Apri il menu principale

Aleksej Petuchov

fondista russo
Aleksej Petuchov
Alexey Petukhov by Ivan Isaev from Russian Ski Magazine.JPG
Aleksej Petuchov a Liberec nel 2009
Nazionalità Russia Russia
Altezza 178 cm
Peso 75 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Palmarès
Olimpiadi 0 0 1
Mondiali 1 1 0
Mondiali juniores 0 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 1 febbraio 2018

Aleksej Evgen'evič Petuchov, accreditato come Alexey Petukhov dalla FIS (cirillico Алексей Евгеньевич Петухов; Klincy, 28 giugno 1983), è un fondista russo.

BiografiaModifica

In Coppa del Mondo ha esordito il 16 marzo 2003 nella 15 km a tecnica libera di Lahti (56°), ha ottenuto il primo podio il 21 dicembre 2008 nella sprint a squadre a tecnica libera di Düsseldorf (3°) e la prima vittoria il 5 dicembre 2009 nella sprint a tecnica libera disputata nella medesima località.

In carriera ha preso parte a due edizioni dei Giochi olimpici invernali, Vancouver 2010 (3° nella sprint a squadre in coppia con Nikolaj Morilov) e Soči 2014 (8° nella sprint), e a quattro dei Campionati mondiali, vincendo due medaglie.

Nell'ambito delle inchieste sul doping di Stato in Russia, il 9 novembre 2017 il Comitato Olimpico Internazionale ha accertato una violazione delle normative antidoping da parte di Petuchov in occasione delle Olimpiadi di Soči, annullando conseguentemente i risultati ottenuti e proibendogli di partecipare a future edizioni dei Giochi olimpici[1][2]. Conseguentemente, anche la Federazione Internazionale Sci ha aperto un'inchiesta sulla posizione di Petuchov[3], escludendolo dalle competizioni a partire dal 30 novembre[4]. Il 1º febbraio 2018 il Tribunale Arbitrale dello Sport ha però accolto il ricorso presentato da Petuchov contro tale decisione[5]; conseguentemente, anche la Federazione Internazionale Sci ha revocato la propria sospensione[6].

PalmarèsModifica

OlimpiadiModifica

MondialiModifica

Mondiali junioresModifica

Coppa del MondoModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 18º nel 2010
  • 22 podi (15 individuali, 7 a squadre):
    • 7 vittorie (3 individuali, 4 a squadre)
    • 10 secondi posti (8 individuali, 2 a squadre)
    • 5 terzi posti (3 individuali, 2 a squadre)

Coppa del Mondo - vittorieModifica

Data Luogo Paese Disciplina
5 dicembre 2009 Düsseldorf   Germania Sprint TL
6 dicembre 2009 Düsseldorf   Germania Sprint a squadre TL
(con Nikolaj Morilov)
24 gennaio 2010 Rybinsk   Russia Sprint a squadre TL
(con Nikolaj Morilov)
5 febbraio 2011 Rybinsk   Russia Sprint TL
11 dicembre 2011 Davos   Svizzera Sprint TL
15 gennaio 2012 Milano   Italia Sprint a squadre TL
(con Nikolaj Morilov)
18 gennaio 2015 Otepää   Estonia Sprint a squadre TL
(con Sergej Ustjugov)

Legenda:
TC = tecnica classica
TL = tecnica libera

Coppa del Mondo - competizioni intermedieModifica

  • 3 podi di tappa:
    • 3 secondi posti

NoteModifica

  1. ^ (EN) IOC sanctions four Russian athletes and closes one case as part of Oswald Commission findings, Comitato Olimpico Internazionale, 9 novembre 2017. URL consultato l'11 novembre 2017.
  2. ^ Doping, squalifica a vita per 4 fondisti russi. E Putin tuona: "Vendetta Usa", Gazzetta dello Sport, 9 novembre 2017. URL consultato l'11 novembre 2017.
  3. ^ (EN) IOC Disciplinary Commission Decisions in cases of four Russian Cross Country Athletes, Federazione Internazionale Sci, 9 novembre 2017. URL consultato l'11 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 10 novembre 2017).
  4. ^ (EN) FIS Imposes Provisional Suspensions on Six Russian Cross Country Skiers, Federazione Internazionale Sci, 30 novembre 2017. URL consultato il 3 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 2 dicembre 2017).
  5. ^ (EN) The Court of Arbitration for Sport (CAS) delivers its decisions in the matter of 39 Russian athletes v/ the IOC: 28 appeals upheld, 11 partially upheld (PDF), Court of Arbitration for Sport, 1º febbraio 2018. URL consultato il 1º febbraio 2018.
  6. ^ (EN) FIS Statement on CAS decision regarding Russian athletes, Federazione Internazionale Sci, 1º febbraio 2018. URL consultato il 1º febbraio 2018 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2018).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica