Apri il menu principale
Ahmose
AhmoseI-StatueHead MetropolitanMuseum.png
Testa di Ahmose. Metropolitan Museum, New York
Colui che regna sul giunco e sull'ape
Stemma
In carica Nuovo Regno
Incoronazione 1543 a.C.(± 30 anni) (compresi gli anni di reggenza di Ahhotep)
Predecessore Kamose (Alto Egitto)
Khamudi (Basso Egitto)
Successore Amenofi I
Morte 1518 a.C. (± 30 anni)
Dinastia XVIII dinastia egizia
Padre Seqenenra Ta'o
Madre Ahhotep I
Coniugi Ahmose Nefertari
Ahmose-Sitkamose
Ahmose-Henuttamehu
Figli Amenofi I, Ahmose-Ankh, Ahmose Meritamon, Siamon, Ahmose-Sitamon

Incerti: Mutnofret, Ramose[1]

Ahmose (... – ...) è stato un sovrano egizio faraone della XVIII dinastia egizia.

BiografiaModifica

Malgrado l'importanza di questo sovrano i suoi monumenti superstiti ci forniscono ben poche notizie. La maggior parte delle nostre conoscenze proviene dalle iscrizioni tombali di due militari che servirono sotto questo sovrano: Ahmes figlio di Abana e Ahmes Pennekhebet.

Con molta probabilità Ahmose era il fratello minore di Kamose, infatti egli chiama madre di mia madre, madre di mio padre, Grande Sposa reale la regina Tetisheri moglie di Seqerenra Ta'o. Madre di Ahmose fu ՚Ahhotep, sorella e moglie di Ta'o che tenne la reggenza in nome del figlio dopo la morte di Kamose.

Sposa principale di questo sovrano fu Ahmose Nefertari, forse figlia di Kamose, una delle figure femminili più note della storia egizia.

La confusione intorno alla figura di questo sovrano è anche dovuta agli epitomatori di Manetone; infatti Giuseppe Flavio attribuisce la cacciata degli hyksos ad un re che prima chiama Misphragmuthosis e poi trasforma in Tethmosis creando così una fantasiosa sovrapposizione con Thutmose III.

La tradizione manetoniana attribuisce ad Ahmose 25 anni di regno, valore sufficientemente confermato da un graffito proveniente dalle cave di calcare di Maâsara e datato al 22º anno di regno.

 
Graffitto comprendente il nome (Nebpetira) di Ahmose ed alcuni altri titoli, tra cui Signore delle Due Terre

Quando Ahmose, ancora bambino, salì al trono il sovrano hyksos regnante ad Avaris doveva essere Apophis mentre quando riprese la guerra per il controllo dell'Egitto dovrebbe essersi scontrato con Khamudi. Uno degli aspetti storici ancora poco chiari è la ragione per cui il sovrano hyksos non abbia approfittato della lunga pausa nelle operazioni belliche, pausa generata dalla minor età di Ahmose, per recuperare almeno in parte il territorio perduto a causa delle campagne di Kamose.

 
testa della mummia di Ahmose

Dalle iscrizioni tombali di due soldati di questo sovrano risulterebbe che alla ripresa delle ostilità Ahmose avrebbe riconquistato Menfi ed Eliopoli quasi senza combattere per poi muovere verso il delta del Nilo e la capitale nemica Avaris. Questa città sarebbe stata ceduta dagli asiatici senza combattere mentre l'assedio a Sharuhen, principale piazzaforte dei sovrani hyksos in Medio Oriente sarebbe durato ben tre anni.

La presa di Avaris dovrebbe collocarsi tra il 12º e 13º anno di regno e la caduta di Sharuhen nel 16º anno.

Eliminato il pericolo al nord Ahmose dovette spostarsi nel sud, risalendo il Nilo, per affrontare il regno che si era formato in Nubia, regno di cui è nota l'alleanza con i sovrani hyksos.
Negli ultimi anni del suo regno dovette ancora affrontare varie ribellioni probabilmente fomentate da quei principi locali che avevano servito come vassalli dei sovrani hyksos.

Il sarcofago di Ahmose, contenente la sua mummia, conservata al Museo di Luxor, fu ritrovato, insieme a molti altri, nel rifugio di Deir el-Bahari nella tomba DB320, dove i sacerdoti li avevano nascosti per tentare di preservarli dalle violazioni.
L'esame della mummia ha rivelato come la morte sia avvenuta tra il trentesimo ed il quarantesimo anno di vita.

La piramide di questo sovrano (si tratta di un cenotafio) si trova ad Abido.

Liste RealiModifica

Nome Horo Lista di Abydos Lista di Saqqara Giuseppe Flavio anni di regno Sesto Africano anni di regno Eusebio di Cesarea anni di regno Altri nomi
Aa-keperu (n°66)
 
 
 
  
 
 

nb phty rˁ - Nebphetira
(n°47)
 
   
 

nb phty rˁ - Nebphetira
Tethmosis 25 Amos 25 Amosis 25

TitolaturaModifica

Titolo Traslitterazione Significato Nome Traslitterazione Lettura (italiano) Significato
 
ḥr Horo
   
 
ˁ3 ḫprw Aa-kheperu Grande nel mutamento
 
nbty (nebti) Le due Signore
 
 
  
 
 
twt ms w t Tut-mesut Dalle nascite perfette
 
ḥr nbw Horo d'oro
 
 
 
 
ṯs t3wy Tjes-tawy Colui che lega (unisce) le Due Terre
 
 
 
 
nsw bjty Colui che regna
sul giunco
e sull'ape
 
 
 
  
 
 
nb pḥty rˁ Nebpetira Il signore della forza è Ra
  
s3 Rˁ Figlio di Ra
 
   
 
jˁh ms Ahmose Iah (la luna) è nato

In talune iscrizioni al nome Horo fa seguito l'epiteto

    

k3 m w3st - Ka-em-uaset
Toro in Uaset (Tebe)

NoteModifica

  1. ^ Dodson & Hilton, pp.122-9.

BibliografiaModifica

  • Cimmino, Franco, Dizionario delle dinastie faraoniche, Bompiani, Milano 2003, ISBN 88-452-5531-X
  • Gardiner, Alan, La civiltà egizia, Einaudi, Torino 1997, ISBN 88-06-13913-4
  • Hayes, W.C., L'Egitto dalla cacciata degli Hyksos ad Amenophis I - Il Medio Oriente e l'Area Egea 1800 - 1380 a.C. circa II,1, Il Saggiatore, Milano, 1975
  • Wilson, John A., Egitto, I Propilei volume I, Arnoldo Mondadori, Milano 1967

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN28780528 · LCCN (ENn95066217 · GND (DE118889400 · CERL cnp00541449 · WorldCat Identities (ENn95-066217