Apri il menu principale
A sinistra, lo stemma di Arp Schnitger, caratterizzato dal compasso da organaro; a destra, lo stemma di sua moglie.

Arp Schnitger (Schmalenfleth, 2 luglio 1648Neuenfelde, sepolto il 28 luglio 1719) è stato un organaro tedesco.

Indice

BiografiaModifica

Nato nel 1648, Arp Schnitger discendeva da una famiglia di falegnami originaria di Schmalenfleth, nella Germania del nord. Il padre di Arp aveva effettuato piccole riparazioni agli organi delle chiese vicine. A 18 anni Arp si recò a Glückstadt, dove passò cinque anni presso un suo parente, tale Berendt Huss, lavorando come apprendista organaro. Questo periodo di apprendistato fu caratterizzato dalla costruzione, a partire dal 1673, dell'organo della chiesa di San Wilhadi a Stade: il lavoro, iniziato da Huss, dovette essere interrotto dalla morte di quest'ultimo, e fu completato da Arp Schnitger. Dopo la morte di Huss, Schnitger proseguì dal 1677 al 1682 la sua attività a Stade.

La reputazione di Arp Schnitger come artigiano iniziò a diffondersi in tutta la regione, raggiungendo ben presto Brema, Verden e Amburgo, città nella quale si trasferì nel 1682. La sua prima commissione in questa città consistette nella realizzazione dell'organo per la chiesa di San Nicola, dove realizzò uno strumento da 67 registri, quattro manuali, pedaliera e più di 4.000 canne. Questo strumento, purtroppo, andò completamente distrutto nel grande incendio di Amburgo del 1842. L'organo della chiesa di San Giacomo, costruito da Schnitger nel 1693, invece, è sopravvissuto fino al XXI secolo. Nel 1699 Arp ricevette il titolo di costruttore ufficiale per i ducati di Oldenburg e Delmenhorst.

Gli strumenti costruiti da Arp Schnitger vennero largamente lodati per le loro qualità, al punto da ricevere complimenti anche da Dietrich Buxtehude, Johann Sebastian Bach e Georg Friedrich Händel. I suoi organi sono presenti, oltre che in Germania e nei Paesi Bassi, anche in Portogallo e in Brasile, terra dove, nel 1747, il re Giovanni V del Portogallo inviò un suo strumento.

Arp Schnitger sposò Gertrud Otte, dalla quale ebbe sei figli. Tuttavia solo due, Franz Caspar Schnitger e Johann Georg Schnitger, giunsero all'età adulta e continuarono la professione paterna. Morì nel 1719 e venne sepolto nella chiesa parrocchiale di Neuenfelde, dove, nel 1971, venne ritrovata la lapide della sua tomba.

OpereModifica

Di seguito, i principali lavori di Arp Schnitger:

Anno Città Chiesa Immagine Manuali Registri Realizzati da Arp Schitger Annotazioni
1668-75/88 Stade (D) Santi Cosma e Damiano   III/P 42 Cassa, prospetto, 35 registri (8 parzialmente). Vedi la pagina di approfondimento.
1677-79 Bülkau (D) San Giovanni Battista   I 10 Cassa e prospetto; oggi II/P/22.
1678 Stade (D) San Wilhadi   III/P 46 Arp Schnitger termina il lavoro iniziato da suo zio Berendt Huss. Vedi la pagina di approfondimento.
1678-79/1709 Jork (D) San Mattia   III/P 35 Cassa e prospetto; oggi II/P/22.
1680 Cappel (D) San Pietro e Paolo   II/P 30 Cassa, prospetto, quasi tutti i registri; altri dieci vecchi vennero riutilizzati da Schnitger. Vedi la pagina di approfondimento.
1678-82 Oederquart (D) San Giovanni   III/p 28 Cassa e prospetto, oggi II/P/17.
1682-83 Lüdingworth (D) San Giacomo   III/P 35 Cassa, prospetto e quattordici registri (completi o parzialmente); molte canne preesistenti riutilizzate. Vedi la pagina di approfondimento.
1684 Elmshorn (D) San Nicola   II/P 23 Cassa; oggi III/P/33.
1686 Bergstedt (D) Chiesa Evangelica   I 8 Cassa, due o tre registri.
1687 Blankenhagen (D) Parrocchiale   II/p 12 Cassa, quattro o cinque registri.
1687 Steinkirchen (D) Santi Nicola e Martino   II/P 28 Cassa, prospetto e tredici registri, altri otto parzialmente. Vedi la pagina di approfondimento.
1683-88 Neuenfelde (D) San Pancrazio   II/P 34 Cassa, prospetto e diciotto registri. Vedi la pagina di approfondimento.
1688 Mittelnkirchen (D) San Bartolomeo   II/p 22 Sei o otto registri, oggi II/P/32. Vedi la pagina di approfondimento.
1688-90 Hollern (D) San Maurizio   II/P 24 Cassa, prospetto e tredici registri (completi o parzialamente). Vedi la pagina di approfondimento.
1686-88/1691-92 Norden (D) San Ludgeri   III/P 46 Cassa, tredici registri, altri otto preesistenti riutilizzati. Vedi la pagina di approfondimento.
1691-92 Groningen (NL) San Martino   III/P 53 Cassa del pedale, prospetto, sei registri, altri riutilizzati; oggi III/P/52. Vedi la pagina di approfondimento.
1689-93 Amburgo (D) San Giacomo   IV/P 60 Quarantatré registri, alcuni riutilizzati. Vedi la pagina di approfondimento.
1693 Groningen (NL) Pelstergasthuiskerk   II/p 20 Cassa, due registri, sette parzialmente.
1693 Eutin (D) Castello   I 9 Cassa.
1693-94 Grasberg (D) Chiesa Luterana   II/P 21 Cassa e quattordici registri. Vedi la pagina di approfondimento.
1695-96 Noordbroek (NL) Hervormde Kerk   II/P 20 Cassa, dieci o undici registri; oggi II/P/24.
1695-96 Harkstede (NL) Hervormde Kerk   I 7 Cassa, prospetto, cinque registri; oggi I/P/9.
1694-97 Groningen (NL) Der Aa-Kerk   IV/P 40 Nuovo. Distrutto da un crollo nel 1710.
1696-97 Peize (NL) Hervormde Kerk   II/P 22 Cassa, prospetto, quattro o sei registri, alcune vecchie canne riutilizzate.
1697-98 Strückhausen (D) San Giovanni   II/p 12 Cassa dell'hauptwerk, due registri; oggi II/P/15.
1697-98 Dedesdorf (D) San Lorenzo   II/p 12 Cassa, dieci registri; oggi II/P/18.
1697-98 Golzwarden (D) San Bartolomeo   II/P 20 Cassa; oggi II/P/22.
1699 Nieuw-Scheemda (NL) Hervormde Kerk   I/p 8 Cassa, quattro o sei registri.
1696-99 Mensingeweer (NL) Hervormde Kerk   I 9 Cassa, prospetto, sei registri.
1699 Ganderkesee (D) Santi Cipriano e Cornelio   II/p 16 Cassa, prospetto, nove registri; oggi II/P/22. Vedi la pagina di approfondimento.
1700-01 Uithuizen (NL) Hervormde Kerk   II/P 28 Cassa, diciannove registri, altri sei riutilizzati.
1701 Maia (P) San Salvatore   II 12 Cassa, undici registri.
1701 Mariana (BR) Cattedrale   II/p 18 Cassa, prospetto, quattordici registri, forse in collaborazione con Heinrich Hullenkampf.[1]
1699-1702 Clausthal-Zellerfeld (D) San Salvatore   III/P 55 Cassa; oggi II/P/29.
1700-02 Groningen (NL) Der Aa-kerk   III/P 32 Cassa, prospetto e tredici registri, altri dieci preesistenti riutilizzati; oggi III/P/40.
1702 Estebrügge (D) San Martino   II/P 34 Cassa.
1704 Eenum (NL) Hervormde Kerk   I 10 Cassa, prospetto, quattro o sei registri; oggi I/P/10.
1704 Godlinze (NL) Hervormde Kerk   II/p (?) 16 Cassa, prospetto, otto o nove registri; oggi I/P/12.
1705 Accum (D) San Willehad   II/p 14 Cassa.
1707-08 Lenzen (D) Santa Caterina   II/P 27 Cassa parzialmente, due o tre registri.
1707-08 Ochsenwerder (Amburgo) (D) San Pancrazio   II/P 30 Cassa, prospetto, cinque o undici registri; oggi II/P/24.
1707-09 Brema (D) San Martino   III/P 33 Rifacimento dell'organo seicentesco di Christian Bockelmann, distrutto nel 1944. Vedi la pagina di approfondimento.
1707-09 Flensburg (D) San Nicola   III/P 42 Rifacimento dell'organo seicentesco di Nikolaus Maaß, sostituito nel 1922 da Wilhelm Sauer.
1709-10 Weener (D) San Giorgio   II/p 22 Cassa, sei registri; oggi II/P/29. Vedi la pagina di approfondimento.
1710-11 Pellworm (D) San Salvatore   II/P 24 Cassa, undici registri. Vedi la pagina di approfondimento.
1710-11 Sneek (NL) San Martino   III/P 36 Cassa, prospetto, dieci registri.
1711 Ferwert (NL) Hervormde Kerk   II/P 26 Cinque registri.
1710-13 Abbehausen (D) San Lorenzo   II/P 24 Cassa, prospetto, due registri.
1714-16 Rendsburg (D) Chiesa del Cristo   II/P 29 Cassa, quattro registri; oggi IV/P/51.
1715-16 Faro (P) Cattedrale   II 22 Forse in collaborazione con Heinrich Hullenkampf.[1]
1715-19 Itzehoe (D) San Lorenzo   IV/P 43 Cassa, prospetto; oggi IV/P/58.
1719-21 Zwolle (NL) San Michele   IV/P 64 Cassa, quasi tutti i registri; ultimato dai figli Franz Caspar Schnitger e Johann Georg Schnitger. Vedi la pagina di approfondimento.

NoteModifica

  1. ^ a b Organ Tours of Brasil, su freewebs.com. URL consultato il 15 ottobre 2012 (archiviato il 9 ottobre 2012).

BibliografiaModifica

  • Peggy Kelley Reinburg, Arp Schnitger, organ builder; catalyst for the centuries, Bloomington, Indiana University Press, 1982, ISBN 978-0-253-30927-3.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN45095277 · ISNI (EN0000 0001 1875 5418 · LCCN (ENn81110699 · GND (DE118609785 · BNF (FRcb16502218z (data) · CERL cnp00566007