Danny Carey

batterista statunitense
Danny Carey
Danny Carey and his drum-kit.jpg
Danny Carey al Modern Drummer Festival 2005
NazionalitàStati Uniti Stati Uniti
GenereProgressive metal
Periodo di attività musicaleanni 1990 – in attività
StrumentoBatteria
Sito ufficiale

Daniel Edwin "Danny" Carey (Lawrence, 10 maggio 1961) è un batterista statunitense, cofondatore e membro dei Tool, nonché uno dei più acclamati batteristi del panorama heavy metal. Si piazza infatti al settimo posto nella classifica "Best 100 Drummers" della celebre rivista statunitense Rolling Stone, superando batteristi come Mike Portnoy e Dave Lombardo, rispettivamente a ottavo e dodicesimo posto[senza fonte].

BiografiaModifica

Danny Carey è cresciuto in una tipica casa del ceto borghese americano a Paola, Kansas. Suo padre era un manager di una grossa compagnia di assicurazioni e sua madre un'insegnante. Carey ha un fratello più grande ed uno più piccolo. Il suo primo ricordo riguardante la musica risale a quando suo padre lo portò alla libreria musicale all'Università del Kansas e suonò The Planets di Gustov Holst. Danny cominciò a prendere lezioni quando aveva 10 o 11 anni, solo sul rullante nella banda della scuola, e poi di nuovo a 13 anni, quando ebbe la sua prima batteria completa. Ricevette una borsa di studio alle superiori per andare al Conservatory of Music di Kansas City.

Studiò musica per più di 3 anni alla University of Missouri. Ebbe un paio di offerte per giocare a basket in alcuni piccoli college, ma sapeva di non essere abbastanza bravo per giocare in college importanti o addirittura da professionista.

Spese anni sugli argomenti base e facendo esercizi alla batteria. Amava da sempre Billy Cobham e Buddy Rich. Al college fece molta pratica, facendo recital per 3 anni e mezzo. Avrebbe potuto ottenere una laurea se avesse resistito un momento di più, ma voleva più tempo da dedicare alla batteria, così si tirò fuori dalla scuola non appena ebbe l'opportunità di andare on the road con una band.

Nel 1986 si spostò a Los Angeles, e dovettero passare 4 anni prima che succedesse veramente qualcosa. Comunque, in quel periodo, era rivolto, con maggiore attenzione, alla musica elettronica. Suonava una batteria elettronica con piatti veri, e spesso suonava nei club cittadini. In seguito si appassionò maggiormente alla batteria acustica, a questo è attribuito al fatto che aveva trovato un set che suonava bene. Carey ha lavorato anche come batterista da studio per I Green Jello, Pygmy Love Circus, e Carole King.

Poi incontrò Adam Jones tramite Tom Morello dei Rage Against the Machine. Danny era anche vicino di Maynard James Keenan. Non fece mai un provino per Keenan e Jones per entrare nei futuri Tool. Danny Carey tuttora ama suonare jazz e ha diversi side-project: gli Zaum, una specie di compromesso con la musica elettronica, i VOLTO!, un progetto progressive basato su jam, la cui formazione consiste in parte di quella dei Pygmy Love Circus, i Green Jell insieme a Maynard James Keenan, e infine i più recenti Legend of the Seagullmen, più tendenti verso il metal e progressive metal. Ha inoltre suonato nei live della nota band funk metal Primus nel 2014 e per il loro frontman Les Claypool nella canzone solista "Ampersand". È anche batterista del supergruppo Pigface, che vanta di una vasta formazione che include musicisti come Flea, Michael Gira, Frank Black, Trent Reznor e molti altri.

DiscografiaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Tool (gruppo musicale).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN286648292 · ISNI (EN0000 0000 7692 0613 · LCCN (ENn92806638 · WorldCat Identities (ENn92-806638