Eesti Laul

competizione canora estone
Eesti Laul
ESC2018 - Estonia 03.jpg
Elina Netšajeva durante le prove presso la Altice Arena
LuogoEstonia Estonia
Anni2009–in corso
Frequenzaannuale
Datefebbraio-marzo
Generemusicale
OrganizzazioneERR
Sito ufficialeetv.err.ee/l/meelelahutus/eesti_laul

L'Eesti Laul (letteralmente "Canzone Estone") è una competizione canora nazionale estone che ha lo scopo di selezionare il rappresentante dell'Estonia all'Eurovision Song Contest. Ogni anno la competizione viene trasmessa dalla Eesti Televisioon (ETV).

La competizione sostituisce l'Eurolaul, utilizzata come selezione nazionale per l'Eurovision Song Contest dal 1993 al 2008.

Il miglior risultato all'Eurovision Song Contest prodotto dal festival sono il 6º posto delle Urban Symphony con Rändajad nel 2009, e quello di Ott Lepland con Kuula nel 2012.

StoriaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Estonia all'Eurovision Song Contest.

Le prime due edizioni dell'Eesti Laul si erano svolte in un'unica serata finale, con dieci canzoni partecipanti. Dal 2011 le canzoni in gara sono venti, che vengono suddivise in due semifinali composte da dieci canzoni ciascuna.

Cinque canzoni provenienti da ciascuna semifinale accedono alla serata finale attraverso un sistema di voto che tiene conto per il 50% dei voti della giuria e per il 50% del televoto. Le canzoni in gara ricevono un punteggio che varia da 1 a 10 in base alla classifica provvisoria della giuria e lo stesso avviene per il televoto. I due punteggi vengono poi sommati tra loro per determinare la classifica definitiva. Se due canzoni hanno lo stesso punteggio, si predilige quella che ha ottenuto più punti con il televoto.

A partire dal 2016, alla prima canzone classificata vengono assegnati 12 punti, mentre la seconda ne riceve 10. Dal 2017 solo le prime quattro canzoni classificate accedono direttamente alla finale, mentre la quinta finalista viene scelta tramite un secondo televoto.

La classifica della finale è determinata in maniera analoga a quella delle semifinali. Le prime due canzoni classificate accedono alla "super finale", in cui il vincitore viene determinato unicamente dal televoto. Dal 2015 anche la terza classificata accede alla "super finale".

RegolamentoModifica

Le regole per la partecipazione all'Eesti Laul sono le seguenti:

  • possono partecipare tutti i brani non pubblicati o esibiti prima del 1º settembre dell'anno precedente;
  • i brani devono avere una durata massima di 3 minuti;
  • i partecipanti devono avere 16 anni o devono averli compiuti entro la prima semifinale dell'Eurovision Song Contest;
  • i partecipanti devono avere pubblicato precedentemente almeno un album o un altro singolo o devono aver sottoscritto un contratto discografico valido;
  • cantanti e compositori possono inviare una massimo di cinque brani, ma durante la competizione gli artisti potranno gareggiare soltanto con uno;
  • cantanti e compositori stranieri possono partecipare, purché collaborino con un cittadino o residente estone;
  • il costo di partecipazione è di 50€ per i brani in lingua estone e 100€ per i brani in lingua straniera.

Albo d'oroModifica

Qui di seguito vengono elencati i vincitori delle varie edizioni dell'Eesti Laul con le rispettive canzoni e il posizionamento all'Eurovision Song Contest.

Anno Cantante Canzone Piazzamento all'Eurovision Song Contest
2009 Urban Symphony Rändajad
2010 Malcolm Lincoln & Manpower 4 Siren 14º nella 1ª semifinale, non accede alla finale
2011 Getter Jaani Rockefeller Street 24º
2012 Ott Lepland Kuula
2013 Birgit Õigemeel Et uus saaks alguse 20º
2014 Tanja Amazing 12º nella 1ª semifinale, non accede alla finale
2015 Elina Born & Stig Rästa Goodbye to Yesterday
2016 Jüri Pootsmann Play 18º nella 1ª semifinale, non accede alla finale
2017 Koit Toome & Laura Verona 14º nella 2ª semifinale, non accede alla finale
2018 Elina Nechayeva La forza
2019 Victor Crone Storm 20º
2020 Uku Suviste What Love Is Edizione cancellata
2021 The Lucky One 13º nella 2ª semifinale, non accede alla finale
2022 Stefan Hope 13º

NoteModifica


Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica