Apri il menu principale

Accadde al commissariato

film del 1954 diretto da Giorgio Simonelli
Accadde al commissariato
Accadde al commissariato.jpg
Walter Chiari e Lucia Bosè in una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1954
Durata104 min
Dati tecniciB/N
Generecommedia
RegiaGiorgio Simonelli
SoggettoFelice Zappulla, Giovanni Grimaldi
SceneggiaturaGiovanni Grimaldi, Ruggero Maccari, Ettore Scola, Vincenzo Talarico
ProduttoreFelice Zappulla
Casa di produzioneFortunia Film
Distribuzione in italianoWarner Bros.
FotografiaRenato Del Frate
MontaggioNino Baragli
MusicheCarlo Innocenzi
ScenografiaGiuseppe Piccolo
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Accadde al commissariato è un film del 1954 diretto da Giorgio Simonelli con Alberto Sordi e Nino Taranto.

TramaModifica

Un commissario di polizia ha appena comprato un'automobile, e non riesce ad andare a mostrare alla moglie la loro nuova 1100, perché nel suo ufficio continuano ad entrare persone.

Prima arriva una intera compagnia di varietà il cui amministratore è fuggito con la cassa insieme alla soubrette, e alla quale il commissario riesce a garantire l'assenso dell'impresario alla prosecuzione degli spettacoli.

Quindi una coppia di giovani ragazzi, apparentemente perbene ma ognuno con l'amante: lei riceve in dono dal suo amico una pelliccia di visone che non sa come giustificare agli occhi del marito; finge allora di aver trovato uno scontrino del deposito bagagli e manda il coniuge a ritirare la misteriosa valigia, immaginando di poter così trattenerne il contenuto. Lui però la apre, ci trova il visone e porta a casa una valigia piena di spazzatura. La moglie delusa non si spiega l'accaduto finché non incontra la pelliccia e salta agli occhi della ragazza che la indossa: è così che finiscono tutti al commissariato.

Nel terzo episodio arrivano in commissariato due tramvieri che hanno approfittato di uno sciopero generale dell'ATAC per allestire in proprio un estemporaneo servizio di trasporto su un camion; due colleghi li scoprono e castigano il loro crumiraggio con una tempestiva scazzottata.

 
Alberto Sordi in una scena

Nell'ultimo episodio un giovanotto che per sbarcare il lunario esce da casa inappuntabile: giacca, cravatta, cappello, ventiquattrore, calze lunghe con giarrettiera - solo che invece dei pantaloni porta una bella gonna plissée. Con la curiosità che suscita attraversando la città riesce a crearsi un codazzo di curiosi che lo segue fino alla piazza di San Salvatore in Lauro. Allora tira fuori dalla valigetta la sua mercanzia: bottigliette per fare le bolle di sapone. L'assembramento e la strana mise del giovanotto inducono il poliziotto di passaggio a portarlo al commissariato per disturbo alla quiete pubblica.

BibliografiaModifica

  • Paolo Mereghetti, "Accadde al commissariato", Il grande cinema di Alberto Sordi, n. 33, edizione per il Corriere della Sera, 2008, ISSN 1827-97080 (WC · ACNP)

Collegamenti esterniModifica