Caravanserai

album dei Santana del 1972
Caravanserai
ArtistaSantana
Tipo albumStudio
Pubblicazioneottobre 1972
pubblicato negli Stati Uniti
Durata51:10
Dischi1
Tracce10
GenereRock latino
Rock
EtichettaColumbia Records (KC 31610)
ProduttoreCarlos Santana e Mike Shrieve
RegistrazioneSan Francisco al Columbia Studios
FormatiLP / CD / MC
Certificazioni
Dischi d'oroStati Uniti Stati Uniti (1)[1]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platinoStati Uniti Stati Uniti (1)[2]
(vendite: 1 000 000+)
Santana - cronologia
Album successivo
(1973)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic[3] 4.5/5 stelle
Robert Christgau[4] B-
The Music Box[5] 5/5 stelle
Piero Scaruffi[6] 6.5/10 stelle
Ondarock[7] 9/10 stelle (Disco consigliato)
Dizionario del Pop-Rock[8] 5/5 stelle
24.000 dischi[9] 3/5 stelle

Caravanserai è un album dei Santana, pubblicato nell'ottobre 1972[10]. È stato l'ultimo album di Santana con la partecipazione di Gregg Rolie e Neal Schon, che fondarono i Journey l'anno seguente.

Caravanserai ha rappresentato un importante punto di svolta nella carriera di Santana, mostrando un netto distacco dai suoi primi tre album. Il 1971 ha segnato anche la partenza dell'originale bassista della band David Brown, che fu sostituito da Doug Rauch e Tom Rutlay e del percussionista Mike Carabello che fu sostituito da Armando Peraza. Il tastierista Gregg Rolie è stato sostituito, per un paio di brani, da Tom Coster. Caravanserai raggiunse l'ottava posizione nella chart Billboard 200, la terza nei Paesi Bassi e la decima in Norvegia nel 1972.

Il "sound" di quest'album si distacca molto dal primordiale ritmo di Santana, che mescolava salsa, rock e jazz. L'album è caratterizzato da molti passaggi strumentali che prevalgono sui brani cantati. Caravanserai è il primo di una serie di album di Santana che sono noti per la loro sempre più crescente complessità musicale, che segna il passaggio dal popolare rock dei primi tre album a un sound molto più jazz. Mentre Caravanserai veniva considerato un grande successo artistico, il 1972 segna il declino musicale della band che la porta a un minor successo commerciale.

Nel 1998, la Sony Music Entertainment, ha pubblicato in Giappone una versione dell'album in formato SACD. Nel 2003 viene pubblicata la versione CD dell'album, rimasterizzata per una migliore qualità audio.

TracceModifica

LPModifica

Lato A (AL 31610)
  1. Eternal Caravan of Reincarnation – 4:25 (musica: Michael Shrieve, Tom Rutley, Neal Schon)Registrato il 20 aprile 1972
  2. Waves Within – 3:54 (musica: Gregg Rolie, Carlos Santana, Doug Rauch)Registrato il 10 aprile 1972
  3. Look Up (To See What's Coming Down) – 2:55 (musica: Doug Rauch, Gregg Rolie, Carlos Santana)Registrato il 22 febbraio 1972
  4. Just in Time to See the Sun – 2:13 (Michael Shrieve, Carlos Santana, Gregg Rolie)Registrato il 21 febbraio 1972
  5. Song of the Wind – 6:03 (musica: Gregg Rolie, Neal Schon, Carlos Santana)Registrato il 5 maggio 1972
  6. All the Love of the Universe – 7:39 (Carlos Santana, Neal Schon)Registrato il 6 aprile 1972
Lato B (BL 31610)
  1. Future Primitive – 4:20 (musica: José Chepito Areas, James "Mingo" Lewis)Registrato il 23 febbraio 1972
  2. Stone Flower – 6:05 (testo: Michael Shrieve, Carlos Santana – musica: Antônio Carlos Jobim)Registrato il 4 aprile 1972
  3. La fuente del ritmo – 4:30 (musica: James "Mingo" Lewis)Registrato il 1º marzo 1972
  4. Every Step of the Way – 9:06 (musica: Michael Shrieve)Registrato il 1º marzo 1972

MusicistiModifica

Eternal Caravan of Reincarnation

Waves Within

Look Up (To See What's Coming Down)

  • Carlos Santana – chitarra solista
  • Douglas Rauch – chitarra, basso
  • Neal Schon – chitarra
  • Gregg Rolie – organo
  • Mike Shrieve – batteria
  • James "Mingo" Lewis – congas
  • José Chepito Areas – timbales

Just in Time to See the Sun

  • Carlos Santana – chitarra solista
  • Neal Schon – chitarra
  • Gregg Rolie – organo
  • Douglas Rauch – basso
  • Mike Shrieve – batteria
  • James "Mingo" Lewis – congas
  • José Chepito Areas – timbales

Song of the Wind

  • Carlos Santana – chitarra
  • Neal Schon – chitarra
  • Douglas Rauch – basso
  • Gregg Rolie – organo
  • Mike Shrieve – batteria
  • James "Mingo" Lewis – congas

All the Love of the Universe

  • Carlos Santana – chitarra, cori
  • Neal Schon – chitarra
  • Gregg Rolie – organo, pianoforte
  • Douglas Rauch – basso
  • Tom Rutley – basso acustico
  • Mike Shrieve – batteria
  • James "Mingo" Lewis – congas, cori
  • José Chepito Areas – timbales
  • Lenny Whitenacchere
  • Rico Reyes – cori

Future Primitive

  • José Chepito Areas – congas, timbales
  • James "Mingo" Lewis – congas, bongos

Stone Flower

  • Carlos Santana – chitarra solista, percussioni
  • Neal Schon – chitarra
  • Tom Rutley – basso acustico
  • Gregg Rolie – organo
  • Wendy Haas – pianoforte
  • Mike Shrieve – batteria
  • James "Mingo" Lewis – congas, percussioni
  • José Chepito Areas – bongos
  • Armando Peraza – percussioni

La fuente del ritmo

  • Carlos Santana – chitarra solista
  • Neal Schon – chitarra
  • Tom Rutley – basso acustico
  • Gregg Rolie – organo
  • James "Mingo" Lewis – pianoforte acustico, congas, percussioni
  • Tom Costerpianoforte elettrico
  • Mike Shrieve – batteria
  • José Chepito Areas – timbales
  • Armando Peraza – bongos

Every Step of the Way

  • Carlos Santana – chitarra
  • Neal Schon – chitarra
  • Tom Rutley – basso acustico
  • Gregg Rolie – organo
  • José Chepito Areas – timbales
  • James "Mingo" Lewis – congas
  • Mike Shrieve – batteria
  • Tom Harrell – arrangiamento orchestra
Note aggiuntive

ClassificaModifica

Album

Anno Classifica Posizione
raggiunta
1972 Billboard 200   8[12]
1972 Official Albums Chart   6[13]
1972 Dutch Charts   3[14]
1972 Offizielle Deutsche Charts   13[15]
1972 Norwegiancharts.com   10[16]

NoteModifica

  1. ^ https://www.riaa.com/gold-platinum/?tab_active=default-award&se=Santana#search_section
  2. ^ https://www.riaa.com/gold-platinum/?tab_active=default-award&se=Santana#search_section
  3. ^ (EN) Caravanserai, su AllMusic, All Media Network.  
  4. ^ (EN) Robert Christgau: CG: Santana, su robertchristgau.com.
  5. ^ (EN) Santana - Caravanserai, su musicbox-online.com.
  6. ^ The History of Rock Music. Carlos Santana, su scaruffi.com.
  7. ^ Santana, su ondarock.it.
  8. ^ Enzo Gentile e Alberto Tonti, Dizionario del Pop-Rock, Baldini & Castoldi, 1999, p. 867.
  9. ^ Riccardo Bertoncelli e Chris Thellung, 24.000 dischi, Zelig, 2005, p. 861.
  10. ^ Santanamigos 1972, su santanamigos.pagesperso-orange.fr. URL consultato il 15 aprile 2021.
  11. ^ Note di copertina di Caravanserai, Santana, Columbia Records, KC 31610, 1972.
  12. ^ Caravanserai Chart History - Billboard, su billboard.com. URL consultato il 15 aprile 2021.
  13. ^ Caravanserai Full Official Chart History, su officialcharts.com. URL consultato il 15 aprile 2021.
  14. ^ Santana - Caravanserai - dutchcharts.nl, su dutchcharts.nl. URL consultato il 15 aprile 2021.
  15. ^ Suchen Nach "Santana", su offiziellecharts.de. URL consultato il 15 aprile 2021.
  16. ^ Norwegian charts portal, su norwegiancharts.com. URL consultato il 15 aprile 2021.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock