Apri il menu principale
Chiesa di San Giovanni Battista e San Provino
Agno panorama 9 2010 1.jpg
StatoSvizzera Svizzera
CantoneTicino Ticino
LocalitàAgno-coat of arms.svg Agno
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareGiovanni Battista, Probino di Como
Diocesi Lugano
Consacrazione1829
ArchitettoAntonio Boffa
Stile architettoniconeoclassico
Inizio costruzione1780
Completamentoinizio del XIX secolo

La chiesa dei Santi Giovanni Battista e Provino[1] è il principale luogo di culto cattolico di Agno, in Canton Ticino, per secoli sede delle pieve di Agno.

StoriaModifica

La costruzione viene citata per la prima volta in documenti storici risalenti al 735, anche se venne successivamente sostanzialmente rimaneggiata. Nel 1780[2] l'originario edificio a tre navate venne sostituito da una nuova costruzione progettata da Antonio Boffa[3] . La consacrazione avvenne nel 1829.

DescrizioneModifica

 
Panorama di Agno con la chiesa dei Santi Giovanni Battista e Provino

Arte e architetturaModifica

La chiesa è stata eretta su disegno a pianta centrale, sovrastata da una cupola e con due cappelle per lato; il coro ha una copertura a semicupola. L'interno è ornato da affreschi risalenti al XVIII secolo eseguiti da Giovanni Battista Brenni.

Organo a canneModifica

La chiesa conserva l'organo a canne Mascioni opus 379,[4] costruito nel 1926 e restaurato dalla ditta costruttrice nel 2009. Lo strumento, la cui consolle ha due tastiere di 58 note e una pedaliera di 27, è a trasmissione elettropneumatica. Di seguito la disposizione fonica:

Prima tastiera - Grand'Organo
Principale 16'
Principale 8'
Flauto 8'
Ottava 4'
Flauto in XII 2.2/3'
Decimaquinta 2'
Ripieno grave 3 file
Ripieno acuto 4 file
Tromba 8'
Seconda tastiera - Espressivo
Eufonio 8'
Bordone 8'
Corno camoscio 4'
Principale 2'
Cornetto 3 file
Pedale
Contrabbasso 16'
Subbasso 16'
Basso 8'
Ottava 4'

NoteModifica

  1. ^ Chiesa dei SS. Giovanni e Provino, ti.ch. URL consultato il 15 dicembre 2012 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  2. ^ La data è riportata dalla Guida d'arte della Svizzera italiana del 2007, ma altre fonti riportano il 1760, tuttavia sembra strano che dal 1760 al 1829 il comune sia rimasto per 70 anni senza chiesa consacrata.
  3. ^ Antonio Boffa erige la chiesa nel 1780 in agno.ch
  4. ^ Agno, SS. Giovanni e Provino[collegamento interrotto], orgeldokumentationszentrum.ch. URL consultato il 28 luglio 2013.

BibliografiaModifica

  • Siro Borrani, Il Ticino Sacro. Memorie religiose della Svizzera Italiana raccolte dal sacerdote Siro Borrani prevosto di Losone, Tip. e Libreria Cattolica di Giovanni Grassi, Lugano 1896, 207-208.
  • Giovanni Sarinelli, La Diocesi di Lugano. Guida del clero, La Buona Stampa, Lugano 1931, 114.
  • Virgilio Gilardoni, Il Romanico. Catalogo dei monumenti nella Repubblica e Cantone del Ticino, La Vesconta, Casagrande S.A., Bellinzona 1967, 175.
  • Adolfo Caldelari, Arte e Storia nel Ticino, ETT, Locarno 1975, 107-108.
  • Bernhard Anderes, Guida d'Arte della Svizzera Italiana, Porza-Lugano 1980, 244-245.
  • Giovanni Maria Staffieri, "Agno", in Malcantone. Testimonianze culturali nei comuni malcantonesi, Lugano-Agno 1985, 16-21.
  • AA.VV., Guida d'arte della Svizzera italiana, Edizioni Casagrande, Bellinzona 2007, 400-401.