Apri il menu principale

Andrea Anastasi

pallavolista e allenatore di pallavolo italiano
Andrea Anastasi
Andrea Anastasi 2013.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Pallavolo Volleyball (indoor) pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex giocatore)
Squadra ONICO Varsavia
Ritirato 1993 - giocatore
Carriera
Squadre di club
1977-1980Parma
1980-1983Panini Modena
1983-1987Falconara
1987-1991Treviso
1991-1992Schio
1992-1993AS Capurso Gioia
Nazionale
1981-1990 Italia Italia 141
Carriera da allenatore
1994-1995Brescia
1995-1999Gabeca Montichiari
1999-2003Italia Italia
2003-2005Piemonte
2005-2007Spagna Spagna
2007-2010Italia Italia
2011-2013Polonia Polonia
2014-2019Trefl Gdansk
2018Belgio Belgio
2019-ONICO Varsavia
Palmarès
Italia Italia
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Sydney 2000
Transparent.png Campionati mondiali di pallavolo maschile
Oro Rio De Janeiro 1990
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Austria 1999
Argento Repubbica Ceca 2001
Transparent.png World League
Oro Mar del Plata 1999
Oro Rotterdam 2000
Argento Katowice 2001
Spagna Spagna
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Oro Russia 2007
Polonia Polonia
Wikiproject Europe (small).svg Europei
Bronzo Austria e Rep. Ceca 2011
Transparent.png World League
Bronzo Danzica 2011
Oro Sofia 2012
Statistiche aggiornate al 16 dicembre 2013

Andrea Anastasi (Poggio Rusco, 8 ottobre 1960) è un ex pallavolista e allenatore di pallavolo italiano.

Indice

BiografiaModifica

Soprannominato Nano nell'ambiente pallavolistico perché alto "solo" 183 cm[1]. Da giocatore ha indossato la maglia azzurra in ben 134 incontri vincendo gli Europei del 1989, la World League 1990 alla sua prima edizione e nel 1991e il mondiale in Brasile nel 1990 con lo splendido gruppo guidato da Julio Velasco. Il 28 maggio 1999 esordisce sulla panchina della Nazionale come allenatore dove rimarrà sino alla fine 2002, dopo il 5º posto ai Mondiali in Argentina.

Con la nazionale italiana ha vinto come allenatore un oro alla World league 1999 a Mar Del Plata in Argentina, un oro agli europei di Vienna del 1999, un oro alla World League 2000 a Rotterdam nei Paesi Bassi e un bronzo ai Giochi Olimpici di Sidney. Nel 2001 un argento alla World League di Katowice in Polonia e un altro argento agli Europei di Ostrava nella Repubblica Ceca. Il 23 novembre 2005 diventa CT della Spagna, incarico che detiene sino agli Europei vinti nel settembre 2007. Dal 16 ottobre 2007 e fino al termine dei mondiali del 2010 è ritornato alla guida della nazionale italiana.

Dal 3 febbraio 2011 al 24 ottobre 2013 è stato allenatore della nazionale polacca dove ha vinto molte medaglie, ma le più prestigiose sono quella di argento alla Coppa Del Mondo in Giappone nel 2011 e la medaglia d'oro all'edizione del 2012 della World League (unica vittoria della Polonia su 24 edizioni).

GiocatoreModifica

ClubModifica

Debutta in serie A1 nella stagione 1977-78 con la Libertas Parma, nelle due stagioni seguenti rimane a Parma ma la società cambia sponsor diventando Veico Parma.

In seguito alle 3 stagioni a Parma decide di cambiare e lega il suo nome per tre anni alla Panini Modena, nell'ultima stagione con questa maglia vince il suo primo trofeo europeo, la Coppa CEV nel 1983.

L'anno successivo a quello della vittoria passa alla Kutiba Falconara con cui rimane 4 stagioni vincendo la Coppa CEV nel 1986.

Poi passa in A2 con la Sisley Treviso che contribuisce a portare in A1, con questa squadra rimarrà 4 anni, nell'ultima delle stagioni trevigiane vincerà la sua terza Coppa CEV nel 1991.

In seguito disputa due stagioni in A2, prima a Schio e poi a Gioia del Colle, per poi chiudere la carriera nella Due Castelli Bustaffa (Mantova) in B1 nel 1993-94.

NazionaleModifica

Ha debuttato in maglia azzurra l'8 febbraio 1981 in una gara amichevole contro una selezione All Stars persa per 3-1, in seguito ha disputato 141 partite vincendo l'europeo del 1989, il mondiale del 1990 e le World League del 1990 e del 1991.

AllenatoreModifica

ClubModifica

Debutta da allenatore nella stagione 1994-95 in serie A2 con la squadra di Brescia, già l'anno successivo è in A1 per guidare Montichiari, dopo l'esperienza azzurra allenerà Cuneo per due anni e poi la nazionale spagnola, incarico che non ricopre più in virtù del fatto che la FIPAV lo ha chiamato per la seconda volta ad allenare la nazionale italiana.[2]

Dalla stagione 2014-15 alla stagione 2018-19 guida la formazione polacca del Trefl Gdansk con la quale si aggiudica due edizioni della coppa nazionale (2014-15 e 2017-18) e la Supercoppa polacca 2015. Per l'annata 2019-20 si lega all'ONICO Varsavia.

NazionaleModifica

In seguito all'abbandono di Bebeto de Freitas prende la guida dell'Italia, con cui parte molto bene, vincendo le World League del 1999 e del 2000 e gli europei del 1999, arriverà terzo al torneo olimpico del 2000 e secondo alla World League 2001 e agli europei del 2001, dopo mondiale del 2002 lascerà la panchina con il seguente score:

Partite TOT W TOT L
254 181 73

Anastasi ha vinto il 71% delle partite disputate come tecnico dell'Italia.

Il 16 settembre 2007 la nazionale spagnola, da lui guidata, ha conquistato il titolo europeo.

Il 16 ottobre 2007, succedendo a Gian Paolo Montali, viene inaspettatamente richiamato come CT della nazionale azzurra maschile fino ai campionati mondiali del 2010, terminati al quarto posto. Il suo vice, nella sua seconda avventura sulla panchina azzurra, è Andrea Gardini, ex capitano della nazionale nonché campione del mondo nel 1998 con la stessa.[3]

Dal 3 febbraio 2011 diventa il nuovo allenatore della nazionale polacca. Nell'annata 2011 con la nazionale polacca raggiunge il terzo posto nella World League e nel campionato europeo. Sempre nello stesso anno vince la medaglia d'argento alla World Cup che si disputa in Giappone e che gli concede il pass diretto per i Giochi Olimpici di Londra. L'anno seguente ottiene la vittoria nella World League e prima vittoria della Nazionale Polacca in 24 edizioni.

Il 24 ottobre 2013 termina il suo rapporto di collaborazione con la federazione polacca dopo l'unica stagione senza risultati.

Nel marzo 2018 viene annunciato l'accordo fra l'allenatore mantovano e la FRBVB per la guida della Nazionale di pallavolo maschile del Belgio, da cui si separa nel dicembre dello stesso anno.

PalmarèsModifica

Trefl Gdansk: 2014-15, 2017-18
Trefl Gdansk: 2015
Modena: 1982-83
Falconara: 1985-86
Treviso: 1990-91

OnorificenzeModifica

  Collare d'oro al merito sportivo
«Campione mondiale 1990»
— 2018[4]

NoteModifica

  1. ^ http://www.legavolley.it/player/ANA-AND-60
  2. ^ Pistelli A., (2010) Anastasi si racconta: il “Nano” diventato gigante. Tecnoprint Editrice, Ancona. ISBN 978-88-95554-08-2
  3. ^ Italvolley, torna Anastasi - Gazzetta.it URL consultato il 26-03-2010
  4. ^ Collari d'oro 2018, su coni.it. URL consultato il 21 dicembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN232762728 · ISNI (EN0000 0003 6570 2866 · SBN IT\ICCU\PMIV\001366 · LCCN (ENno2010024477 · BNF (FRcb169076315 (data) · WorldCat Identities (ENno2010-024477