Apri il menu principale

Caffè Vergnano

azienda italiana specializzata nella produzione di caffè
Caffè Vergnano
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione1882 a Chieri
Fondata daDomenico Vergnano
Sede principaleSantena
Persone chiave
SettoreAlimentare
Prodottilavorazione del caffè
Fatturato82,6 milioni di (2017)
Dipendenti140 (2017)
Slogan«L'autentico Espresso Italiano»
Sito web

Caffè Vergnano è un'azienda italiana specializzata nella produzione di caffè fondata nel 1882 a Chieri e con sede a Santena.

Caffè Vergnano è considerata la più antica azienda produttrice di caffè a livello nazionale tra le grandi torrefazioni[1].

StoriaModifica

L'azienda fu fondata nel 1882 da Domenico Vergnano. Si trattava di una piccola drogheria a Chieri, una cittadina sulla collina torinese. L'attività crebbe molto presto e vennero aperti i primi tre magazzini italiani a Torino, Alba e Chieri. Il vero salto, però, avvenne negli anni trenta quando l'azienda acquistò una fattoria produttrice di caffè in Kenya.

Stabilimento di 13.500 metri quadrati e 24 linee di produzione automatizzate, è la sesta azienda italiana nel canale della grande distribuzione, presente sul territorio in 19 regioni con oltre 4.500 clienti HORECA e nel mondo con più di 70 locali in 19 paesi. Esporta, inoltre, in più di 80 paesi sia nel settore HORECA (tasso di crescita del 15% annuo), sia in GDO con Èspresso1882 (dal 2013).[2]

Dal 2000 la società ha avviato il progetto di espansione dei propri prodotti e del marchio attraverso le caffetterie che si trovano ormai un po' dappertutto in giro per il mondo. Nel 2016 è stato inaugurato il locale numero cento a Singapore,[3] nel 2017 le caffetterie sono già più di 130 grazie anche alla collaborazione con la catena dei megastore di Eataly che ha permesso a Caffè Vergnano di essere presente a New York, Roma, Milano, Chicago, Los Angeles, San Paolo, Istanbul, Seul, Tokyo e Mosca. Il modello, curato dall'architetto Roberto Ferrero, è facilmente esportabile: arredi di ispirazione eco-design, mobili in legno non trattato, pavimenti realizzati con legno a basso rilascio di formaldeide e sedute in ecopelle. Il rito del caffè all'italiana è completato da un menu assortito che spazia dalla colazione al pranzo sino all'aperitivo.[4]

Un nuovo filone di caffetterie sta sviluppandosi negli aeroporti delle grandi città.[5]. La prima è stata aperta a Bari in partnership con My Chef, la seconda all'aeroporto di Roma Fiumicino nel nuovo ampliamento del terminal 3 dei voli intercontinentali, la terza nel 2018 all'aeroporto di Monaco, voli intercontinentali, con la partnership di Allresto. Lo sviluppo delle caffetterie ha portato i conti della società a raggiungere in cinque anni, dai 64 milioni di euro del 2013, prima i 75,5 milioni del 2015[6] e poi gli 82 del 2017.[4] Tanto da indurre la società ad allargare il raggio d'azione delle caffetterie anche alle grandi stazioni ferroviarie:[4] il primo nel luglio 2018 a Roma Termini.[7]

Campagna pubblicitariaModifica

Caffè Vergnano è stata per alcuni anni sponsor del Giro d'Italia. In alcuni spot televisivi, il testimonial è stato Dustin Hoffman.

La causa Nestlé v. Caffè VergnanoModifica

Nel febbraio del 2012 la Nestlé ha avviato un procedimento d'urgenza contro Caffè Vergnano in quanto, a suo dire, erano violati tre brevetti della Nespresso, si contraffaceva il marchio Nespresso e illegittimamente sulle capsule per caffè della Vergnano denominate "Èspresso 1882" veniva esplicitato che erano "compatibili" con le macchine della Nespresso. A giugno del 2012 il Tribunale ha respinto tutti gli addebiti della Nestlé, con l'obbligo per l'azienda piemontese, puntualmente eseguito, di rimuovere ogni esplicito riferimento diretto al marchio.[8] Al riguardo, negli spot del 2014, lo speaker spiega che il marchio Nespresso non è di proprietà di Vergnano né delle aziende ad essa collegate.

NoteModifica

  1. ^ Caffè Vergnano: la Torrefazione più antica d'Italia, su centocaffe.com. URL consultato il 25 agosto 2015.
  2. ^ Caffè Vergnano: la storia. Una passione per il caffè dal 1882., su www.caffevergnano.com. URL consultato il 28 agosto 2015.
  3. ^ Carolina Vergnano la signora del caffè partì dall'Australia, su repubblica.it. URL consultato il 27 gennaio 2018.
  4. ^ a b c Caffé Vergnano nel 2018 apre un locale alla Stazione Termini di Roma, su comunicaffe.it, 7 dicembre 2017. URL consultato il 27 gennaio 2018.
  5. ^ Vergnano corre in Europa e Asia e adesso sbarca negli aeroporti, su lastampa.it. URL consultato il 27 gennaio 2018.
  6. ^ Caffè Vergnano chiude il 2015 con un fatturato in crescita, su repubblica.it, 22 marzo 2016.
  7. ^ Carolina Vergnano: "Ricavi di 82,6 milioni, siamo in 95 Paesi, ora si apre a Roma Termini, su comunicaffe.it, 10 luglio 2018. URL consultato il 10 agosto 2018.
  8. ^ Vergnano batte Nespresso nella vertenza sulle capsule - Affaritaliani.it Archiviato il 29 giugno 2012 in Internet Archive.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica