Corrado Gex

politico e aviatore italiano
Corrado Gex
Corrado Gex daticamera.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IV
Gruppo
parlamentare
Misto
Collegio Valle d'Aosta
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Union Valdôtaine
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università degli Studi di Torino

Corrado Gex (pron. fr. AFI: [ʒɛks]) (Léverogne, 12 aprile 1932Castelnuovo di Ceva, 25 aprile 1966) è stato un politico e aviatore italiano.

Dopo esser stato deputato regionale fu deputato della IV legislatura della Repubblica Italiana.

BiografiaModifica

Corrado Gex nasce a Léverogne, frazione nel comune di Arvier, figlio di Lucien Gex e Anita Coccoz, originaria di La Salle[1].

Nel 1947 la famiglia si trasferì ad Aosta.

Studente universitario a Torino, nel 1957 consegue la laurea in giurisprudenza con lode e decide di indulgere in una delle sue grandi passioni: la politica. All'età di 27 anni è eletto al primo Consiglio della Valle e subito nominato Assessore della Pubblica Istruzione, dove si distinse per il suo spirito innovativo.

Promosse la distribuzione gratuita di libri a tutti gli studenti delle scuole elementari e la fondazione dell'Istituto Professionale di studi regionali e federalisti.

Si dimise nel 1963 per assumere la carica di deputato, rappresentante della Valle d'Aosta nel Parlamento italiano, dove fu eletto da una coalizione comprendente le forze della sinistra e l'Union Valdôtaine.

Fu anche un appassionato di sport, in particolare l'aviazione leggera.

La morteModifica

Proprio il suo grande amore per il volo in montagna, che gli valse la prima autorizzazione ad atterrare su un ghiacciaio, lo portò alla morte, il 25 aprile 1966. Il suo Pilatus Porter si schiantò in località Arielle, in area boschiva del comune di Castelnuovo di Ceva. Le circostanze che portarono alla morte posero vari interrogativi mai risolti, tanto che nel 2019 la Procura di Cuneo ha aperto una nuova inchiesta sull'accaduto.

Omaggi e ereditàModifica

A lui è dedicato l'Aeroporto di Aosta e l'Istituzione Scolastica di Istruzione Tecnica e Professionale di via Chambéry, a Aosta.

È annoverato tra gli autori della letteratura valdostana in patois francoprovenzale, in virtù della sua produzione teatrale[2].

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Pace Mary, Corrado Gex. Mistero sulla morte del giovane deputato. Omicidio o fatalità?, a cura di L. Quendoz, Edizioni Vida, 2009.
  • Melotti Igino, Corrado Gex fu ucciso, a cura di Edizioni Cervino - Chatillon

FilmografiaModifica

  • Joseph Péaquin, Corrado Gex. Il vit clair. Il vit loin, documentario, 2007, 38', DVCAM

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica