Apri il menu principale

Elisabetta di Nassau

Elisabetta di Nassau
Elisabethofnassau.jpg
Duchessa di Bouillon
In carica 15 aprile 1595 - 3 settembre 1642
Nascita Middelburg, 26 aprile 1577
Morte Sedan, 3 settembre 1642
Casa reale Casato di Nassau
Padre Gugliemo I d'Orange "Il Taciturno"
Madre Carlotta di Borbone-Montpensier
Consorte Enrico de La Tour d'Auvergne, duca di Bouillon

Elisabetta di Nassau (Middelburg, 26 aprile 1577Sedan, 3 settembre 1642) fu una principessa di Orange e duchessa consorte di Bouillon.

BiografiaModifica

Era la figlia di Guglielmo I d'Orange, e della sua terza moglie, Carlotta di Borbone-Montpensier. La sua madrina era la regina Elisabetta I[1].

MatrimonioModifica

Dopo la morte di suo padre nel 1584 visse in ristrettezze economiche e la sua matrigna, Louise de Coligny, si occupò della sua educazione e quella delle sue sorelle. Nel 1594 seguì la matrigna in Francia per cercare tra gli ugonotti possibili mariti per le principesse. Dopo che Enrico IV si convertì al cattolicesimo, molti ugonotti cercarono alleanze protestanti all'estero. Tra questi Elisabetta conobbe Enrico de La Tour d'Auvergne, duca di Bouillon e principe di Sedan.

Le nozze vennero celebrate il 15 aprile 1595 a L'Aia. Ebbe otto figli[1]:

  • Luisa (agosto 1596-novembre 1607);
  • Maria (1601-24 maggio 1665), sposò Henri de La Trémoille[2];
  • un figlio (nato e morto nel 1603);
  • Juliane Catherine (8 ottobre 1604-6 ottobre 1637), sposò François de La Rochefoucauld;
  • Federico Maurizio, duca di Bouillon (22 ottobre 1605-9 agosto 1652), sposò Eleonora Caterina di Bergh;
  • Élisabeth Charlotte (1606-1 dicembre 1685), sposò Guy de Durfort, marchese de Duras e de Lorges ;
  • Henriette Catherine (1609-1677), sposò Amaury Goyon, marchese de La Moussaye e conte Quintin;
  • Enrico, visconte di Turenne (meglio conosciuto come il Turenne) (11 settembre 1611-27 luglio 1675), sposò Carlotta de Caumont;
  • Carlotta (1613-1662).

Nonostante la notevole differenza nell'età della coppia, il matrimonio fu felice. Dopo il matrimonio, si trasferì a Sedan. Enrico cercò di mantenere protestante il proprio ducato ma incontrò l'ostilità degli altri nobili suoi vicini, di religione cattolica.

Durante le assenze del marito Luisa governò il ducato come reggente. Questo divenne un punto di incontro per i rifugiati ugonotti e un importante centro protestante e culturale sotto Elisabetta nella Francia sempre più cattolica.

Quando rimase vedova nel 1623 assunse la reggenza di suo figlio Federico Maurizio de La Tour d'Auvergne-Bouillon.

MorteModifica

Morì il 3 settembre 1642, prima dell'annessione del Principato di Sedan alla Francia.

NoteModifica

  1. ^ a b Sartelet,  p. 13
  2. ^ Bérenger

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN216215633 · ISNI (EN0000 0001 3878 9244 · GND (DE1058987658 · BNF (FRcb10716925v (data) · CERL cnp02111203 · WorldCat Identities (EN216215633