Da morire

film del 1995 diretto da Gus Van Sant
Da morire
Da morire.png
Nicole Kidman e Matt Dillon in una scena del film
Titolo originaleTo Die For
Lingua originaleinglese, italiano
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1995
Durata102 min
Rapporto1,85:1
Generecommedia, noir, thriller
RegiaGus Van Sant
SoggettoJoyce Maynard (romanzo)
SceneggiaturaBuck Henry
ProduttoreLaura Ziskin
Produttore esecutivoJoseph M. Caracciolo e Jonathan T. Taplin
Casa di produzioneColumbia Pictures, Laura Ziskin Productions, The Rank Organisation
FotografiaEric Edwards
MontaggioCurtis Clayton
MusicheDanny Elfman
ScenografiaMissy Stewart
CostumiBeatrix Aruna Pasztor
TruccoPatricia Green
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Da morire (To Die For) è un film del 1995 diretto da Gus Van Sant con Nicole Kidman, Matt Dillon e Joaquin Phoenix.

È stato presentato fuori concorso al 48º Festival di Cannes.[1]

TramaModifica

Suzanne Stone è una bella ragazza, da sempre ossessionata dall'apparire in TV, che aspira a diventare una giornalista televisiva di fama mondiale.

Si sposa con Larry Maretto, sfruttando il suo ristorante di famiglia per diventare economicamente stabile, e accetta un lavoro a tempo parziale come annunciatrice del meteo in una rete locale, la WWEN, nella speranza di fare carriera. A seguito di martellanti insistenze con i direttori di rete, riesce a farsi promuovere come annunciatrice del bollettino meteo serale.

Quando Larry inizia a chiederle di lasciare il suo lavoro per formare una famiglia e per dare una mano al ristorante, Suzanne pensa di sbarazzarsi di lui.

A questo scopo, mentre sta girando un documentario TV in un liceo, Teens Speaks Out, seduce uno degli studenti, Jimmy Emmett, e manipola lui e i suoi amici, il delinquente Russell Hines e la timida Lydia Mertz, perché uccidano Larry; con l'aiuto di Russell e Lydia, Jimmy commette il delitto.

Nonostante la morte di Larry sia stata archiviata come conseguenza d'una rapina, la polizia s'imbatte in un video del documentario di Suzanne in cui si fa riferimento a una relazione tra lei e Jimmy: i ragazzi vengono arrestati e collegati alla scena del crimine. Lydia collabora con la polizia e parla con Suzanne indossando un microfono nascosto; Suzanne involontariamente rivela il suo ruolo nell'omicidio. Comunque, nonostante l'evidenza, Suzanne denuncia come la polizia l'abbia ingannata e viene rilasciata su cauzione.

Felice di essere al centro dell'attenzione dei media, Suzanne inventa una storia, dichiarando che Larry era un tossicodipendente e era stato ucciso da Jimmy e Russell, i suoi spacciatori.

Jimmy e Russell sono condannati all'ergastolo; Russell ottiene poi una riduzione della pena, e Lydia viene rilasciata in libertà vigilata.

Nel frattempo il padre di Larry, Joe, capisce che Suzanne ha organizzato l'omicidio del figlio e usa le sue conoscenze mafiose per farla uccidere: il sicario assoldato da Joe attira Suzanne lontano da casa, la uccide e poi getta il corpo in un lago ghiacciato.

La pellicola si conclude con Lydia che diventa famosa raccontando la sua storia in televisione e la sorella di Larry, Janice, che pratica pattinaggio sul ghiaccio sul lago ghiacciato nel quale è sepolta Suzanne.

RiconoscimentiModifica

NoteModifica

  1. ^ (EN) Official Selection 1995, su festival-cannes.fr. URL consultato il 1º luglio 2011.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema