Apri il menu principale

Amaro Montenegro

amaro italiano
Amaro Montenegro
Bottiglie di Amaro Montenegro.jpg
Categoria Bevanda alcolica
Tipo Amaro
Marca Montenegro S.r.l.
Anno di creazione 1885
Nazione Italia Italia
Slogan Amaro Montenegro, l'amaro vero, leggero.

L'Amaro Montenegro è un amaro italiano prodotto per la prima volta nel 1885. La sua produzione avviene nello stabilimento di San Lazzaro di Savena, in provincia di Bologna, di Montenegro S.r.l.

StoriaModifica

Il creatore dell'amaro fu Stanislao Cobianchi, un giovane bolognese predestinato dalla famiglia alla carriera ecclesiastica. Da Bologna decise tuttavia di intraprendere un viaggio per il mondo che lo portò alla scoperta di insolite specialità botaniche.

Tornato in Italia, si dedicò alla preparazione di liquori e nel 1885 creò l'"Amaro Montenegro". L'amaro nacque con il nome di Elisir Lungavita, undici anni dopo, in occasione del matrimonio di Elena del Montenegro con Vittorio Emanuele III, Stanislao decise di dedicarle il suo elisir, cambiandone il nome in Amaro Montenegro.[1]

In poco tempo, l'amaro si diffuse e venne apprezzato in Italia e in tutta Europa e Gabriele D'Annunzio, nel 1921, lo definì liquore delle Virtudi.[2]

La ricetta di Amaro Montenegro è ancora oggi quella originale di Stanislao Cobianchi, a base di quaranta erbe aromatiche selezionate, provenienti da tutto il mondo a cui si deve il suo sapore caratteristico.[3]

Ad esso è stata dedicata la breve pubblicità televisiva Amaro Montenegro - Sapore Vero.

CaratteristicheModifica

Amaro Montenegro è prodotto seguendo la ricetta scritta da Stanislao Cobianchi e conservata in cassaforte dal 1885. Gli ingredienti, le dosi e i processi di lavorazione sono gli stessi, conosciuti da un numero ristretto di persone, tra cui il Master Herbalist, che controlla che ogni passaggio sia compiuto a regola d’arte, nel rispetto della ricetta originale.[4]

La ricetta prevede la bollitura, macerazione e distillazione di quaranta erbe aromatiche: spezie, frutta essiccata, radici, semi, cortecce, scorze di agrumi, rizomi, fiori e legni provenienti da tutto il mondo. Le tre fasi portano alla produzione di dodici essenze, da cui vengono tratte le sei note aromatiche alla base di Amaro Montenegro.

A queste sei note si aggiunge un’ultima nota, chiamata Premio, risultato della micro-distillazione di cinque erbe aromatiche. Infine il preparato viene miscelato con alcol, acqua e zucchero e imbottigliato.

La produzione dura sei mesi, come indicato dalla ricetta originale.[5]

La bottigliaModifica

La bottiglia di Amaro Montenegro fu disegnata da Stanislao Cobianchi ispirandosi a una ampolla, che evoca una "pozione", e richiamante l'alchimia.[6]

Questa forma, divenuta nel tempo iconica, rimase invariata nel corso dei decenni fino al 2017 quando la bottiglia viene rinnovata, pur in coerenza con l'aspetto tradizionale, con linee più decise e con in rilievo l'anno di fondazione, 1885, sulla spalla e la firma di Stanislao Cobianchi sul piede.[7]

NoteModifica

  1. ^ Amaro Montenegro, La Scoperta del Sapore Vero, su montenegro.it. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  2. ^ Amaro Montenegro, La Scoperta del Sapore Vero, su vecchia-romagna.it. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  3. ^ Matteo Bonoli, Master Herbalist: è ora di Amaro Montenegro nei drink, su mixerplanet.com. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  4. ^ Intervista a Matteo Bonoli, su buongiornoitalia.de. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  5. ^ Andrea Radic, Sei note più una da 40 erbe - Dal 1885 Montenegro ha la stessa formula - Italia a Tavola. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  6. ^ Si rinnova l’iconica bottiglia di Amaro Montenegro, su mixerplanet.com. URL consultato il 24 ottobre 2017.
  7. ^ Amaro montenegro si rinnova | Distribuzione Moderna. URL consultato il 24 ottobre 2017.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica