Apri il menu principale

Amici come noi

film italiano diretto da Enrico Lando
Amici come noi
Amici come noi.png
Pio e Amedeo in una scena del film
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno2014
Durata90 min
Rapporto2.35 : 1
Generecommedia
RegiaEnrico Lando
SoggettoGianluca Ansanelli, Pio D'Antini, Amedeo Grieco, Fabio Di Credico, Aldo Augelli
SceneggiaturaGianluca Ansanelli, Pio D'Antini, Amedeo Grieco, Fabio Di Credico, Aldo Augelli
ProduttorePietro Valsecchi
Casa di produzioneMedusa Film, Taodue, Eat Movie Srl in collaborazione con Mediaset Premium, Ifitalia ed MTV
Distribuzione in italianoMedusa Film
FotografiaMassimo Schiavon
MontaggioPietro Morana
MusicheAndrea Guerra e Modà
ScenografiaSonia Peng
CostumiMarina Roberti
Interpreti e personaggi

Amici come noi è un film italiano del 2014 diretto da Enrico Lando e interpretato da Pio e Amedeo.

Indice

TramaModifica

Pio e Amedeo sono due stretti amici trentenni nonché soci in affari di una particolare agenzia di pompe funebri a Monte Sant'Angelo, vicino Foggia. Pio sta per sposare Rosa, una giovane insegnante elementare, e dopo il matrimonio avranno il progetto di andare a vivere insieme a Belluno. Amedeo invece è ancora single dedito alle varie e occasionali scappatelle con diverse ragazze. Qualche giorno prima delle nozze sul web però circola un video piccante della sua futura sposa; così Pio decide di lasciarla ma, dato che vivevano in una piccola cittadina rurale, tutto il paese viene subito a conoscenza del fatto. Nonostante questo episodio, Rosa e la sua famiglia negano la possibilità che lei abbia potuto tradirlo, ma Pio, accecato dalla rabbia, non pretende neanche spiegazioni.

A questo punto Amedeo lo convince a lasciare Foggia per andare a Roma da suo zio. I due hanno intenzione di chiedere allo zio ricco 30.000€ per aprire un'attività di pompe funebri nella stessa città. Lo zio però non accetta, così i due amici decidono di rapire il suo amato pappagallo Onofrio, per poterlo poi ricattare. Con l'aiuto di due amiche di Amedeo chiedono il riscatto, ma sfortunatamente il pappagallo muore strozzandosi con lo stuzzicadenti di una braciola. Nel frattempo uno strozzino insegue Amedeo sino a Roma, dove si fa consegnare la macchina per saldare un debito. I due decidono di lasciare la Capitale e arrivano quindi a Milano con il sogno di Amedeo di fare un provino nel Milan, ma qui Pio scopre che la storia del video piccante di Rosa era in realtà soltanto uno scherzo. Infatti Amedeo aveva architettato tutto, grazie all'aiuto della sua amica Laura, perché non voleva che Pio andasse a vivere con Rosa a Belluno per paura di rimanere solo nel paese natio, essendo da poco anche rimasto orfano. Pio inizialmente si arrabbia con Amedeo ma poi si riappacificano e partono insieme per Amsterdam, città in cui Pio e Rosa avrebbero dovuto trascorrere la loro luna di miele. Dopo una serie di malintesi, i due amici incontrano casualmente Rosa e la sua amica Marika, le quali beccano Pio, stordito dall'assunzione di funghi allucinogeni, in una vetrina di una prostituta. Rosa quindi accantona l'ipotesi di avvicinarsi di nuovo a Pio non volendo più avere contatti con lui. Tornati in Puglia, Pio, grazie all'aiuto del fraterno amico, si scusa con Rosa dedicandole una serenata in presenza di tutto il paese e lei, dopo averlo perdonato, decide finalmente di sposarsi con lui e di rimanere a Foggia, senza partire più per Belluno. Amedeo, che nel frattempo ha iniziato una relazione con la sua amica Laura prendendosi anche carico del figlio della ragazza, cerca di farsi perdonare dal caos che ha creato tra Pio e Rosa, e fa loro un regalo: i Modà, il gruppo preferito dai due sposi, che cantano durante il loro matrimonio.

ProduzioneModifica

RipreseModifica

Il film si svolge nelle città di Monte Sant'Angelo, Foggia, Milano, Roma e Amsterdam. Il paese del film è Monte Sant'Angelo .[1]

Colonna sonoraModifica

Nella colonna sonora del film appare anche la canzone La notte dei Modà (nel cast c'è anche come attore Kekko Silvestre, leader e voce del gruppo musicale).

Un'altra canzone che fa da colonna sonora al film, scritta appositamente per l'occasione, è Fuggi da Foggia la cui musica è stata ideata dal comico Checco Zalone.[2]

DistribuzioneModifica

Il film è uscito nelle sale cinematografiche il 20 marzo 2014, distribuito da Medusa Film.

AccoglienzaModifica

SuccessoModifica

Il film apre nelle sale il 21 marzo 2014, incassando 93.224 euro nelle prime 24 ore, con circa 16.000 spettatori paganti.[3] Nel primo fine settimana di programmazione il film incassa 1.275.272 euro complessivi.[4] L'incasso complessivo della pellicola sarà di 2.276.000 euro.[5]

CriticaModifica

La recensione del periodico Rivista del cinematografo non è molto positiva, pur prendendo atto del successo di pubblico riscosso sottolinea una serie di criticità, a suo avviso, che si hanno nella pellicola: Non è volgare né demenziale, eppure la commedia Amici come noi con Pio & Amedeo stenta a decollare: l'interazione tra le due Iene, rigorosamente in foggiano, domina il grande schermo ma relega in un angolo la trama (...) La pellicola, diretta da Enrico Lando, sembra la tipica bomboniera da matrimonio, uno di quei soprammobili vistosi ma inutili, stipati sulle credenze mentre attirano la polvere eppure tanto cari a certe famiglie.[6]

Una recensione positiva al film dei due comici foggiani arriva invece dal quotidiano il Giornale per mezzo di Massimo Bertarelli: Ogni tanto la commedia italiana dà segni di risveglio. Come in questo spassoso filmino senza pretese ambientato in provincia di Foggia. (...) Molte risate tra qui pro quo, giochi di parole e due sorprendenti comici.

Positiva, anche se con qualche piccola nota negativa, è anche la critica alla pellicola fatta da Francesco Alò de Il Messaggero: Meno scorretto di Zalone e meno idiota de 'I soliti idioti', il duo proveniente da 'Le Iene' ricorda molto Ficarra e Picone. C'è sincera alchimia, umiltà cinematografica (alla regia il Lando de 'I soliti idioti') e qualche gag ben riuscita (ad Amsterdam si lamentano dell'inciviltà del troppo ordinato traffico su due ruote). A volte Pio & Amedeo rischiano di sembrare la copia di altri intrattenitori. Ma ci piacerebbe vedere un loro altro film.[7]

GiudiziModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema