Apri il menu principale

Vicchio

comune italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione di Bagno a Ripoli nella stessa città metropolitana, vedi Vicchio di Rimaggio.
Vicchio
comune
Vicchio – Stemma Vicchio – Bandiera
Vicchio – Veduta
Piazza Giotto a Vicchio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
Città metropolitanaProvincia di Firenze-Stemma.svg Firenze
Amministrazione
SindacoFilippo Carlà Campa (Centro Sinistra) dal 27/05/2019
Territorio
Coordinate43°56′N 11°28′E / 43.933333°N 11.466667°E43.933333; 11.466667 (Vicchio)Coordinate: 43°56′N 11°28′E / 43.933333°N 11.466667°E43.933333; 11.466667 (Vicchio)
Altitudine203 m s.l.m.
Superficie138,86 km²
Abitanti8 140[2] (30-11-2018)
Densità58,62 ab./km²
FrazioniAmpinana, Arsella, Barbiana, Boccagnello, Bovino, Bricciana, Campestri, Casole, Cistio, Cuccino, Farneto, Gattaia, Gracchia, Mirandola, Molezzano, Mulinuccio, Padule, Paterno, Piazzano, Pilarciano, Pimaggiore, Ponte a Vicchio, Rossoio, Rostolena, Rupecanina, Scopeto, Uliveta, Vespignano, Vezzano, Villore, Zufolana[1]
Comuni confinantiBorgo San Lorenzo, Dicomano, Marradi, Pontassieve
Altre informazioni
Cod. postale50039
Prefisso055
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT048049
Cod. catastaleL838
TargaFI
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantivicchiesi
PatronoSan Giovanni Battista
Giorno festivo24 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vicchio
Vicchio
Vicchio – Mappa
Posizione del comune di Vicchio all'interno della città metropolitana di Firenze
Sito istituzionale
Il Cristo in cera realizzato dal maestro ceraiolo de' La Specola fiorentina nel 1798 ed esposto sopra l'altare dell'oratorio della Misericordia di Vicchio

Vicchio è un comune italiano di 8.140 abitanti della città metropolitana di Firenze, situato nella valle del Mugello, in Toscana.

Geografia fisicaModifica

StoriaModifica

Vicchio è stata la patria natale di due pittori che hanno fatto grande l'arte figurativa: Giotto e il Beato Angelico. La casa natale di Giotto sul colle di Vespignano è meta ogni anno di numerosi visitatori. Nel 2001 sono stati festeggiati i 100 anni della posa in opera della statua del pittore nella piazza omonima nel centro del paese.

 
Il caratteristico Cipresso di Montelleri, frazione nei pressi del Lago di Vicchio.

Tra il 1559 e il 1571, a Vicchio soggiornò saltuariamente Benvenuto Cellini. Nella casa che fu dell'orafo e scultore, c'è oggi una scuola di oreficeria, in cui si tengono anche mostre.

Al plebiscito del 1860 per l'annessione della Toscana alla Sardegna i "sì" non ottennero, anche se di poco, la maggioranza degli aventi diritto (1154 su totale di 2772), sintomo dell'opposizione all'annessione[3].

Nel 1901 Giosuè Carducci, spesso ospite della famiglia nobile dei Giarrè Billi nella frazione di Pilarciano, fu il presidente del comitato che portò all'erezione della statua di Giotto, nella piazza centrale del paese.

 
Vista sul Lago di Vicchio. In primo piano il piccolo isolotto sul lago.

Vicchio fu l'epicentro del terremoto del 29 giugno 1919, uno dei maggiori sismi italiani del XX secolo: la scossa ebbe magnitudo 6,2. Il comune, su 1500 abitazioni esistenti, ne vide andare distrutte 700, con altre 500 danneggiate al punto tale da non consentire l'abitabilità. Le vittime furono oltre cento, relativamente poche rispetto alle migliaia di senzatetto: il terremoto avvenne infatti verso le tre del pomeriggio, dopo alcune scosse di preavviso, in una zona e in una stagione in cui la componente rurale, maggioritaria, era impegnata a lavorare nei campi. In quell'occasione caddero anche le mura cittadine e tre delle sei torri. Due di quelle rimaste, la Torre di levante e la Torre di ponente (quelle maggiori) vennero fatte crollare dall'esercito tedesco, durante la sua ritirata. Resta soltanto la torre Cerchiai, visibile da Piazza della Vittoria.

Il 6 marzo 1944 Vicchio fu occupata dai partigiani che procedettero alla cattura e all'assassinio di diversi simpatizzanti fascisti[4].

Il conseguente rastrellamento effettuato da militi della RSI il 12 marzo 1944 portò alla cattura di diversi renitenti alla leva. Tra cui, oltre ad alcuni giovani contadini del posto, un aviere sardo che si era rifugiato presso la famiglia di uno di loro, nei pressi di Gattaia.

I cinque, cosiddetti martiri del Campo di Marte, furono giustiziati il 22 marzo 1944, con l'accusa di renitenza alla leva dalla Banda Carità; essi, tutti ventunenni, si chiamavano Leandro Corona, Ottorino Quiti, Antonio Raddi, Adriano Santoni e Guido Targetti. Il 25 aprile 2008 sono stati insigniti della Medaglia d'oro al Valor Civile dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.[5]. A ricordo è stata posta una targa in un circolo ricreativo fuori dal paese, in località Caselle.

 
Vista su Vicchio con il campanile in lontananza. Sullo sfondo Montesassi.

Tra i momenti più tragici della storia vicchiese si ricorda l'eccidio nazista di Padulivo, avvenuto tra il 10 e l'11 luglio 1944, quando le milizie tedesche, per rappresaglia contro l'assassinio di un loro commilitone per mano partigiana, uccisero 15 persone: Pietro Bastianelli, Mario Banchi, Valeriano Calzolai, Attilio Fibbi, Aldo Galardi, Antonio Gabellini, Maria Giudici, Renzo Gottardi, Annibale Landi, Aurelio Menicucci, Giovacchino Parigi, Renato Poggiali, Nello Santoni, Ettore e Nello Zagli.

Nella piccola frazione di Barbiana visse e operò don Lorenzo Milani, dopo la decisione della Curia di trasferirlo in quanto scomodo. Intellettuale raffinato, sensibile ai problemi dell'educazione, s'impegnò per l'elevazione culturale dei ceti meno abbienti, insegnando a figli di contadini che avrebbero dovuto invece lavorare. Il suo lavoro quotidiano e la sua produzione letteraria sconcertò e stimolò il dibattito pedagogico degli anni sessanta.

Il nuovo Museo di Arte Sacra e Religiosità Popolare Beato Angelico, inaugurato nel giugno del 2000, è il frutto di un lavoro e di un impegno che affonda le radici negli anni sessanta del XX secolo, quando nei locali del Palazzo Comunale si cominciarono a raccogliere oggetti artistici che si consideravano da salvare, perché destinati ad una lenta distruzione oppure perché sottoposti ai furti sempre più frequenti. Il Museo si inserisce nel progetto di Museo Diffuso che interessa il Mugello, l'Alto Mugello e la Val di Sieve.

 
Immagine scattata da Via de Macelli verso via Cavour detta "il Sodo".

Gli importanti scavi etruschi di Poggio Colla, condotti da alcune università americane sotto la direzione del professor Gregory Warden sono visitabili durante la campagna di scavo nei mesi di giugno e luglio[6].

Vicchio, attraverso la frazione Gattaia, è collegato alla località Madonna dei Tre Fiumi, in frazione Ronta nel Comune di Borgo San Lorenzo, da una strada detta "Panoramica", che passa dalla località Il Pozzo (Ronta). Dalla "Panoramica" è possibile godere di fantastiche visuali su gran parte del Mugello. Dalla frazione Gattaia, appartenente a questo comune, si può raggiungere il Monte Verruca. Infine dal Monte Verruca si può raggiungere il monte Castellina su cui è stato costruito un piccolo rifugio.

Vicchio salì alla ribalta della cronaca nera negli anni ottanta: dal 1978 nella comunità del Forteto si verificarono casi di molestie sessuali e pedofilia sugli ospiti accolti, mentre il 29 luglio 1984 si consumò il settimo duplice omicidio del Mostro di Firenze ai danni dei giovanissimi Claudio Stefanacci e Pia Gilda Rontini (nipote del pittore macchiaiolo Ferruccio Rontini).

OnorificenzeModifica

  Medaglia d'argento al merito civile
«Piccolo centro di montagna, durante l'ultimo conflitto mondiale, ospitò i primi nuclei di resistenza armata e partecipò attivamente alla lotta di Liberazione, pagando un notevole tributo di vite umane e di danni materiali. Ammirevole esempio di coraggio, di spirito di libertà e di amor patrio.»
— Vicchio (FI), 1943 - 1945

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

Architetture civiliModifica

  • Ponte di Ragnaia, detto 'ponte di Cimabue', situato nei pressi della statale 551 e poco distante da Vespignano. L'attuale struttura risale al cinquecento e ha sostituito il precedente ponte medioevale, dove, secondo la leggenda, avvenne l'incontro tra Cimabue e il pastorello Giotto intento a disegnare una pecora[8].
  • La Torre dei Cerchiai (struttura di origini medievali, ma ricostruita dopo il terremoto del 1919) è uno dei rarissimi esempi di torre a base pentagonale.

TeatriModifica

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[9]

 

Etnie e minoranze straniereModifica

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 582 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Albania 251 3,04%

Infrastrutture e trasportiModifica

AmministrazioneModifica

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2 agosto 1985 29 giugno 1990 Ubaldo Salimbeni Partito Comunista Italiano Sindaco [10]
6 luglio 1990 24 aprile 1995 Alessandro Bolognesi Partito Democratico della Sinistra, Partito Comunista Italiano Sindaco [10]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Alessandro Bolognesi coaliz.democratica Sindaco [10]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Alessandro Bolognesi centro-sinistra Sindaco [10]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Elettra Lorini centro-sinistra Sindaco [10]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Roberto Izzo Partito Democratico, Partito Socialista Italiano Sindaco [10]
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Roberto Izzo Partito Democratico, Partito Socialista Italiano Sindaco [10]
27 maggio 2019 in carica Filippo Carlà Campa centro-sinistra Sindaco [10]

GemellaggiModifica

SportModifica

CalcioModifica

La principale squadra di calcio della città è stata l'U.S. Vicchio che militava nelle categorie dilettantistiche toscane. Fallita per mancanza di fondi, ha lasciato il posto a una nuova formazione, l'A.S.D. Sandro Vignini, incentrata sul calcio giovanile e dilettantistico.

NoteModifica

  1. ^ Comune di Vicchio - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2018.
  3. ^ Nidia Danelon Vasoli, Il plebiscito in Toscana nel 1860, Firenze, Olschki, 1968, in cui si fa riferimento anche al casi di Castiglion Fibocchi e Radda in Chianti
  4. ^ Luca Poggiali, La guerra civile a Firenze, articolo su Storia e battaglie n° 94, settembre 2009, p. 4: "Dopo l'occupazione per pochissime ore di Vicchio di Mugello (la sera del 6 marzo 1944) e l'eliminazione di diversi fascisti (anche civili disarmati prelevati ed eliminati, come Giovanni Dreoni, un autista di piazza; un episodio su cui si è sempre glissato, con alcuni partigiani che scrivono di "un tentativo di fuga" decisamente improbabile, effettuato dalla base partigiana su Monte Giovi.
  5. ^ Eccidio di Campo di Marte, medaglie d'oro al valore civile consegnate da Napolitano · 055NEWS.IT Archiviato il 14 gennaio 2012 in Internet Archive.
  6. ^ Mugello Valley Archaeological Project and Poggio Colla Field School Home Archiviato il 27 maggio 2009 in Internet Archive.
  7. ^ www.ilfilo.net.
  8. ^ www.comune.vicchio.fi.it Archiviato il 7 giugno 2015 in Internet Archive..
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNF (FRcb12295218g (data)
  Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana