Apri il menu principale

Fuochi d'artificio in pieno giorno

film del 2014 diretto da Diao Yinan
Fuochi d'artificio in pieno giorno
Fuochi d'artificio in pieno giorno.png
I protagonisti Liao Fan e Kwai Lun-mei in una sequenza del film
Titolo originale白日焰火
Báirì yànhuǒ
Lingua originalemandarino
Paese di produzioneCina
Anno2014
Durata110 min
Generethriller, poliziesco
RegiaDiao Yinan
SceneggiaturaDiao Yinan
ProduttoreVivian Qu, Juan Wan
Produttore esecutivoDaniel J. Victor
Casa di produzioneOmnijoi Media, Boneyard Entertainment China, China Film Co.
Distribuzione in italianoMovies Inspired
FotografiaJingsong Dong
MontaggioHongyu Yang
Effetti specialiA. Donglin
MusicheWen Zi
TruccoDecor Elaine
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Fuochi d'artificio in pieno giorno (Báirì yànhuǒ) è un film del 2014 scritto e diretto da Diao Yinan.

È stato proiettato in anteprima alla 64ª edizione del Festival di Berlino, aggiudicandosi l'Orso d'oro e l'Orso d'argento per il miglior attore.[1]

Indice

TramaModifica

Estate 1999, in una piccola città della Cina settentrionale vengono scoperti diversi cadaveri. Nel tentativo di catturare il presunto assassino, due poliziotti rimangono uccisi in un conflitto a fuoco. L'unico superstite è l'ispettore Zhang Zili, che rinuncia però a proseguire le indagini e chiede il trasferimento ad un altro reparto. Cinque anni dopo Zhang è un uomo disilluso, psichicamente provato e facilmente incline all'alcool, ma quando si verifica un'altra serie di misteriosi omicidi vede la possibilità di affrontare i fantasmi del passato e riscattarsi come uomo. Decide quindi di indagare e scopre che tutte le vittime erano collegate a Wu Zhizhen, una giovane donna che lavora in una tintoria. Fingendo di essere un cliente, Zhang comincia ad osservarla e ben presto se ne innamora, fin quando fa una scoperta che mette in serio pericolo la propria vita.

DistribuzioneModifica

Dopo l'anteprima del 12 febbraio 2014 al Festival di Berlino, il film è stato distribuito in Cina dal successivo 21 marzo. In seguito ha presenziato in molte altre manifestazioni internazionali.[2]

Date di uscitaModifica

  • Cina (Bai ri yan huo) – 21 marzo 2014
  • Francia (Black Coal) – 11 giugno 2014
  • Turchia (Ince Buz, Kara Kömür) – 11 luglio 2014
  • Germania (Feuerwerk am helllichten Tage) – 24 luglio 2014
  • Spagna (Black Coal) – 3 ottobre 2014
  • Portogallo (Carvão Negro, Gelo Fino) – 11 dicembre 2014
  • Paesi Bassi (Black Coal, Thin Ice) – 8 gennaio 2015
  • Giappone (Hakuhyou no satsujin) – 10 gennaio 2015
  • Polonia (Czarny wegiel, kruchy lód) – 23 gennaio 2015
  • Svezia (Black Coal, Thin Ice) – 30 gennaio 2015
  • Messico (Tan negro como el carbón) – 8 maggio 2015
  • Italia (Fuochi d'artificio in pieno giorno) – 23 luglio 2015

Festival internazionaliModifica

AccoglienzaModifica

IncassiModifica

Complessivamente il film ha incassato poco meno di 17 milioni di dollari, di cui oltre 16 milioni in Cina. In Italia ha riportato un incasso di 86.664 dollari (circa 74 mila euro).[3]

CriticaModifica

Il film ha ottenuto ottime recensioni dalla critica. Il sito Rotten Tomatoes riporta il 95% di recensioni professionali con giudizio positivo e un voto medio di 7,8 su 10, mentre il sito Metacritic assegna al film un punteggio di 75 su 100 basato su 5 recensioni.[4][5]

  • Scott Foundas, Variety: «Un thriller investigativo desolato ma potente e attentamente controllato in cui, come in tutti i migliori noir, non ci sono veri eroi o cattivi ma solo vari stati di compromesso».[6]
  • Deborah Young, The Hollywood Reporter: «Se la trama fosse solo più coerente e amichevole con il pubblico e il racconto più disciplinato, l'atmosfera straordinariamente complessa del film sarebbe irresistibile».[7]
  • Bob Strauss, Los Angeles Daily News: «Momenti di violenza scioccante, una femme fatale passiva/aggressiva e accenni di profondità psicologica non fanno molto per potenziare una trama da poliziesco televisivo».[8]
  • Shelly Kraicer, Cinema Scope: «È la sfumatura più oscura del noir, colma di smembramenti e violenze sessuali, anche se Diao Yinan la vivacizza con luci al neon sottilmente insinuanti, un senso dell'umorismo assurdo notevolmente audace e alcuni ornamenti eleganti e molto arguti».[9]
  • Martyn Conterio, CineVue: «Oltre ad essere più lunatico di un paesaggio sonoro dei Nine Inch Nails, crepitante con una tensione sessuale appena dissimulata e traboccante di angoscia, la fotografia di Jingsong Dong è sublime».[10]
  • David Ehrlich, Little White Lies: «Forse il film più angosciante della Cina continentale dopo Mang shan di Li Yang».[11]
  • Kate Muir, The Times: «Ciò che affascina non è semplicemente la trama ma il background meravigliosamente girato, luci al neon rosse e verdi su un paesaggio urbano grigio».[12]
  • Peter Bradshaw, The Guardian: «Non prende mai fuoco, ma ha una sua curiosa atmosfera minacciosa, carica di disagio».[13]
  • Tim Robey, The Daily Telegraph: «Se l'intenzione di Diao Yinan è quella di confonderci, ha la cortesia di farlo con uno stile e una verve spesso sorprendenti».[14]

RiconoscimentiModifica

  • 2014Festival internazionale del cinema di Berlino
    Orso d'oro a Diao Yinan
    Orso d'argento per il miglior attore a Liao Fan
  • 2014 – Festival internazionale del cinema di Abu Dhabi
    Candidatura alla Perla Nera per il miglior lungometraggio a Diao Yinan
  • 2014 – Asia Pacific Screen Awards
    Miglior fotografia a Jingsong Dong
    Miglior attore a Liao Fan
  • 2014 – Beijing College Student Film Festival
    Premio della giuria per il miglior regista a Diao Yinan
    Candidatura al premio della giuria per il miglior film
    Candidatura al premio della giuria per il miglior attore a Liao Fan
    Candidatura al premio della giuria per la miglior attrice a Kwai Lun-mei
  • 2014 – Chicago International Film Festival
    Candidatura al Gold Hugo per il miglior lungometraggio a Diao Yinan
  • 2014 – Film Fest Gent
    Candidatura al Grand Prix per il miglior film
  • 2014 – Golden Horse Film Festival
    Miglior direttore artistico a Qiang Liu
    Candidatura per il miglior lungometraggio
    Candidatura per il miglior regista a Diao Yinan
    Candidatura per il miglior attore protagonista a Liao Fan
    Candidatura per la migliore attrice protagonista a Kwai Lun-mei
    Candidatura per la migliore sceneggiatura originale a Diao Yinan
    Candidatura per la migliore fotografia a Jingsong Dong
    Candidatura per il miglior montaggio a Hongyu Yang
  • 2014 – Odessa International Film Festival
    Golden Duke per il miglior regista a Diao Yinan
  • 2014 – Sydney Film Festival
    Candidatura per il miglior film a Diao Yinan
  • 2015 – Asian Film Awards
    Miglior attore a Liao Fan
    Migliore sceneggiatura a Diao Yinan
    Candidatura per il miglior film
    Candidatura per la migliore fotografia a Jingsong Dong
  • 2015 – China Film Director's Guild Awards
    Miglior attore a Liao Fan
    Migliore sceneggiatura a Diao Yinan
    Candidatura per il miglior regista a Diao Yinan
    Candidatura per la migliore attrice a Kwai Lun-mei
  • 2015 – Chinese Film Media Awards
    Candidatura per il miglior film
    Candidatura per il miglior regista a Diao Yinan
    Candidatura per la migliore sceneggiatura a Diao Yinan
    Candidatura per il miglior attore a Liao Fan
    Candidatura per il miglior attore non protagonista a Ailei Yu
  • 2015 – Cinema Bloggers Awards
    Candidatura per il miglior film asiatico a Diao Yinan
  • 2015 – Golden Rooster Awards
    Candidatura per il miglior montaggio a Hongyu Yang
  • 2015 – Huading Award
    Candidatura per il miglior attore a Liao Fan
    Candidatura per la migliore attrice a Kwai Lun-mei
  • 2015 – International Cinephile Society Awards
    Miglior film non distribuito nel 2014

NoteModifica

  1. ^ Prizes & Honours 2014, www.berlinale.de. URL consultato il 2 luglio 2018.
  2. ^ Fuochi d'artificio in pieno giorno - Release Info, www.imdb.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  3. ^ Black Coal, Thin Ice, www.boxofficemojo.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  4. ^ Bai ri yan huo (Black Coal, Thin Ice) (2015), www.rottentomatoes.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  5. ^ Black Coal, Thin Ice, www.metacritic.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  6. ^ Film Review: Black Coal, Thin Ice, www.variety.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  7. ^ Black Coal, Thin Ice (Bai Ri Yan Huo): Berlin Review, www.hollywoodreporter.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  8. ^ AFI Fest 2014 Review: "Black Coal, Thin Ice" a semi-realistic Chinese murder mystery, www.dailynews.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  9. ^ Festivals - Berlin: Black Coal, Thin Ice, www.cinema-scope.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  10. ^ DVD Review: "Black Coal, Thin Ice", www.cine-vue.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  11. ^ Bai ri yan huo (Black Coal, Thin Ice) Reviews, www.rottentomatoes.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  12. ^ Black Coal, Thin Ice, www.thetimes.co.uk. URL consultato il 2 luglio 2018.
  13. ^ Black Coal, Thin Ice review – Diverting, downbeat noir, www.theguardian.com. URL consultato il 2 luglio 2018.
  14. ^ Black Coal, Thin Ice, review: "An epic murder mystery", www.telegraph.co.uk. URL consultato il 2 luglio 2018.

Collegamenti esterniModifica