Avvelenamento da mercurio

avvelenamento causato dall'elemento mercurio
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Avvelenamento da mercurio
Hg Mercury.jpg
L'elemento mercurio
Specialitàmedicina d'emergenza-urgenza
Eziologiamercurio
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM985.0
ICD-10T56.1
MeSHD008630
MedlinePlus002476
eMedicine1175560

L'avvelenamento da mercurio, anche noto come idrargirismo[1], mercurialismo[2], idrargiria[3] o idrargirosi,[4] è una condizione clinica caratterizzata dall'assunzione acuta o cronica dell'elemento chimico.

Uso del mercurioModifica

Il mercurio viene usato quotidianamente nei termometri, in alcune batterie e nelle otturazioni per la cura della carie dentaria. Inoltre con altre sostanze chimiche viene utilizzato per creare vari composti chimici. Per quanto riguarda l'alimentazione è stato dimostrato che molti pesci (a causa della contaminazione marina) possono a loro volta contenerne in quantità elevata.[5] Nei lavori professionali si può essere esposti a tale sostanza, se vengono trattati metalli o sostanze chimiche.

Un tempo veniva usato anche per la cura della sifilide o presunta tale (se la dose era alta poteva invece peggiorare i sintomi, o causarne di nuovi), in alchimia e, assieme al piombo e all'arsenico, per lavorazione del feltro dei cappelli; in Inghilterra vi era un detto "matto come un cappellaio" (che ispirò a Lewis Carroll il personaggio del Cappellaio Matto), a causa dei disturbi mentali e fisici che l'avvelenamento cronico da mercurio, da arsenico e da piombo (saturnismo) provocano.

Presentazione clinicaModifica

Dopo inalazione acutaModifica

In caso di inalazione acuta di vapori di mercurio:

Dopo ingestione acutaModifica

In caso di ingestione acuta di mercurio non organico:

In caso di ingestione acuta di mercurio organico:

Dopo esposizione cronicaModifica

Esposizione in gravidanzaModifica

  • con alte dosi ritardo mentale grave del nascituro
  • con dosi più basse alterazioni dello sviluppo psicomotorio

Esposizione durante l'età infantileModifica

Terapia delle intossicazioniModifica

Per le intossicazioni croniche da composti di mercurio inorganico il farmaco di scelta è l'acetil-cisteina.

NoteModifica

  1. ^ idrargirismo, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ mercurialismo, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  3. ^ idrargirìa, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  4. ^ idrargiròṡi, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  5. ^ Vedi la voce Mercurio nei pesci.
  6. ^ Skoog Douglas A.; West Donald M.; Holler F. James; Stanley R. Crouch, Fondamenti di chimica, edises, 2007, pp. 865-866, ISBN 88-7959-300-5.
  7. ^ Il Mercurio è causa di ipertensione, infarto, ictus e accidenti cardiovascolari

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85083801 · NDL (ENJA01239516
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina