Caprese Michelangelo

comune italiano
Caprese Michelangelo
comune
Caprese Michelangelo – Stemma Caprese Michelangelo – Bandiera
Caprese Michelangelo – Veduta
Palazzo Clusini, sede del Museo michelangiolesco.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Arezzo-Stemma.png Arezzo
Amministrazione
SindacoClaudio Baroni (lista civica Noi per Caprese Michelangelo) dal 10-6-2018
Territorio
Coordinate43°38′27″N 11°59′09″E / 43.640833°N 11.985833°E43.640833; 11.985833 (Caprese Michelangelo)Coordinate: 43°38′27″N 11°59′09″E / 43.640833°N 11.985833°E43.640833; 11.985833 (Caprese Michelangelo)
Altitudine653 m s.l.m.
Superficie66,53 km²
Abitanti1 402[1] (30-6-2019)
Densità21,07 ab./km²
FrazioniBaccanello, Casalino di Caprese, Dicciano, Fragaiolo, Gregnano, Lama, Manzi, Monna, Papiano, Ponte Singerna, San Casciano, San Cristoforo, Selva Perugina, Sovaggio, Trecciano, Valboncione
Comuni confinantiAnghiari, Chitignano, Chiusi della Verna, Pieve Santo Stefano, Subbiano
Altre informazioni
Cod. postale52033
Prefisso0575
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT051007
Cod. catastaleB693
TargaAR
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitanticapresani
Patronosan Giovanni Battista
Giorno festivo24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Caprese Michelangelo
Caprese Michelangelo
Caprese Michelangelo – Mappa
Posizione del comune di Caprese Michelangelo all'interno della provincia di Arezzo
Sito istituzionale

Caprese Michelangelo (Capresa in dialetto locale[2]) è un comune italiano di 1 402 abitanti della provincia di Arezzo.

Geografia fisicaModifica

StoriaModifica

Le prime testimonianze della presenza del castello di Caprese sono riferibili al 1082 quando apparteneva ai signori di Galbino, sebbene il toponimo Caprese è presente già in un documento del 1011. La tradizione fa risalire le sue origini al periodo delle lotte tra Longobardi e Bizantini. Nel 1104 il castello fu ceduto ai Camaldolesi insieme a tutto il suo distretto.

Per tutto il Medioevo la proprietà del castello fu contesa a causa della sua posizione strategica, passando nelle mani di Arezzo nel 1226 e dei Guidi di Romena nel 1260.

Nel 1324 l’esercito di Arezzo, capeggiato da Pier Saccone, fratello del vescovo Guido Tarlati, assediò la rocca e dopo tre mesi la conquistò. Dopo altri decenni sotto Arezzo, e una breve parentesi sotto Perugia, nel 1384 la comunità di Caprese si sottomise a Firenze, che vi istituì una Podesteria[3].

In questo piccolo comune il 6 marzo 1475 nacque l'insigne artista Michelangelo Buonarroti,[4] di cui il comune porta il nome dal 1913.[5]

I secoli successivi sono caratterizzati dalla decadenza del castello, che in diverse testimonianze è descritto come in rovina e disabitato. Lo stato di abbandono terminò nella seconda metà del XIX secolo con la scoperta dell’atto di nascita di Michelangelo Buonarroti, a cui seguirono numerosi interventi di restauro e la creazione del primo "museo michelangiolesco", ora denominato Museo Casa Natale di Michelangelo Buonarroti.

Al plebiscito del 1860 per l'annessione della Toscana al Regno di Sardegna i "sì" non ottennero, anche se per poco, la maggioranza degli aventi diritto (226 su totale di 464), sintomo dell'opposizione all'annessione[6].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 158 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

CulturaModifica

BibliotecheModifica

MuseiModifica

CucinaModifica

La castagna nella varietà Marrone è il prodotto tipico del territorio. Nel 2010 il Marrone di Caprese Michelangelo ha ottenuto la Denominazione di Origine Protetta.

AmministrazioneModifica

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
21 giugno 1985 26 maggio 1990 Pier Luigi Serafini Partito Socialista Italiano Sindaco [8]
26 maggio 1990 22 febbraio 1993 Pier Luigi Serafini Partito Socialista Italiano Sindaco [8]
27 febbraio 1993 24 aprile 1995 Antonio Acquisti Partito Democratico della Sinistra Sindaco [8]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Antonio Acquisti Partito Democratico della Sinistra Sindaco [8]
15 giugno 1999 14 giugno 2004 Daniele Del Morino centro Sindaco [8]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Daniele Del Morino centro Sindaco [8]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Filippo Betti lista civica Sindaco [8]
26 maggio 2014 6 maggio 2017 Paolo Fontana lista civica Rinnovamento per Caprese Sindaco [8]
10 maggio 2017 10 giugno 2018 Alessandra Dori[9] lista civica Rinnovamento per Caprese Sindaco [8]
10 giugno 2018 in carica Claudio Baroni lista civica Noi per Caprese Michelangelo Sindaco [8]

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2019.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 137.
  3. ^ Per la storia medievale del castello di Caprese: Silvia Cipriani, I siti fortificati della Valtiberina toscana nel medioevo. Comuni di Caprese Michelangelo e Pieve Santo Stefano, Davide Ghaleb Editore, 2016, pp. 97-101.
  4. ^ Per la questione del luogo di nascita di Michelangelo Buonarroti i testi più recenti sono i seguenti: Antonio Acquisti, Mi nacque Michelagnolo a Caprese, Ed. Pliniana, 2017 (3ª ed. aggiornata); Gustavo Bertoli, Michelangelo Buonarroti è nato a Chiusi i a Caprese? A Caprese, AMAP, nuova serie, vol. LXXVIII, 2016
  5. ^ Sito web del Comune di Caprese Michelangelo, http://www.capresemichelangelo.net/storia/. URL consultato il 12 maggio 2020.
    «Con Regio Decreto del 9 Febbraio 1913, fu aggiunto all’antico nome quello di Michelangelo, a significare i natali che qui ebbe il Sommo Artista.».
    Sito web del Comune di Caprese Michelangelo, http://www.capresemichelangelo.net/about.html. URL consultato il 12 maggio 2020.
    «Con Regio Decreto del 9 Febbraio 1913, fu aggiunto all’antico nome quello di Michelangelo, a significare i natali che qui ebbe il Sommo Artista.».
  6. ^ Nidia Danelon Vasoli, Il plebiscito in Toscana nel 1860, Firenze, Olschki, 1968, in cui si fa riferimento anche al casi di Castiglion Fibocchi e Radda in Chianti
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ a b c d e f g h i j http://amministratori.interno.it/
  9. ^ Sindaco pro tempore nominato in seguito alla morte di Paolo Fontana.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN152799268 · GND (DE4789884-7 · WorldCat Identities (ENlccn-no2004122984
  Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana