Apri il menu principale
Famiglia Mammoliti
Nomi alternativiMammoliti-Rugolo
Area di origineOppido Mamertina, Castellace, Calabria
Aree di influenzaPiana di Gioia Tauro, Centro Italia, Nord Italia, Estero
Periodoanni '50 - in attività
BossSaverio Mammoliti, Antonino Mammoliti, Vincenzo Mammoliti, Francesco Mammoliti, Domenico Rugolo
AlleatiPiromalli, Mazzaferro, Romeo, Crea, Musitano, Ferraro, Raccosta, Rugolo
RivaliBarbaro
Attivitàtraffico di droga, riciclaggio di denaro, traffico di armi, estorsione, usura, racket, contrabbando, contraffazione, ricettazione, furto, rapina, , truffa, evasione fiscale, appalto pubblico, gioco d'azzardo, gestione dei rifiuti, sequestro di persona, corruzione, omicidio, infiltrazioni nella pubblica amministrazione

I Mammoliti sono una 'ndrina di Oppido Mamertina e Castellace alleata dei Rugolo, alle quali fanno capo i Nava, i Cosoleto, i Luppino e i Romeo con loro imparentate. Operano nel narcotraffico e nella gestione di attività agricole, compiono estorsioni e hanno praticato anche il sequestro di persona[1]. All'estero hanno basi in Germania, in particolare nel Baden-Württemberg e in Baviera. I Mammoliti-Rugolo è alleata dei Piromalli e dei Mazzaferro[2].

StoriaModifica

Faida di CastellaceModifica

Negli anni Cinquanta scoppia una faida con i Barbaro di Castellace[3]. Nell'ottobre 1954 Domenico Barbaro uccide Francesco Mammoliti, allora capobastone[3]. Gli succede il figlio Vincenzo Mammoliti fino alla sua morte nel 1988, il nuovo capo diventa Saverio Mammoliti.

Il 7 novembre 1954 i Mammoliti per vendetta uccidono Francesco Barbaro e altri loro affiliati. Autore dell'omicidio sarebbe Vincenzo Mammoliti, figlio di Francesco, ma che fu rilasciato per insufficienza di prove. Il 19 gennaio 1955, Giovanni Barbaro, fratello di Francesco viene ucciso con 31 colpi di arma da fuoco. Vincenzo viene nuovamente assolto ed invece viene condannato per omicidio suo fratello Antonio Mammoliti[2].

La faida continuò fino all'omicidio di Domenico Barbaro avvenuto a Perugia nel 1978, dopo che ebbe trascorso 26 anni in prigione per l'omicidio di Francesco Mammoliti nel '54[4]. La faida fu vinta dai Mammoliti ed i Barbaro furono costretti a trasferirsi al vicino comune di Platì.

Commissione provinciale e il Caso del barone CordopatriModifica

Dal 1988 il nuovo capo è Saverio Mammoliti[5].

Dopo la seconda guerra di 'Ndrangheta negli anni novanta fanno parte della commissione provinciale, organo creato ad hoc dalla 'Ndrangheta per meglio gestire gli affari e le relazioni fra le 'ndrine[3][6].

Il 10 luglio 1991 viene ucciso a Reggio Calabria il Barone Antonio Cordopatri, l'accusa cade sulla 'ndrina Mammoliti in quanto questi volevano ottenere i terreni della famiglia Cordopatri a costo irrisorio (per esercitare il predominio territoriale e lucrare profitti) ma il Barone si era sempre opposto a tali pretese denunciando il tutto all'autorità giudiziaria. Per tale vicenda viene condannato definitivamente Francesco Mammoliti come mandante[3].

Sempre in quel periodo il capobastone Saverio Mammoliti avrebbe nominato capo-società Renato Martorano dove in Basilicata fondò l'organizzazione criminale dei Basilischi[3][6].

La faida di Oppido MamertinaModifica

Nel 1992 scoppia la cosiddetta faida di Oppido Mamertina tra i Ferraro-Raccosta e i Mazzagatti-Polimeni-Bonarrigo che provocherà 22 morti. L'ultima strage avviene l'8 maggio 1998 con l'uccisione di 4 persone.

Nel 2003, ormai in carcere, Saverio Mammoliti si dissocia dall'organizzazione e confessa che durante la faida i Mammoliti dettero l'appoggio ai Ferraro-Raccosta[7].

OggiModifica

Il 23 gennaio 2019 in Valle d'Aosta vengono arrestate 16 persone di un sodalizio operanti come Locale di Aosta almeno dal 2014 e riconducibili ai Nirta Scalzone, ai Raso e ai Mammoliti tra cui un consigliere di Saint Pierre, uno di Aosta e un consigliere regionale dell'Union Valdôtaine (all'epoca dei fatti a lui contestati era assessore) e accusati a vario titolo di associazione mafiosa, concorso esterno, traffico di droga, estorsione. L'associazione trafficava in droga proveniente dalla Spagna[8][9][10].

Esponenti di spiccoModifica

NoteModifica

  1. ^ Nicola Gratteri, Fratelli di sangue, Luigi Pellegrini Editore, 2007, p156, ISBN 88-8101-373-8.
  2. ^ a b Esposizione introduttiva del Pubblico ministero nel processo nei confronti di Giulio Andreotti (PDF), Direzione Distrettuale Antimafia Palermo, 1994.
  3. ^ a b c d e f Oppido Mamertina, ma don Saro Mammoliti, l'ex "play-boy di Castellace", è un finto pentito?, 23 novembre 2012. URL consultato il 30 novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  4. ^ Male heir born to Mammoliti, Il Giornale di Calabria, 19 gennaio, 1979, citato in: Arlacchi, Mafia Business, p. 111
  5. ^ Paoli, Mafia Brotherhoods, p. 201
  6. ^ a b Nicola Gratteri, Fratelli di sangue, Luigi Pellegrini Editore, 2007, p156, ISBN 88-8101-373-8.
  7. ^ Ecco perché mi schierai con i Ferraro, in Gazzetta del Sud, 20 maggio 2003.
  8. ^ 'Ndrangheta, in Vda puntava a controllo attività economiche, in ansa.it, 24 gennaio 2019. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  9. ^ Ndrangheta, arrestati in Valle d’Aosta un consigliere regionale e altri politici, in lastampa.it, 24 gennaio 2019. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  10. ^ Aosta, blitz contro la 'ndrangheta: tra i 16 arrestati consigliere regionale dell'Unione Valdotaine e un avvocato, in repubblica.it, 24 gennaio 2019. URL consultato il 24 gennaio 2019.
  11. ^ Mammoliti, nella cupola calabrese con i volantini del ministro, in Corriere.it (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  12. ^ dissociato Saro Mammoliti padrino della ' ndrangheta, in Corrierie.it (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  13. ^ Rizziconi (Reggio Calabria) si dimette il sindaco Girolamo Michele Bello, si va a nuove elezioni [collegamento interrotto], in Melitoonline.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica