Apri il menu principale

Antonio Colom

ciclista su strada spagnolo
Antonio Colom Mas
Antonio Colom (Tour de France - stage 7).jpg
Antonio Colom al Tour de France 2007
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 183 cm
Peso 71 kg
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 2009
Carriera
Squadre di club
1999 Amica Chips
2000 Costa de Almería
2000-2001 Jazztel
2002-2003 Colchon Relax
2004-2005 Illes Balears
2006 Caisse d'Epargne
2007-2008 Astana
2009 Katusha
Statistiche aggiornate al agosto 2015

Antonio Colom Mas (Bunyola, 11 maggio 1978) è un ex ciclista su strada spagnolo, professionista dal 1999 al 2009.

CarrieraModifica

Ciclista completo ed adatto alle brevi competizioni a tappe, passò professionista nel 1999 con il team Amica Chips-Costa de Almería. Ottenne la prima vittoria nel 2002, quando si aggiudicò la classifica finale della Vuelta a Andalucía; negli anni seguenti riuscì ad imporsi anche in tre prove del Challenge de Mallorca (vincendo due volte la classifica combinata finale) e nella Volta a la Comunitat Valenciana, oltre che in una tappa del Critérium du Dauphiné Libéré 2007 e in una della Parigi-Nizza 2009. Nei grandi Giri andò invece a ricoprire compiti di gregariato, in appoggio ai propri capitani.

Il 9 giugno 2009 risultò positivo ad un controllo antidoping, effettuato a sorpresa il 2 aprile dopo un allenamento, nel quale vennero evidenziate tracce di EPO nel sangue. Venne immediatamente sospeso dalla sua squadra, il Team Katusha, in attesa delle controanalisi[1]. Successivamente squalificato dalla Federciclismo spagnola per due anni, fino all'aprile 2011, non ritornò più alle competizioni professionistiche, concludendo così la carriera[2].

PalmarèsModifica

PiazzamentiModifica

Grandi GiriModifica

2007: non partito (16ª tappa)
2002: ritirato (16ª tappa)
2004: 101º

NoteModifica

  1. ^ (EN) Doping, Colom positivo all'Epo, in Gazzetta.it, 9 giugno 2009. URL consultato il 31 agosto 2015.
  2. ^ (EN) Colom suspended for two years, in Cyclingnews.com, 28 maggio 2010. URL consultato il 31 agosto 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica