Apri il menu principale

Frederick Ashton

danzatore e coreografo inglese

Sir Frederick William Mallandaine Ashton (Guayaquil, 17 settembre 1904Eye, 18 ottobre 1988) è stato un danzatore e coreografo inglese. Insieme a Ninette de Valois contribuì alla nascita e allo sviluppo del balletto britannico.

A 13 anni visse un evento che avrebbe cambiato per sempre la sua esistenza: vide uno spettacolo danzato dalla leggendaria ballerina Anna Pavlova al Teatro Municipale di Lima, in Perù. Ne fu così impressionato che da quel giorno in poi seppe che sarebbe diventato un ballerino.

Nel 1919 si trasferì in Inghilterra per frequentare il Dover College e studiare sotto la guida del famoso Léonid Mjasin prima e poi di Marie Rambert. Fu la Rambert che scoprì la sua predisposizione per la coreografia e gli affidò il suo primo balletto, The Tragedy of Fashion nel 1926, dando il via in questo modo ad una folgorante carriera di coreografo, piena di successi.

Nel 1928 si unì alla compagnia di Ida Rubinštejn in Francia e poté studiare sotto la guida della direttrice Bronislava Nijinskaja.

Tornato in Inghilterra, iniziò a coreografare per il Ballet Rambert, allora chiamato The Ballet Club. Arrivò alla fama con il Vic-Wells Ballet (poi Sadler's Wells Ballet ed infine Royal Ballet), del quale era direttrice Dame Ninette de Valois, diventando il coreografo residente nel 1935 fino alla fine dei suoi giorni. La sua versione de La Fille Mal Gardée, nella quale decise di usare la musica di Ferdinand Hérold del 1828 come base per nuove composizioni inedite, ebbe un successo clamoroso. Tra gli altri ballerini famosi, lavorò anche con Margot Fonteyn. Per molti anni le sue performance en travesti nella parte di una delle sorellastre nel balletto Cenerentola (musica di Sergei Prokofiev) furono eventi molto attesi per molti anni.

Nel 1962 fu nominato dalla regina Pari d'Inghilterra per il suo contributo al balletto.

Maggiori coreografieModifica

OnorificenzeModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN46936974 · ISNI (EN0000 0001 1026 2010 · LCCN (ENn50001986 · GND (DE118646095 · BNF (FRcb13617957z (data) · NLA (EN35618623 · WorldCat Identities (ENn50-001986