Apri il menu principale

Billie Catherine Lourd[1] (Los Angeles, 17 luglio 1992) è un'attrice statunitense.

Figlia di Carrie Fisher, è nota per aver interpretato il ruolo di Chanel n. 3 nella serie televisiva Scream Queens e per esser comparsa nella saga cinematografica Star Wars nel ruolo del tenente Connix.

Indice

BiografiaModifica

È nata a Los Angeles, in California. Nell'estate 2014 venne annunciato che avrebbe preso parte al settimo capitolo della serie cinematografica Star Wars, Il risveglio della Forza.[2] Nel 2015 ricopre il ruolo di Chanel n. 3 nella serie TV di genere comico-horror ad opera di Ryan Murphy intitolata Scream Queens[3]. Nel 2017 entra nel cast della serie antologica American Horror Story.

Ha studiato teologia e psicologia all'Università di New York, laureandosi nel 2014[4].

AscendenzaModifica

È figlia dell'attrice Carrie Fisher e dell'agente Bryan Lourd, nipote dell'attrice Debbie Reynolds e del cantante Eddie Fisher. Da parte di madre è russo-ebrea, scozzese-irlandese ed inglese[5][6]. È nipote degli attori Todd Fisher, Joely Fisher e Tricia Leigh Fisher. I suoi padrini di battesimo sono Meryl Streep e Bruce Wagner.

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Doppiatrici italianeModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Billie Lourd è stata doppiata da:

NoteModifica

  1. ^ (EN) Billie Lourd, imdb.com. URL consultato il 2 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Carrie Fisher's daughter lands Star Wars role, su more104music.com.
  3. ^ (EN) Scream Queens casts Carrie Fisher's daughter, su bloody-disgusting.com.
  4. ^ Kelsey, Colleen (June 2015). "Film: Billie Lourd". Interview. Archived from the original on June 10, 2015. Retrieved December 14, 2015.
  5. ^ Byrne, James Patrick; Coleman, Philip; and Jason Francis King (2008). Ireland and the Americas: Culture, Politics, and History: A Multidisciplinary Encyclopedia, Volume 2, ABC-CLIO, page 804. ISBN 978-1851096145
  6. ^ de Vries, Hilary (April 24, 1994). "Q & A Hollywood Times Three Debbie Reynolds and Carrie Fisher discuss Hollywood families, not-so-fictional novels—and baby Billie's there to chaperone". Los Angeles Times. Retrieved March 7, 2010.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica