Apri il menu principale
Urbano (40x30, acrilico su tavola), 2010
Sberleffo, 1988
Purpetiello (123x186, arilico e anilina su tavola), 2003
Packaging per il 150º anniversario del Gianduiotto Caffarel, 2015

Ugo Nespolo (Mosso, 29 agosto 1941) è un pittore e pubblicitario italiano.

Indice

BiografiaModifica

Dopo il diploma, all'Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, si è laureato in Lettere moderne, per poi esordire nel panorama artistico italiano negli anni sessanta, proponendo una particolare forma di contaminazione tra Pop Art, arte concettuale e arte povera. Nel decennio seguente continua una produzione fuori dagli schemi, ironica e ispirata alle illustrazioni per bambini, che si presta anche alla "tela cinematografica".

Nel 1973, all'ospedale psichiatrico di Volterra, con l'aiuto dei degenti realizzò due opere: una piramide carica di disegni, pupazzi ed oggetti personali dei malati, e una gigantesca pillola di cartapesta, simboleggiante le cure farmacologiche che, in una sorta di gesto purificatorio che vuole denunciare l'abuso della terapia farmacologica e sensibilizzare la cittadinanza, venne bruciata in una piazza della città.

Gli anni ottanta si concretizzarono in un "periodo americano", coi i suoi quadri che rappresentavano oggetti e luoghi comuni delle città statunitensi. Collaborò con la Rai, per la quale realizza videosigle, e con agenzie pubblicitarie. Nel decennio seguente ha affiancato alle sue numerose attività l'impegno nel teatro, realizzando scene e costumi per L'elisir d'amore di Donizetti al Teatro dell'Opera di Roma, all'Opera di Parigi, a Losanna, Liegi e Metz.

Nel 1991 e nel 2009 Nespolo ha realizzato il palio della Giostra della Quintana di Foligno, nel 1998 quello per l'edizione di agosto del Torneo cavalleresco della Quintana di Ascoli Piceno, nel 2000 i due sendalli per il Palio di Asti e nel il drappellone del Palio di Siena.

Nel 2003 gli organizzatori del Giro d'Italia gli affidano la creazione della maglia rosa e del poster ufficiale, e nel 2005 a Torino ha creato per GTT delle opere tematiche nelle stazioni della Metropolitana e per l'esterno del centro commerciale di via Livorno.

Nel 2007, firmò scene e costumi per l'opera Madama Butterfly che inaugurò il 20 luglio la 53ª stagione del Festival Puccini di Torre del Lago Puccini. L'anno successivo ha curato "Nespolo legge Dante", un trittico a tiratura limitata commissionatogli dalla De Agostini di Novara per la lettura della Divina Commedia attraverso l'arte figurativa. Seguono la mostra personale realizzata a New York dalla Walter Wickiser Gallery, e la antologica al Museo del Cinema. Partecipò inoltre alla mostra "Italics: Arte Italiana tra tradizione e rivoluzione, 1968-2008" con due opere, su invito della Direzione di palazzo Grassi a Venezia.

Nel 2009 presso il Museo del Territorio Biellese venne allestita la mostra antologica Nespolo, ritorno a casa, alla quale seguono altre retrospettive: alla Galleria Canci di Lerici allestisce una mostra personale, al Museo Nazionale del Bargello di Firenze (2010), a Palazzo Trinci a Foligno (Nespolo. Ipotesi Antologica, 2010), al Museo d'Arte Contemporanea Casa del Console di Calice Ligure, alla Galleria dell'Accademia Albertina di Torino (2010), al Museo Campari di Sesto San Giovanni, e in numerose altre gallerie pubbliche e private.

Ha collaborato inoltre col marchio Brooksfield per un intervento stilistico biennale nelle collezioni e nella comunicazione (2009-2010). Nel 2010è divenuto socio onorario del movimento artistico letterario[1] di Torino. Nel marzo 2012 riceve la cittadinanza onoraria della città di Santhià, nella quale ha trascorso la fanciullezza e l'adolescenza e dove ha compiuto i primi esperimenti pittorici.

Numerose sono le collaborazioni per la creazione di campagne pubblicitarie: tra le tante con Campari, Piaggio e Caffarel.

Nel 2016 ha aderito al Manifesto "Corporate Art" di Luca Desiata insieme ad Alexander Ponomarev, Fernando De Filippi e altri artisti.[2]

Ugo Nespolo vive e lavora ancora oggi a Torino.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN207819082 · ISNI (EN0000 0003 8534 8921 · SBN IT\ICCU\CFIV\023645 · LCCN (ENn50003307 · GND (DE119246767 · BNF (FRcb12509643d (data) · ULAN (EN500159184 · BAV ADV11874635