Apri il menu principale
Enrico Adami Rossi
Enrico Adami-Rossi.jpg
1880 – 1963
Nato aCagliari
Morto aRoma
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Repubblica Sociale Italiana Repubblica Sociale Italiana
Forza armataRegio Esercito
Esercito Nazionale Repubblicano
SpecialitàCavalleria
GradoGenerale
GuerrePrima guerra mondiale - Seconda guerra mondiale
CampagneCampagna d'Italia (1943-1945)
Comandante di201° Comando Militare Regionale (Firenze) - 206º Comando Militare Regionale (Torino)
DecorazioniMedaglia d'argento al valor militare e due medaglie di bronzo
voci di militari presenti su Wikipedia

Enrico Adami Rossi (Cagliari, 11 gennaio 1880Roma, 12 luglio 1963) è stato un generale italiano.

Indice

BiografiaModifica

Partecipò alla prima guerra mondiale col grado di maggiore di cavalleria. Impiegato presso il Comando supremo si distinse sul campo nelle azioni ricognitive fin nelle linee più avanzate alla ricerca di informazioni sul nemico. Fu decorato con due medaglie di bronzo e una d'argento[1].

Nel 1935 ottenne la nomina a generale di brigata[1] e nel 1941 comandò la difesa territoriale di Bari, dove insieme al generale De Biase condusse l'inchiesta interna avviata dal Regio Esercito sulla condotta del generale Nicola Bellomo per i fatti di Torre Tresca scagionandolo.

Dall'11 gennaio 1942 transitò nella riserva per età e si trasferì a comandare la Difesa territoriale di Firenze.

L'11 luglio 1943 fu nominato comandante della difesa territoriale di Torino[1].

Dopo la caduta del Fascismo (25 luglio) e il 18 agosto applicò con rigore la circolare emanata da Pietro Badoglio e Mario Roatta per il ripristino dell'ordine pubblico e diede ordine di sparare sugli operai in sciopero, uccidendone alcuni. L'episodio è ricordato nella Badoglieide, canzone satirica composta da alcuni partigiani nell'aprile del 1944, che ha per bersagli polemici Badoglio, il re e il fascismo[2]:

«Era tuo quell'Adami Rossi
che a Torino sparava ai borghesi;
se durava ancora due mesi
tutti quanti facevi ammazzar.»

I detenuti politici evasi dal carcere furono colpiti il 1º agosto da un ordine di Adami Rossi, che intimava loro di costituirsi: furono arrestati il comunista Dante Conti e il socialista Giuseppe Saragat.

All'armistizio dell'8 settembre 1943 il comando militare dell'intera piazza di Torino è delegato al generale Adami Rossi che dopo la fuga di Vittorio Emanuele III da Roma si ritrova privo di ordini e nonostante i partiti antifascisti si fossero offerti di opporre resistenza alle truppe tedesche[3]. Il 9 settembre Adami Rossi ordinò a tutti soldati di rimanere consegnati nelle rispettive caserme e il giorno successivo inviò due ufficiali del suo stato maggiore a trattare la resa[4]. Il 2º reggimento del 1. SS-Panzer-Division "Leibstandarte SS Adolf Hitler" occupò Torino[5] e immediatamente i tedeschi procedettero ad internare i militari italiani in Germania ed affidarono l'ordine pubblico ai carabinieri[6]. Come conseguenza dello svuotamento delle caserme nei giorni seguenti avvennero i primi saccheggi di materiale abbandonato il che spinse il comando tedesco, attraverso Adami Rossi, a diramare un avviso in cui si comminava la pena capitale per "gli atti di sabotaggio"[7].

L'11 ottobre 1943 a Mantova aderì alla Repubblica Sociale Italiana e l'11 novembre successivo fu nominato comandante militare regionale della Toscana e della difesa territoriale di Firenze[8], ricongiungendosi con la famiglia, che conservò il domicilio nella città toscana.

Nel febbraio costituì il Tribunale straordinario militare di cui divenne presidente. Il 6 marzo 1944 i partigiani occuparono la cittadina di Vicchio e procedettero all'uccisione di diversi simpatizzanti fascisti presi prigionieri[9] Un seguente rastrellamento a Vicchio portò alla cattura di una trentina di renitenti alla leva e sospetti partigiani. Il Tribunale straordinario militare decretò la pena capitale per cinque di questi[10].

Il 5 aprile 1945 fu nominato responsabile del Comando Militare Regionale piemontese[11]. Il 26 aprile 1945 a Torino si svolse l'ultima riunione dei vertici militari della RSI in cui si discusse il piano denominato "Esigenza Z.2" che prevedeva il ritiro dell'esercito nel Ridotto Alpino Repubblicano nel corso della quale probabilmente fu proprio Adami Rossi ad affidare a Giovanni Cabras l'incarico di guidare la colonna fuori dalla città[12].

Il dopoguerraModifica

Nel maggio 1945, fu preso prigioniero dagli americani e rinchiuso nel campo di concentramento di Coltano[1]. In questo periodo fu richiesto dal generale Nicola Bellomo come testimone nel processo che lo vedeva protagonista, ma non gli fu permesso di testimoniare.[13]. Bellomo fu poi fucilato dagli inglesi al termine di un controverso processo.

Processato dalla Corte d'Assise di Firenze che lo riconobbe colpevole di collaborazionismo per aver favorito la costituzione dei tribunali straordinari militari[10], fu condannato inizialmente alla pena capitale e alla confisca di tutti i beni, ma la sentenza fu annullata in Cassazione[1]. Nuovamente processato, fu condannato a ventiquattro anni di prigione. In un altro processo parallelo fu condannato invece a tre anni per non aver opposto resistenza contro i tedeschi dopo l'armistizio dell'8 settembre 1943 a Torino. Tornò comunque subito in libertà. Il 19 novembre 1953 fu definitivamente assolto dalla Corte suprema di cassazione e reintegrato nel grado, ottenendo la restituzione dei propri beni[14].

Alla sua costituzione divenne consultore nazionale dell'Unione nazionale combattenti della Repubblica sociale italiana.

Il nome di Enrico Adami-Rossi figura nell'elenco CROWCASS (Central Registry of War Criminals and Security Suspects) (1947), compilato dagli Alleati anglo-americani, delle persone ricercate dalla Gran Bretagna per crimini di guerra.[15]

OnorificenzeModifica

Onorificenze italianeModifica

  Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
  Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia
  Medaglia d'argento al Valor Militare
«Ufficiale informatore e di collegamento, presso le truppe combattenti, anche in difficili e pericolose ricognizioni, si comportò sempre con spiccata abilità, sereno coraggio e sprezzo del pericolo. Sotto intenso fuoco nemico che aveva distrutto i passaggi sul Piave, in combattimento particolarmente decisivo, si lanciava tra i primi, nel fiume che passava a guado, trascinando con l'esempio i reparti vicini.»
— Nervesa - Ponte delle Alpi, 27 ottobre-1º novembre 1918[16]
  Medaglia di bronzo al Valor Militare
«Di collegamento, presso il comando di un corpo d'armata, dimostrò sempre attività e grande coraggio, portandosi di propria iniziativa fin sulle linee più avanzate, anche in momenti in cui erano maggiormente battute dal fuoco nemico. Offrendosi spesso volontariamente, eseguì molte ardite e importanti ricognizioni, fornendo preziose notizie e dando costante esempio di belle qualità militari.»
— Altipiano di Asiago, marzo-luglio 1917[17]
  Medaglia di bronzo al Valor Militare
«Ufficiale di collegamento del Comando Supremo, presso quello di un'armata, in tutte le operazioni, e segnatamente nelle dure giornate del giugno 1916 sul Cengio, in val Canaglia e sull'Altipiano di Asiago e più tardi nella rapida manovra di Val Langarina nel Novembre 1918, dando costante prove di sereno sprezzo del pericolo e d'intrepido ardimento, fu di utile collaborazione ai comandi ed esempio incitatore ai combattenti.»
— Altopiano di Asiago (Val Langarina), 5-25 giugno 1916; novembre 1918[18]
  Croce al merito di guerra (2 volte)
  Medaglia commemorativa della guerra italo-austriaca 1915 – 18 (4 anni di campagna)
  Medaglia commemorativa dell'Unità d'Italia
  Medaglia commemorativa italiana della vittoria
  Croce commemorativa della 3ª Armata
  Medaglia d'Argento ai Veterani e Reduci, Guardia d'Onore alle Tombe dei Re

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere di I classe dell'Ordine dell'Aquila Tedesca (Germania)
  Cavaliere di II Classe dell'Ordine di Sant'Anna (Impero di Russia)
  Commendatore dell'Ordine del Principe Danilo I (Montenegro)
  Croce d'argento dell'Ordine del Salvatore (Regno di Grecia)
  Membro dell'Ordine della Corona di Thailandia (Thailandia)

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Adduci, p. 409.
  2. ^ Testo della canzone e commento su ildeposito.org.
  3. ^ Adduci, p. 59.
  4. ^ Adduci, p. 64.
  5. ^ Adduci, p. 66.
  6. ^ Adduci, p. 65.
  7. ^ Adduci, p. 84.
  8. ^ Pieraccini, p. 51.
  9. ^ Luca Poggiali, La guerra civile a Firenze, articolo su "Storia e battaglie" n°94, settembre 2009, pag 4: "Dopo l'occupazione per pochissime ore di Vicchio di Mugello (la sera del 6 marzo 1944) e l'eliminazione di diversi fascisti (anche civili disarmati prelevati ed eliminati, come Giovanni Dreoni, un autista di piazza; un episodio su cui si è sempre glissato, con alcuni partigiani che scrivono di "un tentativo di fuga" decisamente improbabile, effettuato dalla base partigiana su Monte Giovi)".
  10. ^ a b http://www.straginazifasciste.it/?page_id=38&id_strage=2365
  11. ^ Adduci, p. 314.
  12. ^ Adduci, p. 343.
  13. ^ Ivan Palermo, Il caso Bellomo, su Storia illustrata n° 157, Dicembre 1970 p. 82: "Bellomo aveva chiesto la testimonianza dei generali che avevano condotto l'inchiesta italiana: Adami-Rossi e De Biase. Il primo era prigioniero degli americani e non fu autorizzato a deporre..."
  14. ^ Adduci, p. 409-410.
  15. ^ (Name) ADAMI-ROSSI E. - (C.R. File Number) 129105 - (Rank, Occupation, Unit, Place and Date of Crime) Maj. Gen., Armee-Corps 2142, Sulmona (It.) 26.12.41 - (Reason wanted) Misc. Crimes - (Wanted by) U.K. In: The Central Registry of War Criminals and Security Suspects, Consolidated Wanted Lists, Part 2 - Non-Germans only (March 1947), Naval & University Press, Uckfield 2005, p. 56 (Facsimile del documento originale conservato presso l'Archivio Nazionale Britannico a Kew/Londra)
  16. ^ http://decoratialvalormilitare.istitutonastroazzurro.org/view_doc.php?img=e-1921%20vol_3/e-1921%20vol_3_00000040.JPG
  17. ^ http://decoratialvalormilitare.istitutonastroazzurro.org/view_doc.php?img=e-1918%20vol_4/e-1918%20vol_4_00000492.jpg
  18. ^ http://decoratialvalormilitare.istitutonastroazzurro.org/view_doc.php?img=e-1920%20vol_2/e-1920%20vol_2_00000264.JPG

BibliografiaModifica

  • Nicola Adduci, "Gli altri, fascismo repubblicano a comunità nel Torinese (1943-1945)", FrancoAngeli, Milano, 2014
  • Monica Pieraccini, "Firenze e la Repubblica Sociale Italiana (1943-1944)", Edizioni medicea, Firenze, 2003

Collegamenti esterniModifica