Apri il menu principale

BiografiaModifica

Era il terzo figlio del duca Ernesto Federico II di Sassonia-Hildburghausen e della consorte Carolina di Erbach-Fürstenau.

Deve il suo nome al padrino di battesimo Eugenio di Savoia.

Entrò nell'esercito e raggiunse nell'esercito reale danese il grado di tenente-generale della fanteria. Nel paese natale divenne ricoprì il ruolo di comandante del Corpo di Artiglieria.

Fondò nel 1765 la fabbrica di porcellana Veilsdorf. A Hildburghausen fondò inoltre una nuova parrocchia, costruì una nuova chiesa e una villa reale. Eugenio era un meccanico esperto e mitragliere.

Nel 1769 venne nominato dall'imperatore Giuseppe II, insieme con lo zio Giuseppe, Commissario per il debito della Sassonia-Hildburghausen, i cui governanti avevano mandato il paese in bancarotta. Eugenio venne accusato di aver sottratto beni causando una controversia con lo zio[1]. Si trasferì nel 1770 a Öhringen dal fratello Ernesto Federico.

Sposò a Öhringen il 13 marzo 1778 la nipote Carolina di Sassonia-Hildburghausen, figlia di suo fratello maggiore Ernesto Federico III di Sassonia-Hildburghausen[2]. Dall'unione non nacquero figli.

NoteModifica

  1. ^ Heinrich Ferdinand Schoeppl: Die Herzoge von Sachsen-Altenburg. Bozen 1917, Neudruck Altenburg 1992 S. 89
  2. ^ Wettin 7

Voci correlateModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN13376446 · GND (DE129001430 · CERL cnp00883862