Apri il menu principale
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Ciarforon
Charforon
Ciaforon0001.jpg
Parete nord del Ciarforon
StatoItalia Italia
RegioneValle d'Aosta Valle d'Aosta
Piemonte Piemonte
ProvinciaValle d'Aosta Valle d'Aosta
Torino Torino
Altezza3 642 m s.l.m.
CatenaAlpi
Coordinate45°29′40″N 7°14′47.73″E / 45.494444°N 7.246592°E45.494444; 7.246592Coordinate: 45°29′40″N 7°14′47.73″E / 45.494444°N 7.246592°E45.494444; 7.246592
Data prima ascensione25 agosto 1871
Autore/i prima ascensioneF. Vallino e A. Blanchetti[1]
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Ciarforon Charforon
Ciarforon
Charforon
Mappa di localizzazione: Alpi
Ciarforon
Dati SOIUSA
Grande ParteAlpi Occidentali
Grande SettoreAlpi Nord-occidentali
SezioneAlpi Graie
SottosezioneAlpi del Gran Paradiso
SupergruppoMassiccio del Gran Paradiso
GruppoGruppo Ciarforon-Punta Fourrà
SottogruppoNodo del Ciarforon
CodiceI/B-7.IV-A.1.b

Il Ciarforon o Charforon[2] è una montagna delle Alpi Graie, alta 3.642 m.

PronunciaModifica

Il toponimo in francese "Charforon" si pronuncia "'Sharforòn".
La grafia "Ciarforòn" altro non è che l'adattamento italiano della pronuncia in patois valsavarein "Tcharforòn".

DescrizioneModifica

Si trova nel Parco nazionale del Gran Paradiso, nel massiccio del Gran Paradiso, e domina la Valsavarenche.

La parete nord (verso la Valsavarenche) si presenta coperta dal ghiacciaio; la parete sud (verso il Piemonte) ha invece un aspetto roccioso di forma trapezoidale.

Ascesa alla vettaModifica

 
Il Ciarforon visto dalla vetta della vicina Tresenta.

L'ascesa alla vetta avviene normalmente dal Rifugio Vittorio Emanuele II, da cui si può ammirare la parete nord della montagna. Le vie di ascensione hanno tutte carattere alpinistico, non banali. Gli itinerari più semplici percorrono i versanti ovest o est, il primo roccioso, il secondo parzialmente nevoso. La parete nord, un ampio scivolo di ghiaccio di 45-50 gradi di pendenza, un tempo tagliato a metà da un grande seracco (ora quasi scomparso), costituisce un'ascensione su ghiacciaio di media difficoltà.

NoteModifica

  1. ^ Andreis, Chabod e Santi, p. 143.
  2. ^ Charforon è la versione in lingua francese. Ciarforon è la resa ortografica in italiano della pronuncia in patois valdostano del toponimo.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica