Apri il menu principale
Edmar
Edmar Bernardes dos Santos.jpg
Edmar con la maglia del Pescara (1988)
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 176 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1998
Carriera
Squadre di club1
1977-1979 Brasília 34 (4)
1980 Cruzeiro 11 (8)
1980-1981 Taubaté 15+ (17)[1]
1981-1982 Cruzeiro 25 (11)
1982-1983 Grêmio 0 (0)[2]
1983-1984 Flamengo 17 (2)
1985-1986 Guarani 26 (20)
1987-1988 Corinthians 36 (18)
1988-1991 Pescara 54 (6)
1991 Atlético Mineiro 14 (3)
1992 Santos 0 (0)
1993 Rio Branco-SP 3+ (3)[1]
1994 Comercial-SP 6+ (7)[3]
1994 Guarani 10 (0)
1995-1997 Vegalta Sendai 27 (14)
1998 Campinas ? (0)
Nazionale
1988 Brasile Brasile 6 (3)
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Argento Seul 1988
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Edmar Bernardes dos Santos (Araxá, 20 gennaio 1960) è un ex calciatore brasiliano.

Indice

CarrieraModifica

Iniziò la propria carriera in patria dove si fece notare per i numerosi gol realizzati laureandosi per due volte capocannoniere del Paulistão (Taubaté ‘80 e Corinthians ‘87), una del Campionato Mineiro (Cruzeiro ‘81) e una volta anche del Brasileirão (Guaranì ‘85). Giocò inoltre con alcuni dei club più prestigiosi del paese: Flamengo, Palmeiras e Corinthians.

Nell’estate 1988 il Pescara, dopo aver conseguito la sua prima salvezza nel massimo campionato, puntò a rinforzare la sua rosa acquistando Edmar, che venne preferito Romario e Geovani[4]. L’attaccante venne pagato circa un miliardo[5] e disputò tre stagioni con la squadra abruzzese, la prima in serie A e le altre due in Serie B.

Inizialmente l’impatto di Edmar col calcio italiano fu abbastanza positivo; fece il suo esordio in Serie A nella prima giornata di campionato 1988/89, in un Pescara-Roma 0-0 e poi la domenica successiva realizzò il suo primo gol contro il Milan di Arrigo Sacchi. Nelle prime nove presenze realizzò tre reti contro avversari blasonati come Milan, Napoli e Fiorentina ma tutte inutili ai fini del risultato. Successivamente le sue prestazioni calarono e perse il posto in squadra venendo spesso mandato in panchina e collezionando qualche apparizione a partita in corso. Riuscì a tornare nel tabellino dei marcatori verso il finale del campionato siglando la rete del pareggio contro il Torino[6].

Nella stagione seguente, a causa di un infortunio, disputò appena 7 presenze mentre in quella successiva furono 18 con due reti. Nel 1991 lasciò l’Italia per tornare in Brasile nelle file dell’Atletico Mineiro col quale vinse il Campionato Mineiro. Nel 1994 si trasferì in Giappone nel Vegalta Sendai per poi tornare in Brasile e chiudere la carriera nel 1998 nel Campinas dove giocò insieme a Careca [7], ex attaccante del Napoli campione d’Italia.

PalmarèsModifica

ClubModifica

Competizioni nazionaliModifica

Brasília: 1977, 1978
Corinthians: 1988
Atlético-MG: 1991

IndividualeModifica

1985 (20 gol)
1980 (17 gol), 1987 (19 gol)

NoteModifica

  1. ^ a b Presenze e reti relative al Campionato Paulista.
  2. ^ 10+ (10) se si comprendono le partite disputate nel Campionato Gaúcho.
  3. ^ Presenze e reti relative al Campeonato Paulista Série A2.
  4. ^ PESCARA, EFFETTO EDMAR - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 9 novembre 2017.
  5. ^ Edmar, che appena arrivato in aeroporto..., su www.forzapescara.com. URL consultato il 9 novembre 2017.
  6. ^ ALMANACCO - Toro VS Pescara: Nell'89 1-1 con Skoro & Edmar, poi un super Gatta - Fantagazzetta.com, in Fantagazzetta - Solo il meglio del calcio, 2 settembre 2017. URL consultato il 9 novembre 2017.
  7. ^ (PT) Barueri compra time de Careca - Geral - Estadão, in Estadão. URL consultato il 9 novembre 2017.

Collegamenti esterniModifica