Davos

comune svizzero

Davos ([daˈfoːs][?·info] o [daˈvoːs][?·info], toponimo tedesco; in romancio Tavau ascolta[?·info], in italiano Tavate[3], desueto) è un comune svizzero di 10 832 abitanti del Canton Grigioni, nella regione Prettigovia/Davos; ha il titolo di città. La località è rinomata per gli sport invernali e ospita l'annuale Forum economico mondiale.

Davos
città
Davos – Stemma
Davos – Veduta
Davos – Veduta
Localizzazione
StatoSvizzera Svizzera
CantoneWappen Graubünden.svg Grigioni
RegionePrettigovia/Davos
Amministrazione
Lingue ufficialitedesco
Territorio
Coordinate46°47′35″N 9°49′17″E / 46.793056°N 9.821389°E46.793056; 9.821389 (Davos)
Altitudine1 560 m s.l.m.
Superficie284,00[1] km²
Abitanti10 832[2] (2020)
Densità38,14 ab./km²
Frazionivedi elenco
Comuni confinantiArosa, Bergün Filisur, Klosters, S-chanf, Schmitten, Zernez
Altre informazioni
Cod. postale7260, 7270, 7494
Prefisso081
Fuso orarioUTC+1
Codice OFS3851
TargaGR
Nome abitantidavoser
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Davos
Davos
Davos – Mappa
Davos – Mappa
Sito istituzionale

Geografia fisicaModifica

 
Il lago di Davos

La città di Davos sorge lungo il fiume Landwasser, a valle del passo Wolfgang; è il comune più esteso del cantone e il secondo per estensione di tutta la Svizzera[4].

StoriaModifica

Età medievale e modernaModifica

Davos iniziò a svilupparsi durante il Basso Medioevo, grazie alla forte immigrazione romancia avvenuta in quel periodo[4]; verso il 1280 i baroni Von Vaz permisero a un gruppo di coloni Walser di stabilirvisi[4] e concessero loro ampia autonomia amministrativa, facendo diventare la zona un centro di grande insediamento Walser, il più importante della parte orientale della Svizzera, dove ancor oggi questa parlata del tedesco è molto diffusa[senza fonte].

Nel 1436 i comuni della regione si unirono e fondarono la Lega delle Dieci Giurisdizioni e Davos ne divenne il capoluogo. Quando successivamente fu creata l'allenza delle Tre Leghe, divenuta in seguita una repubblica libera, Davos si alternò con Coira e Ilanz come sede della dieta comune[4].

Età contemporaneaModifica

 
Ernst Ludwig Kirchner, Davos sotto la neve (Davos im Schnee)

Agli albori dell'età degli sport invernali, alla fine del XIX secolo, Davos e il suo stadio del ghiaccio (oggi Vaillant Arena) divennero punto di riferimento per il pattinaggio di velocità. Davos divenne in quegli anni meta di ricchi e nobili che apprezzavano il suo microclima da alta valle, spesso raccomandato dai medici ai pazienti affetti da tubercolosi e bisognosi di lunga degenza. Iniziarono così a sorgere nella cittadina numerosi sanatori[4]. Nel 1880 vi si fermò anche Robert Louis Stevenson al fine di curare la sua tubercolosi, su consiglio del suo medico di Edimburgo George Balfour[senza fonte]; nei primi anni del XX secolo fu meta di ritiro del gruppo espressionista tedesco Die Brücke e in particolare di Ernst Ludwig Kirchner[4], che ritrasse la città e le sue montagne in numerose opere e vi morì nel 1938. La città divenne celebre anche come soggetto letterario, grazie al romanzo La montagna incantata di Thomas Mann, la cui storia si svolge in un sanatorio di Davos. Nei decenni successivi Davos divenne una famosa stazione sciistica, frequentata soprattutto da turisti del Regno Unito e dei Paesi Bassi[senza fonte].

Con lo sviluppo di nuove cure antitubercolosi a partire dalla seconda metà del XX secolo, i sanatori si sono via via riconvertiti. L'edificazione nel 1969 di un moderno palazzo dei congressi ha promosso il turismo congressuale e nel 1971 a Davos si svolse il primo Forum economico mondiale[4]. Il 1º gennaio[senza fonte] 2009 ha inglobato il comune soppresso di Wiesen, fino ad allora appartenente al distretto dell'Albula[4][5].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

 
La chiesa di San Giovanni
  • Chiesa riformata di San Giovanni (già dei Santi Maria, Giovanni Battista e Nicola) a Davos Platz, attestata dal 1335[4];
  • Chiesa riformata di San Nicola a Glaris, eretta alla metà del XIV secolo[4];
  • Chiesa riformata di San Teodulo a Davos Dorf, eretta alla metà del XIV secolo[4];
  • Chiesa riformata di Frauenkirch, attestata dal 1466[4];
  • Antica chiesa riformata di Monstein, eretta nel 1668-1970 e abbandonata nel 1896[4][6];
  • Chiesa riformata di Monstein, eretta nel 1896[6];
  • Chiesa riformata di Sertig, eretta nel 1699[4][7];
  • Chiesa riformata di Laret, eretta nel 1793[6].

Architetture civiliModifica

 
Il sanatorio Schatzalp, fondato da Alexander Spengler e ambientazione del romanzo La montagna incantata di Thomas Mann

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

L'evoluzione demografica è riportata nella seguente tabella[4]:

Abitanti censiti[8]

Lingue e dialettiModifica

Già borgo di lingua romancia, è stato germanizzato nel XIV-XV secolo[4]; il suo nome in lingua walser è Tafaas [taˈfaːs] o Tafaa [taˈfaː][9].

CulturaModifica

IstruzioneModifica

RicercaModifica

 
L'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio

MuseiModifica

EventiModifica

 
Il Palazzo dei congressi che ospita l'annuale Forum economico mondiale

La località ospita l'annuale Forum economico mondiale, un incontro fra i principali dirigenti politici e i principali esponenti economici.

Geografia antropicaModifica

FrazioniModifica

Le cinque frazioni principali di Davos sono[4]:

 
Laret

Le frazioni minori di Davos sono[4]:

SportModifica

 
Bobbisti a Davos nel 1910

Nella città, rinomata fra i praticanti degli sport invernali, vi è una delle maggiori stazioni sciistiche della Svizzera e dell'Europa. Nel 1883 si svolse la prima competizione internazionale di bob, mentre Arthur Conan Doyle scrisse un articolo sullo sci a Davos nel 1899[senza fonte]; per il pattinaggio di velocità su ghiaccio, qui si tennero qui numerosi Campionati mondiali e nel 1898 Peder Østlund stabilì quattro record del mondo. Le sei principali aree sciistiche sono Parsenn/Gotschna, Jakobshorn, Pischahorn, Rinerhorn, Schatzalp e Madrisahorn[senza fonte].

Davos ha ospitato varie tappe della Coppa del Mondo di sci alpino, della Coppa del Mondo di sci di fondo e la prima edizione in assoluto dei Campionati europei di bob, nel 1929.

A Davos si svolge uno dei più importanti tornei di hockey su ghiaccio del mondo, la Coppa Spengler, organizzata dall'Hockey Club Davos, squadra padrona di casa fra le più titolate società, e rappresentative nazionali formate da stranieri che militano nel campionato svizzero (come la Nazionale canadese, vincitore di nove edizioni). L'H.C. Davos è una delle squadre di vertice del campionato svizzero di hockey su ghiaccio.

Infrastrutture e trasportiModifica

 
La stazione di Davos Platz

La città è un rilevante nodo ferroviario della Ferrovia Retica con le linee Davos-Filisur e Landquart-Davos; nel territorio comunale si trovano le stazioni di Davos Dorf, di Davos Frauenkirch, di Davos Glaris, di Davos Islen, di Davos Laret, di Davos Monstein, di Davos Platz, di Davos Wiesen e di Davos Wolfgang.

AmministrazioneModifica

GemellaggiModifica

NoteModifica

  1. ^ (DEFR) Generalisierte Grenzen 2020: Hilfsdatei, su bfs.admin.ch, Ufficio federale di statistica, 14 febbraio 2020. URL consultato il 9 novembre 2022.
  2. ^ (DEENFRIT) Ständige Wohnbevölkerung nach Staatsangehörigkeitskategorie, Geschlecht und Gemeinde, definitive Jahresergebnisse, 2020, su bfs.admin.ch, Ufficio federale di statistica, 1º settembre 2021. URL consultato il 9 novembre 2022.
  3. ^ (DE) Davos, su Glossarium Helvetiae Historicum.
    Pietro Domenico Rosio de Porta, Compendio della storia della Rezia sì civile, che ecclesiastica, nel quale sono riferite le principali, e più memorabili vicende della Retica Nazione dalla sua fondazione fino al tempo presente avvenute, Chiavenna, Ruffeti, Cantieni e Comp., 1787, p. CLX, SBN IT\ICCU\NAPE\028956.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa Martin Bundi, Davos, in Dizionario storico della Svizzera, 2 dicembre 2016. URL consultato l'11 novembre 2022.
  5. ^ a b Jürg Simonett, Wiesen, in Dizionario storico della Svizzera, 15 dicembre 2016. URL consultato il 12 novembre 2022.
  6. ^ a b c d Martin Bundi, Monstein, in Dizionario storico della Svizzera, 25 novembre 2008. URL consultato l'11 novembre 2022.
  7. ^ a b Martin Bundi, Sertig, in Dizionario storico della Svizzera, 23 novembre 2011. URL consultato l'11 novembre 2022.
  8. ^ Dizionario storico della Svizzera
  9. ^ Sprachatlas der deutschen Schweiz, volume V, carta 1.
    Lexikon der schweizerischen Gemeindenamen, Centre de Dialectologie an der Universität Neuchâtel unter der Leitung von Andres Kristol, Verlag Huber, Frauenfeld/Stuttgart/Wien 2005, ISBN 3-7193-1308-5 und Éditions Payot, Lausanne 2005, ISBN 2-601-03336-3, p. 289.
    Arnold Büchli, Mythologische Landeskunde von Graubünden. Ein Bergvolk erzählt, volume 1: Fünf Dörfer, Herrschaft, Prätigau, Plessurtal, Chur, Davos, Sauerländer, Aarau 1958, p. 276.
  10. ^ Martin Bundi, Wolfgang, in Dizionario storico della Svizzera, 20 novembre 2013. URL consultato il 12 novembre 2022.

BibliografiaModifica

  • AA. VV., Storia dei Grigioni, 3 volumi, Collana «Storia dei Grigioni», Bellinzona, Edizioni Casagrande, 2000.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN144322150 · LCCN (ENn80083777 · GND (DE4011220-2 · J9U (ENHE987007552503005171 · WorldCat Identities (ENlccn-n80083777
  Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Svizzera