Apri il menu principale

Nestlé

azienda alimentare multinazionale svizzera
Nestlé S.A.
Logo
NestleHQ.jpg
Sede di Vevey
StatoSvizzera Svizzera
Forma societariaSocietà anonima
Borse valoriBorsa di ZurigoNESN
ISINCH0038863350
Fondazione1866
Fondata daHenri Nestlé
Sede principaleVevey
FilialiAlcon
Persone chiave
SettoreAlimentare
Prodotti
Fatturato91,4 miliardi CHF (2018)
Utile netto10,1 miliardi CHF (2018)
Dipendenti323.000 (2017)
Slogan«Good Food, Good Life»
Sito web

Nestlé S.A. o Société des Produits Nestlé S.A. (pronuncia: /nɛs'le/) è un'azienda multinazionale attiva nel settore alimentare, con sede a Vevey, in Svizzera. Produce e distribuisce una grande varietà di articoli, dall'acqua minerale agli omogeneizzati, dai surgelati ai latticini.

Nestlé è la più grande multinazionale attiva nel settore alimentare dell'Europa.

Indice

StoriaModifica

 
Il presidente brasiliano, Lula da Silva, mentre inaugura un'impresa a Feira de Santana

Intorno al 1860, il farmacista Henri Nestlé sviluppò un alimento per i neonati che non potevano essere nutriti al seno a causa di particolari intolleranze. Il prodotto salvò la vita di un bambino, e la Farine Lactée Henri Nestlé fu presto venduta in tutta Europa. Nel 1866 fu formalmente fondata la Nestlé.

Nel 1905, la Nestlé si fuse con la Anglo-Swiss Condensed Milk Company. Rapidamente l'azienda crebbe fino a possedere fabbriche negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Germania e in Spagna. Durante la prima guerra mondiale crebbe la richiesta di prodotti caseari, e la produzione della Nestlé raddoppiò prima della fine del conflitto.

Dopo la fine del conflitto il mercato caseario tornò a normalizzarsi e gran parte dei consumatori tornò a latte fresco. La Nestlé rispose a questo mutamento di contesto modificando la propria linea aziendale, riducendo il proprio debito e iniziando a espandersi nel settore della produzione del cioccolato, che rappresenta a tutt'oggi la seconda attività più importante dell'azienda.

All'inizio della seconda guerra mondiale, i profitti dell'azienda scesero bruscamente (dai 20 milioni di dollari del 1938 ai 6 milioni del 1939). Furono realizzate nuove fabbriche in molti paesi in via di sviluppo, specialmente America latina. Proprio la guerra portò all'invenzione di un nuovo prodotto di enorme successo, il Nescafé, che venne inizialmente utilizzato dall'esercito degli Stati Uniti. Anche grazie a questo prodotto, i profitti dell'azienda tornarono a salire durante il conflitto.

La fine della seconda guerra mondiale fu l'inizio di una fase dinamica. La crescita dell'azienda fu accelerata e furono portate a termine numerose acquisizioni. Nel 1947 la Nestlé si fuse con la Maggi (produttrice di condimenti e zuppe). Seguirono Crosse & Blackwell nel 1950, Glaces Gervais (1960), Findus (1963), Libby's (1971) e Stouffer's (1973). Fu inoltre realizzata una shareholding con L'Oréal (1974), con ulteriore diversificazione della produzione. Nel 1977 la Nestlé continuò a espandersi al di fuori del settore alimentare acquisendo gli Alcon Laboratories. Nel 1984 venne acquisito un gigante dell'industria alimentare statunitense, la Carnation. Nel marzo 1988, Nestlé rileva la società alimentare italiana Buitoni con i relativi marchi Buitoni e Perugina.[1] Sempre nel 1988, a seguito dell'acquisizione del gruppo dolciario inglese Rowntree Mackintosh (azienda detentrice di vari marchi nei mercati internazionali tra cui Kit Kat, Smarties, Lion, Polo, Fruit Joy, Quality Street), Nestlé diventa il secondo produttore mondiale nel settore degli snack dietro Mars Inc..[2]

Nella prima metà degli anni novanta, la nascita del mercato globale fornì alla Nestlé nuovi importanti mercati nei quali espandersi. Nel 1993, grazie all'acquisizione in Italia di Italgel dalla SME (marchi Motta, Antica Gelateria del Corso, Valle degli Orti e Surgela),[3] Nestlé consolida la propria presenza nel ramo del freddo in Europa. Negli anni successivi avvennero nuove importanti acquisizioni: Sanpellegrino (1997), Spillers Petfoods (1998), Ralston Purina (2002), Dreyer's (2002) e Chef America (2002). Nel 2005 Nestlé perde posizioni nel mercato degli alimenti per l'infanzia dopo il ritiro di alcuni tipi di latte in polvere, e procede all'acquisizione di Gerber Products Company nel 2007[4] e la divisione alimentare della multinazionale Pfizer nel 2012[5] con l'intento di riconquistare una posizione di leader nei mercati emergenti. Nel 2016, Nestlé decide di scorporare le sue attività internazionali nel comparto dei gelati (eccetto per i mercati di Israele, e Nord America, dove è ancora presente attraverso le divisioni Dreyer's e Haagen-Dazs) dando vita insieme al gruppo inglese attivo nel ramo del freddo R&R (terzo produttore mondiale del settore) a Froneri, joint venture dove entrambe le società detengono ciascuno il 50% del capitale.[6] Nel 2018, Nestlé dismette le sue attività nel settore dolciario nel mercato degli Stati Uniti, cedendo a Ferrero la proprietà di oltre 20 marchi tra cui Crunch, Butterfinger, BabyRuth, 100Grands, Raisinets, Wonka, SweeTarts, LaffyTaffy e Nerds.[7]. Il fatturato 2018 del Gruppo Nestlé è stato pari a 91.493 miliardi CHF (€ 80.583 miliardi); l'utile netto è cresciuto del 41,6% raggiungendo quota 10.1 miliardi CHF (€ 8.9 miliardi).[8][9] Nel luglio 2019, Nestlé decide di cedere a Froneri le sue attività nel comparto gelati anche in Israele, rimanendo quindi operativa nel settore soltanto nei mercati del continente americano.[10]

Principali marchiModifica

CerealiModifica

  • Cheerios (eccetto USA)
  • Chocapic
  • Chokella
  • Cini Minis
  • Cinnamon Grahams
  • Clusters
  • Cookie Crisp
  • Crunch
  • Fibre1
  • Fitness
  • Force Flakes
  • Golden Grahams
  • Golden Nuggets
  • Honey Nut Cheerios (eccetto USA)
  • Honey Stars
  • Koko Krunch
  • Nesquik
  • Nestlé Corn Flakes
  • Oat Cheerios
  • Shredded Wheat
  • Shreddies
  • Trix

Caffè e altre bevande solubiliModifica

  • Bonka
  • Coffee-Mate
  • International Roast
  • Klim
  • Loumidis
  • Nescafé
  • Nescafé Dolce Gusto
  • Nespray
  • Nespresso
  • Orzoro
  • Ricoffy
  • Ricoré
  • Taster's Choice
  • Zoégas

AcquaModifica

  • Aberfoyle
  • Acqua Panna
  • Acqua Vera
  • Al Manhal
  • Arrowhead
  • Contrex
  • Deer Park
  • Hépar
  • Ice Mountain
  • Levissima
  • Nałęczowianka
  • Nestlé Aquarel
  • Nestlé Pure Life
  • Nestlé Vera
  • Ozarka
  • Pejo
  • Perrier
  • Poland Spring
  • Recoaro
  • Quézac
  • S. Pellegrino
  • Viladrau
  • Vittel
  • Zephyrhills

Altre bevandeModifica

Prodotti freschiModifica

  • Buitoni
  • Chiquitin
  • Herta
  • La Laitière
  • La Lechera
  • LC1
  • Molico
  • Nestlé
  • Ski
  • Sveltesse
  • Svelty
  • Toll House
  • Yoco

GelatiModifica

Alimenti per neonati / PappeModifica

  • Alfare
  • Beba
  • Cérélac
  • FM 85
  • Fruttolo
  • Good Start
  • Guigoz
  • Lactogen
  • Mio
  • Nan
  • NAN HA
  • NanSoy
  • Neslac
  • Nestlé
  • Nestogen
  • Nestum
  • Nido
  • Nidina
  • Ninho
  • Pensal (Solo in Portogallo e Capo Verde)
  • PreNan

Alimenti per sportiviModifica

  • Neston
  • Nesvita
  • PowerBar

Alimenti per la saluteModifica

  • Modulen
  • Nutren
  • Nutren Junior
  • Peptamen
  • Peptamen UTI
  • Nestlé Nutrition (alimenti per disfagici)

CondimentiModifica

  • Buitoni
  • Maggi
  • Thomy
  • Winiary

Cibi surgelatiModifica

  • Buitoni
  • Hot Pockets
  • Lean Cuisine
  • Maggi
  • Mare fresco (ceduto nel 2017 a Frosta)
  • Stouffer's

Cioccolato, dolci e biscottiModifica

Prodotti per la cucinaModifica

  • Davigel
  • Milkmaid
  • Minor's
  • Moça
  • Santa Rica

Cibo per animaliModifica

  • Alpo
  • Beneful
  • Cat Chow
  • Dog Chow
  • Fancy Feast
  • Felix
  • Friskies
  • Gourmet
  • Mighty Dog
  • Mon Petit
  • ONE
  • Pro Plan
  • Purina
  • Tidy Cats

Critiche alla politica commerciale dell'azienda NestléModifica

Fin dai tardi anni settanta, Nestlé è stata oggetto di numerose critiche circa la sua politica commerciale. Movimenti di opposizione a questa azienda, iniziati su vari fronti e in diversi paesi, sono approdati all'istituzione di un International Nestlé Boycott Committee ("comitato internazionale per il boicottaggio della Nestlé") di cui fanno parte, formalmente o informalmente, numerose associazioni analoghe in diversi paesi del mondo. Tra i maggiori esponenti nelle critiche contro questa azienda spicca lo svizzero Jean Ziegler.

Latte per neonatiModifica

 
Nestlé, alimenti per bambini. Un manifesto pubblicitario di Alfons Mucha del 1897.

La Nestlé viene accusata di una politica commerciale aggressiva e irresponsabile per quanto riguarda la promozione di latte per neonati nei paesi in via di sviluppo, soprattutto attraverso forniture gratuite a strutture ospedaliere[11] ed una massiccia campagna pubblicitaria che definiva il latte in polvere "più sicuro" dell'allattamento al seno.

Secondo l'UNICEF, la sostituzione dell'allattamento materno con il latte in polvere porterebbe nei paesi del Terzo Mondo alla morte di circa un milione e mezzo di bambini ogni anno[12], a causa di problemi legati alla difficoltà di sterilizzazione dell'acqua e dei biberon utilizzati. È provato che anche in paesi sviluppati l'utilizzo del latte in polvere per neonati comporta un aumento dei rischi di mortalità post-neonatale rispetto all'allattamento materno[13].

Per queste ragioni l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) adottò il 22 maggio del 1981, l'International Code of Marketing of Breast-milk Substitutes, un regolamento internazionale sulla promozione di surrogati del latte materno, linea guida non legalmente vincolante al quale la Nestlé aderì nel 1982[14].

I controlli eseguiti nel 1988 dalla International Baby Food Action Network[15] riscontrarono infrazioni da parte di Nestlé e altre compagnie produttrici di latte per neonati e provocarono la ripresa del boicottaggio dell'azienda nato nel 1977 e successivamente interrotto con la sua adesione al Codice dell'OMS[16].

Diverse indagini hanno mostrato come la Nestlé e altre compagnie produttrici di latte in polvere per neonati negli ultimi anni abbiano ripetutamente infranto, soprattutto in regioni sottosviluppate, il Codice internazionale dell'OMS al quale hanno ufficialmente aderito[17][18][19].

Nestlé Purina nel VenezuelaModifica

Nel 2005, la Nestlé Purina commercializzò tonnellate di cibo per animali contaminato nel Venezuela: morirono oltre 400 fra cani, gatti, uccelli e animali da allevamento. I marchi incriminati includevano Dog Chow, Cat Chow, Puppy Chow, Fiel, Friskies, Gatsy, K-Nina, Nutriperro, Perrarina e Pajarina. Il problema fu attribuito a un errore di un produttore locale che aveva immagazzinato in modo scorretto il mais contenuto in tali cibi, portando alla diffusione di un fungo tossico nelle riserve[20].

Nel marzo del 2005, l'Assemblea Nazionale del Venezuela condannò l'azienda a risarcire i proprietari degli animali intossicati[21] stabilendo che la Nestlé Purina era responsabile a causa di insufficienti controlli di qualità.

Cibo transgenicoModifica

Nell'agosto 2004 un test di Greenpeace riscontrò la presenza di organismi geneticamente modificati in una confezione di Nesquik. Una donna cinese denunciò Nestlé, poiché l'uso di OGM nei prodotti per l'infanzia era proibito dalle leggi locali.
Nel novembre 2005 Nestlé si oppose alla decisione svizzera di bandire gli OGM.[22]

Nel 2013 Greenpeace ha effettuato una ricerca sui prodotti OGM utilizzati da Nestlè:[23]

  • alimentazione infantile : tutti i prodotti.
  • alimenti per animali domestici : Nido, Friskies, Vital, Felix, Equilibrio, Elite, nutrizione, Beneful, Gourmet, Tonus.
  • Preparati o conservati : Maggi, Buitoni, Costa, Solis, Nestle, il cuoco.
  • Bevande: Nesquik, Nescafe, Nestlè, Bonka, Eko, Ricore.
  • Cereali per la colazione : Chocapic, fitness, Fibre1, Estrellitas, Golden Grahams, Crunch, Cheerios.
  • Congelato : Buitoni, il cuoco.
  • Cioccolato e dolci : Nestlé, Galak, Crunch, After Eight, Kit Kat, Nesquik, Blues, Dolca.
  • Ice Cream : La Lechera, Maxibon, Nestle Extreme.[23]

Schiavitù e manodopera minorileModifica

Nel 2005 l'ONG International Labor Rights Fund, seguita da Global Exchange, denunciarono Nestlé e le aziende fornitrici di commodity Archer Daniels Midland e Cargill per l'uso di manodopera ridotta in schiavitù, testimoniata da un caso di minori, trafficati dal Mali alla Costa d'Avorio e lì costretti a lavorare in piantagioni di cacao gratuitamente dalle 12 alle 14 ore al giorno, con poco cibo, poco sonno e frequenti percosse[24][25][26]. Organizzazione Internazionale del Lavoro, infatti, stima che 284.000 minori lavorino nelle coltivazioni di cacao nell'Africa Occidentale, soprattutto in Costa d'Avorio[27], dove Nestlé è la terza compratrice mondiale[28]. L'esportazione di cacao, oltretutto, sarebbe stata la principale fonte finanziaria per le forze militari della guerra civile[29]
Nel 2001 Nestlé insieme ad altri grandi produttori di cioccolato ha firmato un accordo, il protocollo Harkin-Engel (o Protocollo sul cacao), per affermare che avrebbe certificato, da luglio 2005, che il suo cioccolato non fosse stato prodotto attraverso manodopera minorile, debitoria, forzata o proveniente da traffico di esseri umani. Il protocollo, secondo il più recente report dell'International Labor Rights Fund pubblicato nel 2008, sarebbe stato disatteso[30].

Comportamento opportunistico durante la siccità CalifornianaModifica

Una coalizione di associazioni ha criticato aspramente la Nestlè per la sua pratica di sfruttamento indiscriminato delle acque della Foresta Nazionale imbottigliate e vendute (80Ml di litri d'acqua all'anno) durante un periodo pluriennale di siccità record.[31]

Latte inquinato in ItaliaModifica

Nel 2009 Nestlé italiana è stata condannata, insieme alla Tetrapak, al pagamento dei danni per l'inquinamento del latte Nidina con Itx, un tipo di inchiostro[32].

NoteModifica

  1. ^ La Buitoni alla Nestlè per 1600 miliardi di lire, su ricerca.repubblica.it, 19-03-1988.
  2. ^ Rowntree accepts bid by Nestlè, su nytimes.com, 24-06-1988.
  3. ^ Nestlè si aggiudica Italgel per 437 miliardi di lire, su italiaoggi.it, 30-07-1993.
  4. ^ Francesco Mimmo, Nestlè conquista gli omogeneizzati Gerber, in La Repubblica, 13 luglio 2007. URL consultato l'8 maggio 2012.
  5. ^ Nestlè compra il latte Pfizer per 11,85 miliardi di dollari, in La Repubblica, 23 aprile 2012. URL consultato l'8 maggio 2012.
  6. ^ Parte Froneri, la nuova multinazionale del gelato, su distribuzionemoderna.info, 04-10-2016.
  7. ^ Ferrero, ufficiale: acquista le barrette di cioccolato Nestlè negli USA per 2,8 miliardi, su repubblica.it, 16-01-2018.
  8. ^ Nestlé reports full-year results for 2018, su nestle.com, 14-02-2019.
  9. ^ Nestlé: archivia un 2018 positivo, crescono utili e fatturato, su wallstreetitalia.com, 14-02-2019.
  10. ^ Nestlé trasferisce le sue attività di gelato a Froneri, su swissinfo.ch, 5 Luglio 2019.
  11. ^ (EN) Promotion methods, ibfan.org. URL consultato il 22 agosto 2009.
  12. ^ (EN) Optimal breastfeeding, UNICEF. URL consultato il 22 agosto 2009.
  13. ^ (EN) Breastfeeding and the risk of postneonatal death in the United States., Pediatrics, maggio 2004. URL consultato il 22 agosto 2009.
  14. ^ (EN) WHO Code of Marketing of breast-milk substitutes, Nestlé. URL consultato il 22 agosto 2009.
  15. ^ (EN) IBFAN campaign history, ibfan.org. URL consultato il 22 agosto 2009.
  16. ^ (EN) Milking it, The Guardian, 15 maggio 2007. URL consultato il 22 agosto 2009.
  17. ^ (EN) Baby milk marketing "breaks rules", BBC News, 17 gennaio 2003. URL consultato il 22 agosto 2009.
  18. ^ (EN) Breaking the Rules, Stretching the Rules 2004, ibfan.org. URL consultato il 22 agosto 2009.
  19. ^ (EN) 21 May 2006: Companies violate the 25-year-old marketing code, ibfan.org. URL consultato il 22 agosto 2009.
  20. ^ (EN) News from Venezuela, iufost.org & ift.org. URL consultato il 13 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2007).
  21. ^ (ES) Purina corteja a los consumidores (PDF), veneconomia.com. URL consultato il 13 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2013).
  22. ^ Tom Armitage, Swiss Adopt Five-Year GMO Farming Ban, in Planet Ark, 28 novembre 2005. URL consultato il 22 febbraio 2007.
  23. ^ a b Report Greenpeace (PDF), su greenpeace.org (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2017).
  24. ^ Human Rights watchdog sues Nestlé, ADM, Cargill for using forced child labor, in Global Exchange, 7 ottobre 2008. URL consultato il 12 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2008).
  25. ^ Lindsey Partos, Nestlé, ADM and Cargill go to court over cocoa child labour, in Food And Drink Europe, 26 agosto 2005. URL consultato il 22 febbraio 2007.
  26. ^ Nestle, Archer Daniels Midland, and Cargill, in International Rights Advocate. URL consultato il 27 luglio 2008 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2008).
  27. ^ Deborah Orr, Slave Chocolate?, su forbes.com, 24 aprile 2006. URL consultato il 9 gennaio 2008.
  28. ^ Kate McMahon, The Dark Side of Chocolate, in Global Exchange, 28 ottobre 2005. URL consultato il 12 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2009).
  29. ^ William Wallis e Dino Mahtani, IVORY COAST: Cocoa exports 'fund' Ivory Coast Conflict, 7 giugno 2007. URL consultato il 3 luglio 2008.
  30. ^ The Cocoa Protocol: Success or Failure?, 30 giugno 2008
  31. ^ (EN) Regan Morris, Nestle: Bottling water in drought-hit California, in BBC News, 3 maggio 2016. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  32. ^ Latte 'inquinato', giudice condanna Nestle' e Tetra Pack a risarcimento, in Repubblica, 1º marzo 2008. URL consultato il 2 marzo 2009.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN146101412 · ISNI (EN0000 0001 0066 4948 · LCCN (ENno89000097 · GND (DE2070341-7 · BNF (FRcb119918512 (data) · WorldCat Identities (ENno89-000097