Carlo IV d'Angiò

nobile

Carlo IV d'Angiò noto anche come Carlo del Maine (14141472), Conte del Maine dal 1434 e conte di Guisa dal 1444 alla morte. Era figlio ultimogenito del conte di Provenza e re titolare di Napoli, Luigi II d'Angiò, e di Iolanda di Aragona.

Carlo IV d'Angiò

I suoi genitori erano conosciuti anche come i Re e Regina dei Quattro Regni: Sicilia, Gerusalemme, Cipro, e Aragona. Un'altra interpretazione ha inteso invece il titolo di Napoli separato da quello di Sicilia, escludendo Cipro[1].

BiografiaModifica

 
Arma di Carlo IV
 
Tomba di Carlo IV d'Angiò nella Cattedrale di San Giuliano a Le Mans.

Nel 1433, assieme alla madre Iolanda, fu tra i sostenitori del connestabile Richemont affinché prendesse la guida del governo, dopo aveva fatto arrestare il Gran Ciambellano, Georges de La Trémoille, facendo pressione su suo cognato, il re di Francia, Carlo VII.

Nel 1434 sposò Cobella Ruffo († 1442), figlia del conte di Montaldo, Carlo Ruffo, e di Ceccarella Sanseverino.

Nel 1437 Carlo partecipò alle campagne di suo cognato, il re Carlo VII, contro gli Inglesi: conquista di Montereau (1437) e di Pontoise (1441), campagna di Normandia (1449-1450) e campagna di Guienna (1453).

Carlo fu inoltre il governatore della Linguadoca prima per Carlo VII e poi per il suo successore, Luigi XI di Francia dal 1440 al 1466.

Rimasto vedovo nel 1443, sposò Isabella di Lussemburgo, figlia di Pietro I di Lussemburgo-Saint Pol e di Margherita del Balzo. L'anno successivo ottenne, come dote, la contea di Guisa.

Dopo la morte di Carlo VII, nel 1461, continuò a sostenere la monarchia nella persona di suo cugino, Luigi XI, sino alla battaglia di Montlhéry del 1465, dove Carlo fuggì di fronte alle truppe dei Borgognoni di Carlo il Temerario dimostrando in questa occasione tutta la sua codardia e vigliaccheria , alleato al fratello del re, Carlo di Francia, nelle cui file militava anche suo nipote, il duca di Calabria, Giovanni d'Angiò.
Per questo tradimento non ricevette alcuna punizione, ma fu privato delle grazie del re, che comunque continuò a mantenere buone relazioni con suo fratello, Renato, conte di Provenza.

Carlo morì nel 1472, lasciando i suoi titoli al figlio, anche lui di nome Carlo. Il suo corpo è inumato in un sarcofago nella Cattedrale di San Giuliano a Le Mans.

DiscendenzaModifica

Dalla sua prima moglie, Cobella Ruffo, non ebbe figli.

Invece, da Isabella di Lussemburgo-Saint-Pol, Carlo ebbe due figli:

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Giovanni II di Francia Filippo VI di Francia  
 
Giovanna di Borgogna  
Luigi I d'Angiò  
Bona di Lussemburgo Giovanni I di Boemia  
 
Elisabetta di Boemia  
Luigi II d'Angiò  
Carlo di Blois Guido I di Blois-Châtillon  
 
Margherita di Valois  
Maria di Blois  
Giovanna di Penthièvre Guido di Penthièvre  
 
Giovanna d'Avaugour  
Carlo IV d'Angiò  
Pietro IV di Aragona Alfonso IV d'Aragona  
 
Teresa di Entenza  
Giovanni I d'Aragona  
Eleonora di Sicilia Pietro II di Sicilia  
 
Elisabetta di Carinzia  
Iolanda di Aragona  
Roberto I di Bar Enrico IV di Bar  
 
Iolanda di Dampierre  
Iolanda di Bar  
Maria di Valois Giovanni II di Francia  
 
Bona di Lussemburgo  
 

NoteModifica

  1. ^ I re titolari di Gerusalemme erano altresì titolari del regno di Cipro.

BibliografiaModifica

  • Joseph Calmette, Il regno di Carlo VIII e la fine della guerra dei cent'anni in Francia, in Storia del mondo medievale, vol. VII, 1999, pp. 611–656.
  • Charles Petit-Dutaillis, Francia: Luigi XI, in «Storia del mondo medievale», vol. VII, 1999, pp. 657–695

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN128613535 · CERL cnp01274176 · GND (DE142581461 · WorldCat Identities (ENviaf-128613535