Apri il menu principale

DescrizioneModifica

 
Amanita muscaria

Sono funghi a struttura eterogenea, in cui cioè è facile separare il cappello dal gambo.
Hanno lamelle libere al gambo, più o meno fitte, spesso bianche o biancastre.
Sono caratterizzati da un velo generale che avvolge completamente il fungo allo stato primordiale, che poi lascia tracce più o meno evidenti alla base del gambo (volva) e sul cappello (verruche).
È anche quasi sempre presente un velo parziale a protezione dell'imenio: l'anello.
Le spore sono ovoidali o ellissoidali, amiloidi e non amiloidi, lisce, bianche in massa (funghi leucosporei), sprovviste di poro germinativo.

CommestibilitàModifica

Numerose le specie commestibili, altrettante quelle non eduli ed in alcuni casi mortali.

TassonomiaModifica

Il genere Amanita viene a sua volta suddiviso in due sottogeneri con le relative sezioni.

Sottogenere AmanitaModifica

Sezione AmanitaModifica

Sezione Vaginatae (Ex Amanitopsis)Modifica

Sottogenere LepidellaModifica

Sezione LepidellaModifica

Sezione AmidellaModifica

Sezione PhalloideaeModifica

Sezione ValidaeModifica

Specie principaliModifica

La specie tipo per il genere è l'Amanita muscaria (L.) Lam. (1783).  

Alcune specie appartenenti al genere sono:

  = commestibile,   = commestibile con cautela,   = velenoso,   = mortale

Galleria d'immaginiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia