Apri il menu principale

Brigada zračne obrambe in letalstva Slovenske vojske

Brigada zračne obrambe in letalstva Slovenske vojske
Slzo.jpg
Descrizione generale
Attiva1991 - oggi
NazioneSlovenia Slovenia
Servizioaeronautica militare
Battaglie/guerreguerra dei dieci giorni
Parte di
Comandanti
Tenente colonnelloTenente colonnello Igor Strojin
Simboli
CoccardaRoundel of Slovenia.svg
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

La Brigada zračne obrambe in letalstva Slovenske vojske (tradotto dallo sloveno Brigata di difesa aerea e aviazione delle Forze armate slovene, spesso abbreviata in BROZOL) costituisce la componente aerea delle forze armate slovene.

StoriaModifica

L'aviazione militare slovena fu costituita ufficialmente nel 1991 in seguito alla dissoluzione della ex-Jugoslavia, e anche se si tratta di una modesta[senza fonte] forza aerea, da molti anni[non chiaro] ricopre ruoli sempre più importanti[senza fonte] in seno alla NATO.

La Slovenia è uno dei più giovani stati indipendenti dell'Europa: già parte della Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, il piccolo stato si è spinto a cercare l'autonomia nel 1991.

Il suo territorio venne marginalmente coinvolto, con la guerra dei dieci giorni, dalle ostilità esplose tra le varie repubbliche dell'ex-Jugoslavia al momento della scissione e questa nuova nazione, influenzata dalle vicine Austria e Ungheria, si è unita alla NATO nel novembre del 2003. Da allora la responsabilità della difesa dello spazio aereo sloveno spetta alla Nato, nello specifico all'Aeronautica Militare italiana.

Dato che non ricevette alcuna forma di "eredità" dalla defunta Repubblica Socialista Federale di Jugoslavia, a parte pochi esemplari di addestratori basici UTVA-75, la Slovenia si trovò fin dall'inizio della sua indipendenza a dover ricostruire totalmente la propria componente aerea; un cammino iniziato nel lontano 1991 con un solo elicottero Gazelle.

La Slovenia ha visto crescere la propria aviazione militare velocemente, originariamente la SAF fu denominata soltanto Aviation Unit, denominazione inglese dovuta in previsione della futura adesione alla NATO e non solo per questioni di praticità, in quanto non si poteva ancora parlare una vera e propria forza aerea ma di un piccolo reparto di volo delle forze armate slovene.[1]

Aeromobili in usoModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[2]
Note Immagine
Aerei da addestramento
Zlín Z-143   Rep. Ceca aereo da addestramento Zlin Z 143 2[2]
Zlín Z 242   Rep. Ceca aereo da addestramento Z 242L 8[2]
Pilatus PC-9   Svizzera aereo da addestramento PC-9A
PC-9M Hudournik
9[2] La versione PC-9M può svolgere anche compiti di attacco leggero
Aerei da trasporto
Let L-410 Turbolet   Rep. Ceca aereo da trasporto L-410UVP-E Turbolet 1[2]
Dassault Falcon 2000EX   Francia aereo da trasporto VIP Dassault Falcon 2000EX 1
Pilatus PC-6   Svizzera aereo da trasporto leggero PC-6 Turbo-Porter 2[2]
Elicotteri
Eurocopter AS 532AL Cougar   Francia elicottero da trasporto AS 532 UL/AL 4[2]
Bell 412   Stati Uniti elicottero utility 412EP
412HP
412SP
5[2]
2[2]
1[2]
Bell 206   Stati Uniti elicottero da addestramento 206B-3 JetRanger III 4[2]

NoteModifica

  1. ^ "Aeronautica & Difesa" n°275 anno XXIV - settembre 2009.
  2. ^ a b c d e f g h i j k (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 27. URL consultato l'11 gennaio 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica