Apri il menu principale
Diocesi di Prizren-Pristina
Dioecesis Prisrianensis-Pristinensis
Chiesa latina
PrizrenCollection2 2010 100 2512.JPG
Mappa della diocesi
Vescovo Dodë Gjergji
Sacerdoti 52 di cui 40 secolari e 12 regolari
1.115 battezzati per sacerdote
Religiosi 13 uomini, 91 donne
Abitanti 1.800.000
Battezzati 58.000 (3,2% del totale)
Superficie 10.887 km² in Kosovo
Parrocchie 25 (4 vicariati)
Erezione 24 maggio 2000
Rito romano
Cattedrale Madonna del Perpetuo Soccorso
Concattedrali Santa Madre Teresa
Santi patroni Santa Maria
Indirizzo Blv. Bill Clinon p.n., 10000 Prizren, Kosovo
Sito web www.kishakatolike.org
Dati dall'Annuario pontificio 2018 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Kosovo

La diocesi di Prizren-Pristina (in latino: Dioecesis Prisrianensis-Pristinensis) è una sede della Chiesa cattolica in Kosovo immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2017 contava 58.000 battezzati su 1.800.000 abitanti. È retta dal vescovo Dodë Gjergji.

Indice

TerritorioModifica

La diocesi comprende tutto il Kosovo.

Sede vescovile è la città di Prizren, dove si trova la cattedrale della Madonna del Perpetuo Soccorso. A Pristina è stata inaugurata il 5 settembre 2017 la nuova concattedrale di Santa Madre Teresa.[1]

Il territorio è suddiviso in 25 parrocchie, raggruppate in 4 decanati, Prizren, Pristina, Đakovica (Gjakovë) e Pejë.

StoriaModifica

La diocesi di Prizren fu probabilmente eretta nel V secolo, anche se i riscontri documentali sono piuttosto tenui, limitandosi a menzionare un Paulus episcopus Prinatenus, che sottoscrisse nel 458 la lettera dei vescovi della provincia dell'Epiro Nuovo all'imperatore Leone in seguito all'uccisione del patriarca Proterio di Alessandria.[2] Si ipotizza che questa sede possa essere erede di Giustiniana Seconda (che prima aveva il nome di Ulpiana) che fu distrutta nelle invasioni barbariche.

Nei secoli seguenti della diocesi si perde ogni traccia, fino a quando nel 1020 non è menzionata nuovamente. In questo periodo era suffraganea di Ocrida e dopo lo scisma interruppe la piena comunione con la Chiesa d'occidente. Comunque fino al XII secolo era sicuramente attiva ed era suffraganea dell'arcidiocesi di Antivari.

Dopo l'inizio del Duecento inizia un nuovo periodo di decadenza e di oscurità in seguito alla presenza dei Serbi prima e dei Turchi poi. In questo periodo è presente una diocesi di Pristina di rito latino, che forse è la stessa sede di Prizren.

Nel 1618 papa Paolo V nomina un vescovo per Prizren e dal 1622 la diocesi è posta sotto la tutela della Congregazione di Propaganda Fide.

Nella seconda metà del XVII secolo era suffraganea dell'arcidiocesi di Durazzo (oggi arcidiocesi di Tirana-Durazzo). All'inizio del XVIII secolo fu nominato l'ultimo vescovo, dopo il quale di questa diocesi non si conosce più nulla.

Nel 1933 il titolo Prisrianensis fu annoverato tra le sedi vescovili titolari della Chiesa cattolica[3], fino al 2 ottobre 1969 quando, in forza della bolla Ad Ecclesiam Christi di papa Paolo VI, fu unito alla diocesi di Skopje, che mutò il proprio nome in quello di Skopje-Prizren. Contestualmente la chiesa della Madonna del Perpetuo Soccorso di Prizren fu eretta a concattedrale della diocesi di Skopje-Prizren.

L'amministrazione apostolica di Prizren fu eretta il 24 maggio 2000 con la bolla Apostolicum munus di papa Giovanni Paolo II in seguito alla divisione della diocesi di Skopje-Prizren, da cui ha tratto origine anche la diocesi di Skopje.

Il 5 settembre 2018 l'amministrazione apostolica è stata elevata al rango di diocesi, con il nome attuale.

Cronotassi dei vescoviModifica

  • Petar Katić † (12 febbraio 1618 - marzo 1622 deceduto)
    • Sede vacante (1622-1651)
  • Franjo Smirović, O.F.M.Obs. † (27 febbraio 1651 - 20 marzo 1656 nominato arcivescovo di Acrida)
  • Franjo Katić † (1660 - ?)[senza fonte]
  • Giovanni Felice Bernabei, O.F.M.Conv. † (5 novembre 1689 - ? deceduto)
  • José Antonio Jaspe Montenegro † (18 marzo 1705 - ?) (vescovo titolare)[4]
  • Ivan Romanov † (6 luglio 1942 - 1959 deceduto) (vescovo titolare)[5]
    • Sede soppressa (?-2000)
  • Marko Sopi † (24 maggio 2000 - 11 gennaio 2006 deceduto)
  • Dodë Gjergji, dal 12 dicembre 2006

StatisticheModifica

La diocesi al termine dell'anno 2017 su una popolazione di 1.800.000 persone contava 58.000 battezzati, corrispondenti al 3,2% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
2000 60.000 2.000.000 3,0 50 44 6 1.200 12 96 23
2001 65.000 2.100.000 3,1 53 47 6 1.226 10 66 23
2002 65.000 2.100.000 3,1 55 49 6 1.181 10 67 23
2004 65.000 2.100.000 3,1 55 47 8 1.181 10 79 23
2007 65.000 2.100.000 3,1 53 50 3 1.226 5 83 23
2008 65.000 2.100.000 3,1 64 59 5 1.015 50 83 23
2012 66.800 2.160.000 3,1 62 57 5 1.077 8 85 24
2017 58.000 1.800.000 3,2 52 40 12 1.115 13 91 25

NoteModifica

  1. ^ Dal Bollettino della Santa Sede.
  2. ^ Tuttavia, secondo l'edizione critica della Collectio Sangermanensis, che contiene le lettere del 458 indirizzate all'imperatore, il termine Prinatenus è ritenuto corrotto e interpretato come Dribastenus, ossia Drivasto. Concilium universale Chalcedonense. Volumen sextum, prosopographia et topografia, actorum calcedonensium et encycliorum indices, edidit Eduardus Schwartz, «Acta Conciliorum Oecumenicorum», II/6, Berlino-Lipsia 1938, p. 100.
  3. ^ Da Giga Catholic.
  4. ^ È documentato come vescovo ausiliare di Santiago di Compostela. Dal sito Catholic Hierarchy.
  5. ^ Nominato vicario apostolico di Sofia e Filippopoli. AAS 34 (1942), p. 299.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi