Apri il menu principale

Cabiri

divinità della mitologia greca
Ebusus (Ibiza)
Burgos 708.jpg
Kabeiros seduto, con martello e serpente Toro che carica.
Bronzo; ca. II secolo a.C.

I Cabiri (in greco antico: Κάβειροι, Kábeiroi) sono figure della mitologia greca oggetto di un culto misterico.

GenealogiaModifica

Figli di Efesto e Cabeiro[1][2] oppure di Cadmilo[3] o Prometeo[4].

Nomi e quantitàModifica

A seconda dell'autore il numero dei Cabiri varia ma dalla somma dei nomi citati se ne ottengono cinque: Alcon, Eurimedone[1], Onnes[5], Aitinaio[4] e Tonnes[6].

MitologiaModifica

I Cabiri erano un gruppo di enigmatiche divinità dell'oltretomba, probabilmente di origine frigia[7] e protettori dei marinai[6] che in seguito furono importati nel rito greco[8], dove corrispondevano a dei nani figli del dio Efesto, che forgiavano i metalli nella sua fucina di Lemno insieme alla madre Cabeiro[6].

Spesso erano anche identificati con i Cureti cretesi, i Dattili troiani ed i Coribanti frigi ma nella loro origine remota comunque, corrispondevano a divinità mistiche venerate o temute in varie parti del mondo antico e l'oscurità che incombe su di loro e le contraddizioni che si incontrano nei resoconti degli antichi stessi, hanno portato gli scrittori moderni a scrivere ognuno una propria teoria che spesso contrasta con le altre. È altresì incerta l'origine ed il significato del loro nome così come la loro reale origine o provenienza[6].

Secondo alcuni erano due fratelli che presiedevano alle danze orgiastiche dei misteri di Samotracia anticamente svolti in onore delle dee Demetra, Persefone ed Eche[6].

Secondo Pausania (vissuto attorno all'anno 100 dopo Cristo), nel luogo dov'era il Kabirion a lui contemporaneo esisteva una città e degli uomini chiamati Kabeiroi. Demetra andò da uno di essi chiamato Prometeo e diede loro qualcosa da custodire, chiamata teleté. Al tempo degli Epigoni i Cabiri furono cacciati dalle loro case dagli Argivi[4].

Clemente Alessandrino (vissuto attorno all'anno 200 dopo Cristo), scrive che i Cabiri erano tre, ma due fratelli commisero un atto di fratricidio.
Nell'opera Cabiri di Eschilo, i due hanno accolto gli Argonauti nella loro isola e li hanno iniziati in un'orgia alcoolica.
Gli dei gemelli furono identificati anche con i Dioscuri specialmente nel mito degli Argonauti[6].

 
Samotracia, iniziazione di Agamennone al culto dei Cabiri

Erano venerati nell'isola di Samotracia[6] come Grandi Dei in un culto misterico che aveva il suo centro nel Santuario dei Grandi Dei ed era strettamente collegato a quello di Efesto. Qui si racconta che il dio ebbe da Cabeiro il figlio Cadmilo e che a sua volta ebbe tre figli detti Cabiri e tre figlie dette le Cabridi.

Secondo alcuni i Cabiri della Samotracia erano un gruppo più grande di divinità e comprendeva non solo i figli di Efesto ma anche diversi figli coribantici del dio Apollo ed entrambi i gruppi sono stati ritratti come dei rissosi guerrieri danzanti presenti nelle orge[6].

Cedalione infine, il servitore di Efesto che condusse il gigante Orione verso est era talvolta considerato come uno dei Cabiri[6].

CultoModifica

Il culto si diffuse rapidamente in tutto il mondo greco durante il periodo ellenistico ed in seguito fu adottato anche dai Romani.

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Nonno di Panopoli XIV, 17, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  2. ^ Strabone, Geografia 10.3.21
  3. ^ Strabone, Geografia 10.3.19
  4. ^ a b c (EN) Pausania, Periegesi della Grecia IX, 25.6, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  5. ^ Callimaco Aetia' Fragmmento 115
  6. ^ a b c d e f g h i (EN) Cabiri su Theoi.com, su theoi.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  7. ^ Secondo lo scholia su Apollonio Argonautica I. "L'origine frigia del culto cabirico così come affermato da Stesimbroto di Taso e recentemente difeso da Otto Kern non può, quindi, essere rifiutato 'a priori'", così scrisse Giuliano Bonfante in "A Note on the Samothracian Language" Hesperia 24.2 (Aprile 1955, pp. 101-109) p. 108; Bonfante è d'accordo con Jacob Wackernagel che i Κάβειροι non possono essere greci; Wackernagel suggerì che i Cabiri fossero traci o frigi, in sua opinione due popoli strettamente connessi.
  8. ^ Walter Burkert, Greek Religion, Sect. VI.1.3 "The Kabeiroi and Samothrace", Harvard University Press, 1985, p. 281

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN72188816 · LCCN (ENsh85018572 · GND (DE118714406 · WorldCat Identities (EN72188816
  Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca