Apri il menu principale
Amori miei
Amori miei - titolo.png
Lingua originaleItaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1978
Durata100 min
Rapporto1,87 : 1
Generecommedia
RegiaSteno
SoggettoJaja Fiastri
SceneggiaturaJaja Fiastri
ProduttoreFranco Cristaldi, Nicola Carraro
Casa di produzioneVides Cinematografica
Distribuzione in italianoCineriz
FotografiaFranco Di Giacomo
MontaggioRaimondo Crociani
MusicheArmando Trovajoli
ScenografiaGiantito Burchiellaro
CostumiNicoletta Ercole
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Amori miei è un film del 1978 diretto da Steno, trasposizione cinematografica dell'omonima opera teatrale (1975) di Iaia Fiastri, in cui i ruoli dei protagonista erano di Ornella Vanoni, Duilio Del Prete e Gianrico Tedeschi.[1][2]

Indice

TramaModifica

Anna è sposata con Marco, che la trascura nonostante lei lo ami profondamente. Decide così di trovarsi un altro marito e, all'insaputa di Marco, sposa Antonio, un professore di psicologia ignaro di tutto. Con la scusa di avere impegni di lavoro trascorre il suo tempo alternativamente con l'uno e con l'altro marito, e le cose sembrano funzionare.

 
Una scena del film

Un giorno però scopre di essere incinta, e non riesce a stabilire di chi sia il bambino. Informa quindi sia Marco che Antonio della propria gravidanza, e decide di fare in modo che i due uomini si conoscano e diventino amici (ma all'insaputa di essere sposati alla stessa donna), così da poter poi farli convivere serenamente insieme a lei e al bambino.

ProduzioneModifica

Commedia sofisticata dalla trama semplice ma con una sceneggiatura piuttosto solida, dove la bigamia viene rappresentata non dall'uomo ma bensì dalla donna. Girato a Milano, fu uno degli ultimi film diretti da Steno; il cast presenta un sardonico Dorelli, un Salerno perfetto nella sua parte, la Vitti carismatica e scatenata e una Fenech in un ruolo marginale. Alcuni caratteri della vicenda vennero ripresi poi nel 1981 nella pellicola Nudo di donna.

DistribuzioneModifica

Il film venne distribuito nelle sale cinematografiche italiane dalla Cineriz il 21 dicembre 1978.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema