Coppa FIRA 1975-1976

Coppa FIRA 1975-1976
Competizione Coppa FIRA
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione 16ª
Organizzatore FIRA
Date dal 15 marzo 1975
al 15 maggio 1976 (1ª div.)
Partecipanti 6 (1ª div.)
Formula Girone all'italiana
Risultati
Vincitore Francia Francia
Secondo Italia Italia
Terzo Romania Romania
Prom. 1ª Marocco Marocco
Prom. 2ª Paesi Bassi Paesi Bassi
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1974-75 1976-77 Right arrow.svg

La Coppa FIRA 1975-76 fu la 16ª edizione del campionato d'Europa di rugby a 15 organizzata dalla FIRA, e la terza con tale denominazione.

La Francia tornò al successo subito dopo il secondo break impostole dalla Romania e iscrisse il suo nome nell'albo d'oro per la 14ª volta su 16 edizioni del torneo. Retrocessi i Paesi Bassi, il loro posto fu preso dal Marocco, che conquistò la promozione per il maggior numero di punti marcati rispetto alla Cecoslovacchia, classificatasi prima nell'altro gruppo della 2ª divisione a parità di punti in classifica e differenza punti marcati.

L'Italia, sotto la guida di Roy Bish, si assicurò la seconda piazza battendo in sequenza Polonia[1], Paesi Bassi[2] e Spagna[3] e cedendo, pur con significativi progressi nel gioco, solo contro la Francia XV a Milano[4] prima di battere nei minuti finali di quello che fu a posteriori lo spareggio per il secondo posto la Romania campione uscente, che a Parma stava conducendo nel punteggio a 4 minuti dalla fine[5] per poi venire sconfitta dall'Italia 12-13.

Anche in tale edizione furono assegnati 3 punti per la vittoria, 2 per il pareggio, 1 per la sconfitta e 0 punti alla squadra che dichiarasse forfait.

1ª divisioneModifica

Hilversum
15 marzo 1975
Paesi Bassi  18 – 26Francia XV

Treviso
25 ottobre 1975, ore 15 UTC+1
Italia  28 – 13
referto
  PoloniaStadio di Monigo
Arbitro:   Ciamas

Bucarest
2 novembre 1975
Romania  20 – 9
referto
  PoloniaStadio Parco Copilului

Apeldoorn
23 novembre 1975
Paesi Bassi  0 – 24
referto
  Italia
Arbitro:   Isidore Rigole

Bordeaux
23 novembre 1975
Francia  36 – 12
referto
  RomaniaStade Municipal (6 843 spett.)
Arbitro:   M.N. Sanson

Amsterdam
7 dicembre 1975
Paesi Bassi  4 – 4  Spagna

Madrid
20 dicembre 1975
Spagna  6 – 19
referto
  ItaliaStadio Complutense
Arbitro:   Chardon

Milano
7 febbraio 1976, ore 14:30 UTC+1
Italia  11 – 23
referto
Francia XVArena Civica (15 000 spett.)
Arbitro:   Witting

Madrid
28 febbraio 1976
Spagna  0 – 36Francia XV

Hilversum
26 marzo 1976
Paesi Bassi  3 – 27  Romania

Lublino
11 aprile 1976
Polonia  12 – 3  Paesi Bassi

Parma
24 aprile 1976, ore 16 UTC+1
Italia  13 – 12  RomaniaStadio Tardini (12 000 spett.)
Arbitro:   Alan Hosie

Bucarest
2 maggio 1976
Romania  16 – 7
referto
  SpagnaStadio Parco Copilului

Białystok
15 maggio 1976
Polonia  17 – 14  Spagna

Forfait -Polonia  0 – 6Francia XV

Classifica 1ª divisioneModifica

Squadra G V N P P+ P- diff. PT
  Francia 5 5 0 0 127 41 +86 15
  Italia 5 4 0 1 95 54 +41 13
  Romania 5 3 0 2 87 68 +19 11
  Polonia 5 2 0 3 51 71 -20 8
  Spagna 5 0 1 4 31 92 -61 6
  Paesi Bassi 5 0 1 4 28 93 -65 6

2ª divisioneModifica

Girone 1Modifica

Hannover
26 ottobre 1975
Germania Ovest  43 – 3  Belgio

Bruxelles
8 novembre 1975
Belgio  7 – 22  Marocco

Casablanca
28 marzo 1976
Marocco  30 – 3  Germania Ovest

Classifica girone 1Modifica

Squadra G V N P P+ P- diff. PT
  Marocco 2 2 0 0 52 10 +42 6
  Germania Ovest 2 1 0 1 46 33 +13 4
  Belgio 2 0 0 2 10 65 -55 2

Girone 2Modifica

Zlín
26 ottobre 1975
Cecoslovacchia  28 – 3  Jugoslavia

Losanna
16 novembre 1975
Svizzera  6 – 23  Cecoslovacchia

Spalato
25 aprile 1976
Jugoslavia  31 – 4  Svizzera

Classifica girone 2Modifica

Squadra G V N P P+ P- diff. PT
  Cecoslovacchia 2 2 0 0 51 9 +42 6
  Jugoslavia 2 1 0 1 34 32 +2 4
  Svizzera 2 0 0 2 10 54 -44 2

NoteModifica

  1. ^ Giuliano Califano, I rugbisti azzurri superano la Polonia: il punteggio è largo ma è scarso il gioco, in La Stampa, 26 ottobre 1975, p. 19. URL consultato il 14 marzo 2017.
  2. ^ Giuliano Califano, Rugby: lezione all'Olanda, 24-0, in Stampa Sera, 24 novembre 1975, p. 19. URL consultato il 14 marzo 2017.
  3. ^ Giuliano Califano, Azzurri forti a Madrid: 19-6, in La Stampa, 21 dicembre 1975, p. 19. URL consultato il 14 marzo 2017.
  4. ^ Giuliano Califano, Altra vittoria francese ma Azzurri a testa alta, in La Stampa, 8 febbraio 1976, p. 17. URL consultato il 14 marzo 2017.
  5. ^ Giuliano Califano, Il rugby italiano ora è maggiorenne, in La Stampa, 25 aprile 1976, p. 17. URL consultato il 14 marzo 2017.
  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby