Cartoon Network 31 luglio 1996 (Sky Italia)

8 dicembre 2008 (Mediaset Premium)

1º giugno 2018 (Mediaset Premium)  (Anche +1) 607 e 608
  Boomerang 31 luglio 2003  (Anche +1) 609 e 610

Canali gratuiti editi tramite Boing S.p.A. (Mediaset 51% e Turner 49%)

Logo Nome DTT Sky Tivùsat Mediaset Play Data Inizio Trasmissioni
  Boing 40   40   20 novembre 2004
  Boing Plus 45     11 luglio 2019
  Cartoonito 46 41 22 agosto 2011

FilialiModifica

  • Turner Broadcasting System Europe Limited (Regno Unito)
  • Turner Broadcasting System Deutschland GmbH (Germania)
  • Turner Broadcasting System Espana SL (Spagna)
  • Turner Broadcasting System Nordic AB (Svezia)
  • Turner Broadcasting System Italia Srl (Italia) - nata nel 1988.

NoteModifica

  1. ^ a b c d Ted Turner, Call Me Ted, Grand Central Publishing, 2008, ISBN 978-0-446-58189-9.
  2. ^ GEORGIA, su ecorp.sos.ga.gov. URL consultato il 17 settembre 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 0441 6599
  Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende